Erdogan non vuole Svezia e Finlandia nella Nato per colpa di ‘Öcalan’

Ald Erdogan, presidente della Turchia e ‘proprietario’ del secondo esercito dell’Alleanza Atlantica, dopo gli Usa, non sono piaciute le notizie provenienti dalla Scandinavia.

Erdogan accusa Svezia e Finlandia di accogliere terroristi

Recep Tayyip Erdogan
Recep Tayyip Erdogan – NanoPress.it

I piani espressi della Finlandia, e quelli un po’ più discreti della Svezia, di aderire alla NATO, hanno incontrato il dispiacere di Recep Tayyip Erdogan. Il presidente turco non perdona a entrambi i Paesi, di aver accolto per anni, membri di organizzazioni che Ankara considera “terroristi”, in particolare la guerriglia curdo-turca PKK, guidata da Öcalan, e la confraternita del predicatore Fetullah Gülen.

“Seguiamo da vicino gli eventi intorno a Svezia e Finlandia, ma non possiamo vederli positivamente”, ha riconosciuto Erdogan ai media, durante un intervento venerdì in cui, inoltre, ha attaccato i piani degli Stati Uniti, per revocare le sanzioni contro coloro che commerciano con una regione della Siria settentrionale controllata dalle YPG, una milizia sorella del PKK.

“Non è possibile per noi accettare questo errore da parte degli Stati Uniti”, ha sottolineato.Gli Stati Uniti hanno reagito con palese sorpresa al rifiuto della Turchia dell’ingresso di Svezia e Finlandia nella NATO, che peraltro arriva quando il Segretario di Stato Tony Blinken, si appresta a recarsi in Europa per partecipare a un consiglio dei ministri degli Affari Esteri della NATO, in cui saranno presenti i due paesi nordici.

L’ingresso di nuovi membri nell’Alleanza richiede l’approvazione per consenso dei 30 paesi membri. Ciò significa che l’opposizione turca può bloccare un eventuale processo di allargamento della NATO, in un momento cruciale.

Se non c’è unanimità non si entra nella Nato

Sebbene, come sottolineano molti esperti, l’equipaggiamento militare di Finlandia e Svezia, sia progettato per essere praticamente interoperabile nella sua interezza, se non facessero parte della NATO non potrebbero invocarne l’articolo 5: “Un attacco contro uno è un attacco contro tutto”.

Abdullah Ocalan
Abdullah Ocalan – NanoPress.it

Il ministro degli Esteri finlandese, Pekka Haavisto, ha chiesto “pazienza” alle parti coinvolte, mentre vengono specificati i passi che il suo Paese deve seguire dopo aver chiesto l’ingresso. Questa è stata la sua prima risposta a Erdogan.

In precedenza, in un’apparizione congiunta, il presidente della Finlandia e il presidente del Consiglio finlandese, avevano riconosciuto che “bisognava assumere l’onere di questa decisione in maniera molto rapida”.

Le parole di Erdogan giungono lo stesso giorno in cui è stato reso pubblico in Svezia un rapporto ufficiale, che dà chiari segnali che questo paese si unirà alla Finlandia nel suo cammino verso l‘adesione alla NATO.

La candidatura del paese nordico può concretizzarsi nel giro di pochi giorni. Sebbene non si tratti di una raccomandazione formale, una relazione preparata dal Governo insieme a tutti i partiti politici in Parlamento è favorevole all’adesione all’Alleanza.

“L’adesione della Svezia alla NATO avrebbe un effetto deterrente”, determina il dossier di 40 pagine. La Svezia è attualmente coperta da una clausola che stabilisce l’aiuto reciproco per essere un membro dell’Unione Europea, tuttavia, il rapporto ufficiale pubblicato questo venerdì indica che non essendo un membro della NATO, il paese non ha chiare “garanzie” di assistenza in caso di aggressione.

La Turchia vende droni all’Ucraina ma non sanziona la Russia

Quindi, il documento si pronuncia a favore di diventare uno Stato membro. Il ministro degli Esteri svedese Ann Linde l’ha espressa in questo modo: “La nostra opinione è che non subiremmo un attacco militare convenzionale se facessimo parte della NATO”.

Finlandia premier Sanna Marin
Finlandia premier Sanna Marin – NanoPress.it

Sotto la minaccia della Russia, che questo giovedì ha avvertito di possibili ritorsioni per la volontà della Finlandia di aderire alla Nato, Erdogan ha espresso anni di rancori e tensioni politiche: “Non vogliamo che si ripetano simili errori. Inoltre, i paesi scandinavi hanno sono praticamente rifugi per le organizzazioni terroristiche”, ha insistito Erdogan.

“Ci sono addirittura sostenitori del terrorismo nei parlamenti di alcuni Paesi. Non è possibile per noi esserne favorevoli”. Nel luglio 2020, la Turchia ha protestato contro la registrazione di un incontro tra il ministro degli Esteri svedese e persone associate alla filiale siriana del PKK.

Secondo l’agenzia semi-ufficiale Anadolu, il ministero degli Esteri turco ha sottolineato che l’incidente “solleva seri interrogativi sulla posizione della Svezia sulla lotta al terrorismo come priorità”.

Da anni svedesi e finlandesi concedono asilo politico alle persone in fuga dal Medio Oriente. Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha affermato che i finlandesi sarebbero “accolti calorosamente” all’interno dell’organizzazione e che il loro processo di integrazione sarebbe “fluido e veloce”.

La posizionea turca può alterare questi calcoli. La Turchia ha denunciato le azioni russe in Ucraina e continua a vendere i suoi droni eall’esercito ucraino, ma finora si è rifiutata di sanzionare Mosca.