Ecco l’Argentina, 2-0 alla Polonia e primo posto nel girone

Dopo due partite sottotono finalmente l’Argentina di Lionel Scaloni è tornata a vincere e convincere, vittoria netta e meritata questa sulla Polonia con Messi e compagni devastanti per 90 minuti.
Nel primo tempo il risultato rimane in equilibrio solo grazie al solito, straordinario Szczesny che para a Messi il secondo rigore consecutivo del suo mondiale.
Nella ripresa Mac Allister e Julian Alvarez fissano il risultato sul 2-0, Albiceleste che agli ottavi troverà l’Australia.

Julian Alvarez
Julian Alvarez – Nanopress.it

Come un diesel l’Argentina di Scaloni sembra aver ritrovato quella convinzione e quella personalità che avevano portato a 36 risultati utili consecutivi prima della sconfitta alla prima giornata contro l’Arabia Saudita.
Qualche cambio di Scaloni e l’Argentina è tornata super staccando il pass per gli ottavi di finale da prima del Gruppo, dato fondamentale in quanto in caso di arrivo al secondo posto avrebbe incontrato la Francia.

Polonia mai veramente in partita ma che vola agli ottavi con un pizzico di fortuna, Lewandowski infatti hanno gli stessi punti del Messico ma una differenza reti migliore.
Sarà quindi la Polonia ad affrontare la Francia, ma dovrà assolutamente alzare il proprio livello per provare ad ostacolare i campioni del mondo in carica.

Szczesny non basta, Mac Allister e Alvarez fanno 2-0

Nelle ultime due partite la Polonia è stata letteralmente salvata dal portiere bianconero Szczesny, anche oggi il numero uno polacco si dimostra insuperabile tra i pali neutralizzando anche il calcio di rigore (generoso) concesso a Messi.

Wojciech Szczesny
Wojciech Szczesny – Nanopress.it

Il primo tempo si chiude con uno 0-0 bugiardo, l‘Albiceleste infatti crea tantissimo dominando il gioco fin dai primi minuti.
Il giusto premio per gli sforzi effettuati arriva al minuto 46 quando Molina scende sulla destra e mette al centro un bel pallone per Mac Allister che con il destro porta l’Argentina in vantaggio.

Scaloni da fiducia a Julian Alvarez che inizia titolare al posto di uno spento Lautaro Martinez e il gioiello del Manchester City ripaga subito la fiducia con un destro potente sotto la traversa, 2-0 e partita in ghiaccio.
Nel finale Michniewicz comunica alla squadra di chiudersi per non peggiorare la differenza reti e provare a prendersi la qualificazione, a togliere ogni dubbio ci pensa Al-Dawsari che firma il gol della bandiera per l‘Arabia Saudita e fa esplodere la panchina polacca.
Lewandowski e compagni si salvano e volano ai quarti di finale.