E’ morto il presidente degli Emirati Arabi Uniti, Khalifa bin Zayed Al Nahyan

Il sovrano e presidente di lunga data degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Khalifa bin Zayed Al Nahyan, è morto venerdì, ha annunciato l’agenzia di stampa statale del governo in una breve dichiarazione.

Khalifa bin Zayed Al Nahyan
Khalifa bin Zayed Al Nahyan – NanoPress.it

Porta il suo nome il grattacielo più altro del Mondo

Aveva 73 anni. Khalifa, ha regnato in un periodo di forte prosperità economica, riuscendo a superare anche un periodo molto negativo, dal punto di vista finanziario.

Il suo nome è effigiato nel palazzo più alto dell’intero pianeta, il Burj Khalifa, che si trova nella città di Dubai. Il Ministero degli Affari Presidenziali degli Emirati Arabi Uniti ha annunciato un periodo di lutto di 40 giorni e una sospensione di tre giorni del lavoro in tutti i ministeri e nel settore privato a partire da venerdì, comprese le bandiere da far volare a mezz’asta.

Dopo aver subito un ictus ed essere stato molto male, da qualche anno evitava di presenziare alle riunioni di Governo, demandando tutte le decisioni più importanti al suo fratellastro, Abu Dhabi Mohammed bin Zayed.

E’ ormai quest’ultimo da anni ad avere preso il comando e le decisioni più importanti, sia di politica interna, che di politica estera, come l’embargo al Qatar e il conflitto contro lo Yemen. E quindi sarà sicuramente Zayed ha prendere il posto del fratellastro.

Khalifa era nato nel 1948 ed era succeduto a suo padre, lo sceicco Zayed, fondatore degli Emirati Arabi Uniti, nel 2004.  Dal 2017, dopo l’ictus, i media statali degli Emirati hanno pubblicato fotografie e video rari di Khalifa. Nelle ultime immagini, Khalifa indossava scarpe da ginnastica bianche e un abito tradizionale bianco mentre salutava lo sceicco Mohammed e altri governanti negli Emirati.

Funerali di Khalifa bin Zayed Al Nahyan
Funerali di Khalifa bin Zayed Al Nahyan – NanoPress.it

Khalifa bin Zayed Al Nahyan è stato un sovrano molto amato

Khalifa, il figlio maggiore del primo leader degli Emirati Arabi Uniti dopo la formazione della federazione nel 1971, ha ricoperto la posizione più potente tra le sette città-stato semiautonome, che si estendono lungo le rive del Golfo Persico e del Golfo di Oman. Il suo ruolo di presidente, derivava dalla sua posizione di sovrano ereditario di Abu Dhabi, il più grande e ricco emirato degli Emirati Arabi Uniti. Abu Dhabi funge da sede della capitale federale.

Nonostante le sue dimensioni e la vasta ricchezza petrolifera, Abu Dhabi si è spesso trovata adombrata dallo sfavillante emirato vicino di Dubai. Quando le fortune di Dubai hanno iniziato a vacillare insieme all’economia globale nel 2009, Khalifa ha guidato gli sforzi per proteggere la federazione pompando miliardi di dollari in fondi di salvataggio di emergenza a Dubai.

I due emirati non sempre sono d’accorso sulle decisioni di politica estera e competono tra loro commercialmente. Nel 2003 per esempio, Khalifa a creato una nuova compagnia aerea, Etihad Airways, che compete con il vettore di successo e molto più grande di Dubai Emirates Air. Khalifa ha utilizzato sempre più la ricchezza petrolifera di Abu Dhabi per attrarre centri culturali e accademici, come le filiali del museo del Louvre e i campus satellite della New York University e della Sorbona.

Le scelte in politica estera e interna del Sovrano

Ha anche presieduto gli sforzi per spostare il paese dell’OPEC oltre la sua dipendenza dai petrodollari, con investimenti nella ricerca sulle energie rinnovabili, compresi i piani per una futuristica città desertica a basse emissioni di carbonio conosciuta come Masdar. La grande spesa di Abu Dhabi all’estero, durante il governo di Khalifa ha anche contribuito a spingere l’emirato, che controlla la maggior parte delle riserve petrolifere degli Emirati Arabi Uniti, fuori dall’ombra di Dubai.

Burj Khalifa
Burj Khalifa – NanoPress.it

Nel 2007, l‘Abu Dhabi Investment Authority, uno dei più grandi fondi sovrani del mondo, è venuta in soccorso di una Citigroup Inc. in difficoltà, con un’iniezione di contanti di 7,5 miliardi di dollari. Meno di due anni dopo, un altro fondo statale di Abu Dhabi ha effettuato uno dei maggiori acquisti quando ha pagato quasi 2 miliardi di euro, per una partecipazione del 9,1% nella casa automobilistica tedesca Daimler AG, la azienda che sta dietro la Mercedes-Benz.

Khalifa, nel frattempo, ha contribuito a rafforzare il profilo regionale degli Emirati Arabi Uniti con missioni di soccorso in Pakistan dopo devastanti inondazioni e inviando aerei da guerra alla missione guidata dalla NATO, contro il regime di Moammar Gheddafi in Libia nel 2011.

Ma il nome di Khalifa è forse più familiare in tutto il mondo per il suo collegamento con l‘edificio più alto del mondo, una guglia in vetro e acciaio di quasi mezzo miglio (828 metri) a Dubai. Il nome della torre è stato inaspettatamente cambiato da Burj Dubai a Burj Khalifa alla sua apertura ufficiale nel gennaio 2010, in seguito alla sua decisione di incanalare miliardi di dollari a Dubai per salvarla da un tracollo finanziario su vasta scala.

L‘immagine di Khalifa è onnipresente, abbellisce ogni hotel e ufficio governativo in tutto il paese. Ma a differenza del sovrano di Dubai, Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum, vicepresidente e primo ministro della federazione, è stato visto raramente in pubblico.La vita personale di Khalifa non era molto agli occhi del pubblico.

È noto per aver avuto una prole molto numerosa, – stiamo parlando di due maschi e sei femmine – con la sua prima moglie, Sheikha Shamsa bint Suhail Al Mazrouei.