G-20: i diplomatici falliscono nell’unità sull’Ucraina

I diplomatici del G-20 sono profondamente divisi tra le nazioni in via di sviluppo e quelle più ricche e più grandi del mondo, e quindi non sono riusciti a trovare un terreno comune sulla guerra della Russia in Ucraina.

Sergej Lavrov
Sergej Lavrov – Nanopress.it

Altri problemi sono nati sul come affrontare l’impatto globale, lasciando incerte le prospettive per la futura cooperazione nel forum. Durante i colloqui, che sono stati ‘travolti’ da due sviluppi politici non correlati e inaspettati, tra cui lo scioccante assassinio di un ex primo ministro giapponese, un gruppo di 20 ministri degli Esteri ha ascoltato un’emozionante richiesta di unità e la fine della guerra dal parte de loro ospite indonesiano.

Il G-20 alle prese con Guerra in Ucraina e rapporto Cina-Russia e USA-UE

Tuttavia, il consenso è rimasto sfuggente in mezzo all’intensificarsi delle divisioni est-ovest guidate da Cina e Russia da un lato e Stati Uniti ed Europa dall’altro. Non sono state scattate foto di gruppo né è stato emesso un comunicato finale come è stato fatto negli anni precedenti e l’acrimonia è apparsa pervasiva, soprattutto tra la Russia e i partecipanti occidentali.

Sebbene fossero presenti nella stessa stanza contemporaneamente per la prima volta dall’inizio della guerra in Ucraina, il segretario di Stato americano Antony Blinken e il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, si sono apertamente ignorati.

Lavrov ha abbandonato il procedimento almeno due volte: una volta quando la sua controparte tedesca Annalena Baerbock ha parlato alla sessione di apertura, e un’altra appena prima che il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba parlasse in video alla seconda sessione.

L’incontro è iniziato poche ore dopo che il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato le sue dimissionì, spingendo il suo ministro degli Esteri Liz Truss a lasciare Bali, ed era appena in corso quando l’ex primo ministro giapponese Shinzo Abe è stato colpito a colpi di arma da fuoco.

Sia Johnson che Abe sono ben noti alla famiglia del G-20, avendo partecipato in passato a numerose conferenze simili e a vertici dei leader. Uno degli obiettivi della riunione di venerdì era gettare le basi per il prossimo vertice del G-20 che l’Indonesia ospiterà a novembre.

Shock per la notizia dell’assassinio di Abe

Molti, se non tutti i partecipanti, hanno espresso il loro shock per la sparatoria di Abe avvenuta mentre stavano tenendo la prima di due sessioni plenarie, sull’importanza di ripristinare la fiducia nel multilateralismo e sostenere l’ordine globale basato su regole.

Antony Blinken
Antony Blinken – NanoPress.it

Il ministro degli Esteri indonesiano Retno Marsudi aveva esortato il gruppo – che comprendeva Lavrov, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, Blinken e diverse controparti europee – a superare la sfiducia per il bene di un pianeta che deve affrontare molteplici sfide, dal coronavirus ai cambiamenti climatici e all’Ucraina. “Il mondo deve ancora riprendersi dalla pandemia, ma siamo già di fronte a un’altra crisi: la guerra in Ucraina”, ha detto Marsudi.

“Gli effetti a catena si fanno sentire a livello globale sul cibo, sull’energia e sullo spazio fisico”. Ha osservato che i paesi poveri e in via di sviluppo ora devono far fronte al peso maggiore della carenza di carburante e grano derivante dalla guerra in Ucraina, e ha affermato che il G-20 ha la responsabilità di intensificare e affrontare la questione per garantire che l’ordine globale basato su regole rimanga rilevante.

La guerra in Ucraina ha scosso quell’ordine, ha detto, mentre Lavrov sembrava rimescolare i fogli senza espressione al suo posto tra i ministri degli esteri dell’Arabia Saudita e del Messico. “Onestamente, non possiamo negare che è diventato più difficile per il mondo sedersi insieme”, ha detto Marsudi.

Ha aggiunto lamentosamente: “Il mondo ci sta guardando, quindi non possiamo fallire”. Ma dopo che l’incontro si è concluso, Marsudi non ha potuto indicare alcun accordo raggiunto da tutti i partecipanti, anche se ha affermato che c’era stata un’ampia preoccupazione per le interruzioni alimentari ed energetiche causate dalla guerra in Ucraina.

Ha aggiunto che solo “alcuni paesi hanno espresso la condanna dell’atto di invasione”. In effetti, sebbene fossero seduti attorno allo stesso grande tavolo da conferenza, né Lavrov né Blinken si parlavano. “Sai, non siamo stati noi ad abbandonare tutti i contatti”, ha detto Lavrov ai giornalisti dopo la prima sessione. “Sono stati gli Stati Uniti. Questo è tutto ciò che posso dire.

E non stiamo correndo dietro a nessuno che suggerisce incontri. Se non vogliono parlare, è una loro scelta”. Alla domanda sul perché non ci fosse stata una foto di gruppo, Lavrov ha risposto: “Non ho invitato nessuno a posare per una foto insieme a me”.

Blinken accusa la Russia di bloccare milioni di tonnellate di grano

“È ovvio che hanno usato il G-20 per obiettivi che non erano previsti quando è stato creato”, ha detto. Poco dopo, Blinken ha preso di mira direttamente la delegazione russa, accusando Mosca nella seconda sessione del G-20 di bloccare milioni di tonnellate di grano nei porti ucraini, e di causare insicurezza alimentare in gran parte del mondo, secondo un diplomatico occidentale presente.

Luigi Di Maio
Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio – Nanopress.it

Lavrov non era presente per i commenti di Blinken e la sua controfigura ha iniziato l’intervento della Russia dicendo al gruppo che non aveva preparato osservazioni, secondo il diplomatico, che ha parlato in condizione di anonimato per descrivere l’incontro a porte chiuse.

Funzionari statunitensi avevano affermato di essere determinati a non consentire alle distrazioni di distogliere l’attenzione da quelli che ritengono dovrebbero essere gli obiettivi principali della conferenza di Bali: l’interruzione delle forniture mondiali di cibo ed energia causata dalla guerra russa in Ucraina, incolpare Mosca per questo e lo smistamento una risposta all’arresto della carenza che sta già devastando l’Africa, l’Asia e altrove.

Funzionari statunitensi avevano lasciato intendere che non ci sarebbe stato alcun comunicato di gruppo come è avvenuto negli anni precedenti, quando il gruppo aveva prodotto dichiarazioni congiunte su questioni chiave come il terrorismo, la criminalità transnazionale, il clima e le questioni economiche che sono state viste come progetti per l’azione globale.

Funzionari statunitensi hanno affermato che era meno importante per il G-20 presentare una posizione unificata come entità di quanto lo sarebbe per piccoli blocchi di paesi e singole nazioni parlare e agire. La competizione per il sostegno tra le squadre è stata agguerrita. Wang e Lavrov si sono fermati in varie capitali asiatiche sulla strada per Bali, raccogliendo sostegno per varie posizioni cinesi e russe e rafforzando i loro legami tra le nazioni non alleate.

Blinken, i francesi, tedeschi e britannici, nel frattempo, sono arrivati ​​tutti a Bali da due incontri organizzati e orientati all’occidente in Europa la scorsa settimana: i vertici del G-7 e della NATO in cui c’era scarso segno di rancore o dibattito e unità sull’Ucraina è stata assicurato.

Con i suoi membri più ampi, inclusi paesi come l’Indonesia ospitante e grandi paesi in via di sviluppo come India, Brasile, Sud Africa e altri, il G-20 è molto più diversificato, scettico nei confronti delle intenzioni occidentali e più aperto alle suppliche e alle offerte dei grandi vicini come la Cina e Russia e più vulnerabili alle loro minacce.

Tentando di percorrere una via di mezzo, il presidente del G-20 di quest’anno, l’Indonesia, ha cercato di colmare le lacune possibili, definendo un’agenda che non è intrinsecamente divisiva o politica. Il paese ha cercato di rimanere neutrale nell’affrontare l’invasione russa dell’Ucraina e il presidente Joko Widodo è stato cauto nei suoi commenti.