Assassinata per un ‘presunto’ messaggio WhatsApp contro Maometto

Una folla di studenti di un’università nel nord-ovest della Nigeria ha picchiato e bruciato una compagn di classe, che è assassinata, per presunte dichiarazioni blasfeme su Maometto.

Deborah Samuel ed il suo funerale
Deborah Samuel ed il suo funerale – NnoPress.it

Calci e pugni, e poi l’hanno bruciata

“E’ stata accusata e assassinata per aver pubblicato un messaggio in cui insultava l’Islam e il profeta Maometto in un gruppo WhatsApp”, ha detto a Efe uno studente universitario che ha chiesto l’anonimato.

“(I suoi aggressori) erano particolarmente arrabbiati perché era cristiana. L’hanno trascinata fuori dal posto di sicurezza dove si nascondeva, l’hanno picchiata e bruciata“, ha aggiunto questo studente.

L’aggressione è avvenuta all’Università Shehu Shagarim, nella città di Sokoto, capitale dell’omonimo stato. Gli aggressori hanno anche celebrato la morte della loro vittima, identificata come Deborah Samuel, con canti e balli che si sono protratti per lungo tempo.

Il video dell’attacco è virale in Nigeria, e ha provocato forte indignazione tra la popolazione. In una dichiarazione, il portavoce della polizia di Stato di Sokoto, Sanusi Abubakar, ha affermato che due studenti sono stati arrestati.

Non è la prima donna assassinata per la religione in Nigeria

Da parte sua, il sultano di Sokoto, leader religioso della comunità musulmana umma in Nigeria, Alhaji Saad Abubakar, ha condannato questo omicidio e ha esortato le autorità a garantire che i colpevoli siano giustiziati.

Proteste per l'assassinio di Deborah Samuel
Proteste per l’assassinio di Deborah Samuel – NanoPress.it

Nel 2016 una donna -Bridget Agbahime- era stata assassinata in un mercato nella città di Kano, sempre nel nord della Nigeria, per un’altra presunta blasfemia contro Maometto.

Sempre nel 2020, un tribunale della sharia dello stato di Kano ha condannato a morte un uomo, Yahaya Sharif-Aminu, per presunte volgarità in una canzone diffusa attraverso l’applicazione di messaggistica istantanea WhatsApp.

Sebbene non ci siano dati ufficiali, un rapporto del Pew Research Center stima che circa il 49% della popolazione della Nigeria sia musulmana, con una percentuale simile di cristiani. E, purtroppo, le tensione tra i rappresentanti delle due religioni, non terminano mai.