Elicottero disperso sull’Appennino tosco-emiliano: a bordo 7 persone

Si lavora senza sosta per rintracciare il velivolo decollato da Lucca e diretto nel Trevigiano, scomparso misteriosamente. L’elicottero disperso trasporta 7 persone.

Elicottero Aeronautica Militare
Elicottero Aeronautica Militare – Nanopress.it

L’ultima rilevazione dei radar lo colloca nel territorio di Modena, dove si stanno concentrando anche in queste ore le ricerche a tappeto.

L’elicottero disperso sull’Appennino

Sono 7 i passeggeri del velivolo che intorno alle 9.30 di ieri mattina è partito dall’aeroporto di Capannori Tassignano di Lucca per dirigersi nel Trevigiano.

A bordo ci sono 4 cittadini turchi e 2 libanesi, oltre al pilota italiano. L’ultima rilevazione dei radar colloca il velivolo nel cielo di Pievepelago, in provincia di Modena ed è proprio in queste zone che si stanno concentrando le ricerche per tentare di trovare i dispersi e capire cosa sia realmente accaduto.

L’elicottero disperso era atteso a Castelminio di Resana, in provincia di Treviso, dove si tiene un importante evento che riguarda il comparto della carta. Un’azienda molto importante di questo settore, la Roto Cart, ha riferito che da alcuni giorni l’elicottero effettuava la tratta Lucca-Treviso per trasportare i compratori alla fiera.

Il titolare dell’azienda cartaria, Giuliano Gelain ha riferito che il mezzo su cui viaggiavano i compratori stranieri è un velivolo affidabile e un eventuale incidente potrebbe essere stato causato da un guasto ma anche da un errore del pilota padovano Corrado Levorin.

Giuliano Gelain
Giuliano Gelain – Nanopress.it

In quella zona, il rosso elicottero AgustaWestland AW119 Koala aveva già raggiunto la velocità di crociera, ossia circa 250 chilometri orari e viaggiava in maniera costante e senza particolari problematiche.

Secondo le ricostruzioni, i radar hanno perso le tracce dell’elicottero in seguito a una violenta tempesta.

Le ricostruzioni

Gli elicotteri del soccorso alpino lavorano insieme alla protezione civile dell’Emilia Romagna per perlustrare le zone dove si pensa possa essere precipitato l’elicottero scomparso.

In effetti, secondo quanto emerso, il viaggio procedeva in maniera tranquilla e quando il radar collocava il mezzo nella zona di Pievepelago, il ritmo di viaggio era esatto, infatti gli orari erano compatibili con quelli previsti. Nulla di strano quindi, tuttavia c’è stata un’improvvisa tempesta di vento, accompagnata da una violenta grandine.

In seguito al temporale si sono perse le tracce dell’elicottero e si spera che i passeggeri non siano in gravi condizioni a seguito di un eventuale impatto a terra dovuto al maltempo.

Le zone perlustrate sono le ultime dove i radar hanno seguito il percorso dell’elicottero ma si tratta di aree molto impervie, in gran parte disabitate e caratterizzate da boschi e ripide scarpate.

Questi particolari ovviamente rallentano il lavoro dei soccorsi e rendono indispensabile l’impiego di diverse squadre di azione specializzate in zone così ostili.