Fernández porta all’ONU il tentato omicidio della Kirchner

Il presidente argentino Fernández condanna la violenza politica e avverte che l’attacco ha cercato di alterare la costruzione democratica del Paese.

Alberto Fernández
Alberto Fernández – NanoPress.it

Il presidente dell’Argentina, Alberto Fernández, ha messo in guardia davanti all’Assemblea generale delle Nazioni Unite dal rischio di “discorsi estremisti e violenti” per la democrazia mondiale. Nella sua prima apparizione davanti ai leader mondiali, Fernández ha ringraziato la solidarietà ricevuta di fronte al tentato omicidio della vicepresidente, Cristina Fernández de Kirchner, il 1 settembre.

“Noi argentini abbiamo costruito l’accordo Never Again sul terrorismo di stato e sulla violenza politica”, ha detto Fernández

L’attacco, secondo il presidente, aveva lo scopo di alterare la costruzione democratica del Paese negli ultimi quattro decenni. “Noi argentini abbiamo costruito l’accordo Never Again sul terrorismo di stato e sulla violenza politica”, ha detto Fernández, prima di esprimere la sua fiducia che questo accordo sia ancora in vigore nonostante l’attacco che ha sconvolto il Paese: “Sono sicuro che la violenza fascista mascherata da repubblicanesimo non potrà cambiare quell’ampio consenso a cui aderisce la stragrande maggioranza della società argentina”.

Ciononostante, il presidente argentino ha chiesto all’Assemblea generale di ascoltare i segnali di allarme di fronte all’aumento di discorsi che cercano di “indebolire ed erodere le democrazie” promuovendo la polarizzazione e il “sentimento antipolitico”. Fernández ha portato sull’arena internazionale ciò che il governo peronista ripete in casa da quando Fernando Sabag Montiel ha sparato alla testa di Kirchner: il legame tra l’attacco e i messaggi odiosi lanciati dai gruppi di opposizione e dai media contro il vicepresidente, la figura più influente in Argentina.

Cristina Fernández de Kirchner
Cristina Fernández de Kirchner – NanoPress.it

Come è consuetudine nei discorsi dei leader argentini all’ONU, Fernández ha chiesto ancora una volta la sovranità delle Isole Malvinas e ha insistito sulla richiesta che l’Iran consenta agli accusati del peggior attacco della storia dell’Argentina, quello perpetrato contro il quartier generale della mutua ebraica AMIA a Buenos Aires nel 1994. 85 persone sono state uccise nell’attacco e dozzine sono rimaste ferite. Inoltre, ha chiesto di revocare i blocchi contro Cuba e il Venezuela.

Durante il suo discorso, Fernández ha anche fatto riferimento all’accordo di rinegoziazione dei 44 miliardi di debiti contratti con il FMI nel 2018. “Il mio governo non ha generato il debito, ma lo affronta seriamente”, ha affermato davanti ai leader mondiali.Il giorno prima, il presidente argentino ha incontrato a New York la presidente del Fondo monetario internazionale (Fmi), Kristalina Georgieva, per valutare il rispetto dell’accordo.

Georgieva è soddisfatta dei progressi compiuti dall’Argentina, anche se ha avvertito che la principale questione in sospeso nel paese sudamericano è l’inflazione, che è vicina all’80% su base annua. “Quello di cui discutiamo con ogni ministro è come combattere l’inflazione, non ci sono stati cambiamenti fondamentali”, ha detto Georgieva in una conferenza stampa. Poche ore prima dell’incontro, il Fmi ha annunciato l’approvazione del secondo esborso per l’Argentina dalla firma dell’accordo, di quasi 4.000 milioni di dollari.