Federica Pellegrini va in finale per la quinta volta: record assoluto

Federica Pellegrini è la prima atleta olimpica a entrare in finale alle olimpiadi per la quinta volta nella sua carriera: prima di lei soltanto Michael Phelps

Federica Pellegrini

Foto Shutterstock | DELBO ANDREA

Federica Pellegrini entra ufficialmente nella storia olimpica qualificandosi per la finale dei 200 metri stile libero femminile per la quinta volta nella sua carriera sportiva. Si tratta della prima volta in cui una donna riesce nell’impresa e le parole dell’atleta non nascondono l’emozione per il traguardo tagliato.

Non era l’obiettivo minimo, questo era il mio vero obiettivo per questa olimpiade“, così ha detto Federica Pellegrini ai microfoni della Rai. “Era un obiettivo difficile perché il livello si è alzato molto“, prosegue Pellegrini, ormai alla soglia dei 33 anni, mentre commenta il risultato e la qualificazione in finale. “Che sarà l’ultima, ve lo dico già: il mio corpo mi sta chiedendo indietro i minuti spesi con gli interessi“, dice la campionessa tra la lacrime di gioia.

Federica Pellegrini in finale alle Olimpiadi per la quinta volta

Dopo Atene nel 2004, quando si è classificata seconda, l’oro a Pechino nel 2008, la vittoria a Londra, quando è arrivata quinta, e il successo a Rio 2016, dove si è classificata in quarta posizione, Federica Pellegrini si prepara a entrare nella storia olimpica con le Olimpiadi di Tokyo 2020, anche se il podio rimane difficile da raggiungere. L’unico altro atleta a raggiungere questo record nella stessa disciplina era stato il nuotatore Michael Phelps, nei 200 metri farfalla.

Quando si terrà la finale e chi si gioca il podio

Federica Pellegrini si è qualificata con il tempo di 1 min 56,44 s, il settimo nelle semifinali, e la finale si svolgerà alle 3.30 di mercoledì 28 luglio. Le favorite nella competizione finale saranno l’australiana Ariarne Titmus, che ha segnato il miglior tempo delle semifinali, e la statunitense Kathleen Ledecky, vincitrice dell’oro alle Olimpiadi Rio de Janeiro. Ma a salire sul podio potrebbero anche essere Siobhan Bernadette Haughey, di Hong Kong, e la cinese Yang Junxuan.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.

Da non perdere