Esame Maturità 2022: tutto quello che c’è da sapere sulla prima prova

Il Ministero dell’Istruzione cambia nuovamente il metodo di svolgimento degli esami di Maturità 2022. Ecco una guida alle tracce, alla durata e all’elaborazione della prima prova scritta.

studente
Esame Maturità – Nanopress.it

All’Esame di Maturità 2022, torna in vigore dopo due anni la prova scritta di italiano, programmata per il prossimo 22 giugno. Le tracce saranno sette e uguali per tutti, scelte chiaramente dal Ministero dell’Istruzione. Ogni studente dovrà scegliere in base alla propria e personale preparazione.

Curiosità e tracce della prima prova

La prima prova scritta si svolgerà mercoledì 22 giugno 2022, dalle ore 8:30 del mattino per una durata totale di sei ore. Si tratterà di sette tracce divise a loro volta in tre tipologie: analisi e interpretazione del testo letterario, analisi e produzione del testo argomentativo e riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su alcune tematiche di attualità.

Questa prova di italiano consiste nell’elaborazione di differenti tipologie di testo in ambito artistico, filosofico, scientifico, letterario, sociale, storico, tecnologico ed economico.

Essa sarà probabilmente strutturata in più parti, principalmente per consentire la verifica di competenze diverse.

Si tratta di una prova nazionale ed è quindi indispensabile che tutti i maturandi ricevano il plico con il materiale necessario nello stesso momento.

Il sistema di valutazione

Esame
Prova scritta esame – Nanopress.it

Per quanto riguarda il metodo di valutazione degli esami, le commissioni possono assegnare un massimo di 60 punti, a cui si aggiungono massimo 40 punti. Il voto in centesimi deve essere ricondotto successivamente in ventesimi con l’opportuna proporzione.

Infine, ottenuto il voto in ventesimi, questo viene convertito in quindicesimi attraverso la tabella di conversione fornita anch’essa dal Ministero dell’Istruzione.

In aggiunta, a seguito si avranno 10 punti per la seconda prova e 25 punti per il colloquio orale. Quest’anno sembra dunque esserci una grande considerazione per la valutazione del credito scolastico e al colloquio.

Inizialmente infatti era previsto che il credito e le prove scritte valessero 40 punti, mentre il colloquio fino a 20.

Come affrontare la prova

Per prepararsi, è sicuramente utile allenarsi attraverso le simulazioni. Anche esercitandosi nella scrittura di temi di vario tipo si potrà acquisire facilmente più dimestichezza e serenità, due degli elementi principali per svolgere al meglio la prova d’esame.

Per giunta, a volte lo stress e l’ansia possono giocare brutti scherzi, soprattutto per quanto riguarda gli esami. Perciò è essenziale dedicare il tempo adeguato allo studio, preparando un vero e proprio schema, aiutando a ridurre il lavoro di ripasso dei giorni prima dell’esame.