Erdogan ‘provoca’ la NATO annunciando un intervento militare in Siria

Erdogan cerca di porre fine alla presenza delle milizie curdo-siriane, che il governo di Ankara vede come una minaccia, e di installare profughi nei territori occupati.

Erdogan
Erdogan – NanoPress.it

Erdogan invoca l’utilizzo di militare per ‘stabilizzare’ il sud del Paese

La Turchia sta finalizzando un nuovo intervento militare in Siria, ha annunciato mercoledì il presidente Recep Tayyip Erdogan. “Stiamo entrando in una nuova fase della nostra lotta per stabilire una zona di sicurezza di 30 chilometri a sud del nostro confine”, ha detto il presidente turco in un discorso ai parlamentari del suo partito ad Ankara.

L’annuncio mette a dura prova le relazioni con la NATO, dopo che la Turchia ha minacciato di porre il veto all’ingresso di Svezia e Finlandia nell’Alleanza Atlantica. Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha avvertito che l’operazione potrebbe “minare la stabilità regionale”.

In varie incursioni nel 2016, 2018 e 2019, le forze armate turche hanno preso il controllo di diverse fasce di territorio nelle province siriane settentrionali di Aleppo, Raqqa e Hasaka, e mantengono anche posti di osservazione nella provincia di Idlib, controllata dai ribelli islamici.

La nuova operazione sarebbe diretta contro le aree di Tel Rifat —enclave in mano alle milizie curdo-siriane circondata da territorio controllato dalla Turchia, a nord, ea sud, dal regime di Bachar El Asad— e Manbij, anch’essa in mani curde, ma a maggioranza araba.

L’obiettivo, secondo Erdogan, è “ripulire i terroristi” da queste aree dominate dalle Unità di protezione popolare (YPG), una milizia strettamente legata al gruppo armato Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), che attacca la Turchia ed è anche inclusa negli elenchi delle organizzazioni terroristiche dell’Unione Europea e degli Stati Uniti.

Giovedì scorso si è riunito il Consiglio di sicurezza nazionale, che riunisce il governo turco e rappresentanti delle Forze armate e dello spionaggio, per discutere della possibile operazione in Siria e di quella in corso dal 17 aprile nel nord dell’Iraq, dove quasi trenta turchi soldati sono già morti e più di cento militanti del Pkk sono stati “neutralizzati”, nelle parole di Ankara.

Truppe dell’esercito turco spostate al cofine con la Siria

Nei giorni scorsi le truppe dell’esercito turco si sono spostate nella zona di confine con la Siria e le forze ribelli siriane fedeli ad Ankara si sono concentrate nei pressi dell’area dove è previsto il nuovo intervento turco. Diverse città intorno a Tel Rifat e Manbij sono state attaccate dall’artiglieria e dai droni turchi e ci sono state manifestazioni contro il possibile intervento della Turchia.

Militari turchi
Militari turchi – NanoPress.it

Centinaia di proiettili hanno colpito “campi arabili, fattorie, istituzioni mediche e posti di comunicazione” in “un’area sovraffollata da indigeni e civili sfollati dalle aree di Ras al Ain e Afrin” (due località occupate dalla Turchia), afferma il servizio. rilascio delle forze democratiche siriane (SDF), la coalizione militare guidata dalle YPG che gestisce gran parte della Siria settentrionale e nord-orientale.

Un altro obiettivo dell’intervento turco è controllare il territorio per ricollocare i profughi siriani che attualmente risiedono in Turchia e che, a causa della crisi economica, sono sempre meno i benvenuti. Mercoledì il ministro dell’Interno turco Süleyman Soylu ha avvertito che “la Turchia non può resistere a una nuova ondata di rifugiati”, sottolineando che l’unica soluzione è “ripulire i terroristi” del nord della Siria per sistemare i rifugiati nelle case che varie istituzioni turche stanno costruendo nell’area.

Il governo turco sostiene inoltre che non è stato rispettato l’impegno preso con Russia e Stati Uniti dopo il suo ultimo intervento, nel 2019, secondo il quale una fascia di 30 chilometri a sud del suo confine sarebbe libera dalla presenza delle YPG. È una questione difficile da risolvere, poiché queste milizie godono di un grande appoggio in alcune aree a maggioranza curda nel nord della Siria e sono, inoltre, il principale supporto per le truppe che gli Stati Uniti mantengono ancora nel nord del Paese.

Dal 2014 sono il principale alleato di Washington nella lotta allo Stato Islamico, che negli ultimi mesi è riemerso con vari attacchi.Nel 2019, dopo vari tiro alla fune, il presidente Donald Trump ha ordinato il ritiro delle forze armate statunitensi schierate al confine turco-siriano, lasciando il posto all’intervento turco. Questa volta, Washington ha mostrato la sua opposizione ai nuovi movimenti di truppe turche.

“La grande preoccupazione che abbiamo è che qualsiasi nuova offensiva minerebbe la stabilità regionale” e “fornirebbe un’opportunità agli attori malintenzionati di sfruttare l’instabilità”, ha detto Blinken in una conferenza stampa a Washington giovedì. “Ci opponiamo a qualsiasi escalation nel nord della Siria e sosteniamo il mantenimento delle attuali linee di cessate il fuoco”, ha insistito il capo della diplomazia statunitense insieme al segretario generale della Nato Jens Stoltenberg.

ll problema è sempre quello di ‘eliminare’ il PKK

“Non vogliamo nulla che metta a repentaglio gli sforzi che stiamo facendo per mantenere l’Isis nella scatola in cui l’abbiamo rinchiuso”, ha aggiunto. Tuttavia, nelle aree designate dalla Turchia per la sua nuova operazione militare, non sono presenti truppe statunitensi, ma russe.

Abdullah Öcalan
Abdullah Öcalan – NanoPress.it

Alcune informazioni suggeriscono che, a causa della guerra in Ucraina, Mosca abbia ritirato i suoi militari schierati in quella zona, che sarebbero stati sostituiti da truppe di Hezbollah e dell’Iran, Paese che negli ultimi mesi ha rafforzato la sua cooperazione con il PKK attraverso gli sciiti iracheni milizie.

Una nuova incursione turca nel nord della Siria può anche essere letta come un tentativo di Ankara di fare pressione e mettere alla prova i suoi partner della NATO in vista del vertice di Madrid. Uno dei motivi per cui il governo turco impedisce a Svezia e Finlandia di entrare nell’Alleanza è l’embargo sulle armi decretato contro la Turchia da questi paesi — così come da altre capitali europee — a seguito di precedenti interventi turchi sul suolo siriano.

“Vedremo chi ci sostiene e chi ci ostacola”, ha avvertito Erdogan nel suo discorso. Allo stesso tempo, Erdogan ha spiegato di aver ordinato di rompere l’accordo raggiunto con la Grecia un anno fa per porre fine alle tensioni nel Mediterraneo orientale e risolvere le loro divergenze attraverso negoziati. La Turchia è sconvolta dalle crescenti relazioni tra Stati Uniti e Grecia, che hanno portato all’inaugurazione di nuove basi militari statunitensi in territorio greco (una delle quali molto vicina al confine turco).

Come se non bastasse, in un recente discorso davanti al Senato e alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, il Primo Ministro greco, Kyriakos Mitsotakis, ha chiesto ai membri del Congresso di votare contro un programma di ammodernamento dei caccia F-16 turchi, nonché la vendita di nuovi dispositivi, che necessita dell’autorizzazione del Congresso degli Stati Uniti.

Questa richiesta turca, sostenuta dall’amministrazione Joe Biden, doveva essere utilizzata come compensazione ad Ankara per la sua uscita dal programma di sviluppo e produzione dei più moderni F-35 (in che ha investito 1.400 milioni di dollari, 1.310 milioni di euro). La Turchia è stata espulsa da questo programma a causa dell’acquisizione di un sistema missilistico russo S-400, considerato incompatibile con i meccanismi del sistema NATO, anche se Ankara sostiene che la Grecia ne abbia uno simile, l’S-300, installato sull’isola di Creta.