“Era una donna bravissima”, Serena Bortone in lacrime per la collega scomparsa: il retroscena

Nella trasmissione di Serena Bortone tutti quanti sono scoppiati in lacrime per il ricordo della collega scomparsa. Ecco di chi si tratta.

Collega scomparsa
Collega scomparsa- nanopress.it

Oggi è un altro giorno è una trasmissione televisiva di successo che quest’anno è tornata su Raiuno per la terza volta consecutiva dopo il successo avuto nelle scorse edizioni in fattispecie nella scorsa.

Il programma è condotto da Serena Bortone che secondo i telespettatori è più che adatta alla conduzione di questo programma dato che tratta i temi del giorno con molta leggerezza dando la giusta importanza a quelli seri.

Serena Bortone: la commozione per la collega

Lo show è stato creato nel 2020 come trasmissione di approfondimento per la situazione del Covid-19 e poi si è arricchita di altre rubriche fino a diventare il programma di intrattenimento che tutti noi conosciamo.

Serena Bortone: ospite commosso in studio
Serena Bortone – Nanopress.it

La conduttrice, nel programma si avvale anche della presenza di ospiti fissi che interagiscono con lei e con gli ospiti in studio per movimentare i momenti che si vivono all’interno dello show.

Tra questi ci sono Memo Remigi, Massimo Cannoletta, Antonio Mezzancella, Jessica Morlacchi, Romina Carrisi, Samuel Peron e da quest’anno in studio ci sono anche Laura Freddi e Francesco Oppini.

La Bortone nel corso delle puntate invita anche alcuni ospiti e li fa sedere nel suo salotto per delle interviste. Alcuni personaggi proprio qui ripercorrendo le loro carriere hanno rivelato qualcosa di inaspettato.

Serena Bortone: ospite commosso in studio
Salvo Sottile – Nanopress.it

Questo ha reso interessante il programma di Raiuno specie durante la settimana del Festival di Sanremo. Nel 2022 infatti, i telespettatori hanno regalato al programma uno share inaspettato.

Il successo è stato dovuto dal fatto che, trattando il tema sanremese nella settimana della kermesse, la Bortone ha anche avuto modo di cimentarsi in balli e canti assieme ai suoi ospiti fissi.

Il pubblico ha apprezzato il clima di festa e anche di caos che c’è stato all’interno dei programma decidendo di seguire appassionatamente Oggi è un altro giorno in quella settimana, anziché altri programmi tv.

Ma all’interno della trasmissione ci sono stati in tutti questi anni momenti molto commoventi ed uno di questo è avvenuto quando in studio la conduttrice ha ospitato Salvo Sottile.

Le parole di Salvo Sottile

Il giornalista, conduttrice dal lunedì al venerdì della trasmissione I fatti vostri, assieme ad Anna Falchi ha mostrato all’uomo un videomessaggio della sua collega che rivela di aver sempre voluto lavorare con lui e che adora il fatto che lui la chiami social.

Sottile ha confidato alla Bortone che con la Falchi c’è un bel clima dietro le quinte e che la loro sintonia è stata premiata dai telespettatori in termini di ascolti e questo non può essere che per lui indice di stima da parte del pubblico.

Durante l’intervista però, il giornalista si è commosso ricordando una sua collega morta assassinata in Afghanistan nel 2001 dove si era recata sul posto per documentare i fatti dopo l’attentato alle Torri Gemelle.

Serena Bortone: ospite commosso in studio
Maria Grazia Cutuli – Nanopress.it

In quel periodo anche Salvo Sottile era in Afghanistan e la sua morte l’aveva terrorizzato a tal punto da non riuscire più a prendere l’aereo e racconta di come è stato un miracolato in quanto per tornare in Italia ha rinunciato a prendere l’aereo, lo stesso che poi è precipitato poco dopo.

“Purtroppo arrivò la notizia da Roma che c’era stato un attentato a Kabul. Io quando sentii quel nome, è stata dura….Lei era una giornalista bravissima e molto ambiziosa e non vedeva l’ora di arrivare a Kabul per curiosare, per cercare di raccontare all’Italia che cosa stava succedendo davvero”

Con queste parole e gli occhi lucidi, Sottile ha voluto ricordare la giornalista Maria Grazia Cutuli morta a soli 39 anni mentre stava lavorando in Afghanistan come inviata per dare notizie su come stessero vivendo i momenti post-attentato gli abitanti del luogo.