Draghi lascia tra la pandemia, guerra, inflazione e crisi energetica. E ora?

Il premier italiano Mario Draghi ha detto al suo gabinetto che offrirà le sue dimissioni giovedì sera al presidente della nazione, a seguito del rifiuto di un alleato della coalizione populista di sostenere un disegno di legge chiave del governo.

Mario Draghi
Mario Draghi – Nanopress.it

“La maggior parte dell’unità nazionale che ha sostenuto questo governo dalla sua creazione non esiste più”, ha detto Draghi in una nota. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha rifiutato le dimissioni. Il presidente potrebbe anche chiedere a Draghi di presentarsi nei prossimi giorni in Parlamento per chiedere un voto formale sul governo stesso, per vedere se i litigi alleati si raduneranno attorno a lui.

Draghi abbandona il governo pandemico

Ma se la crisi di governo non può essere risolta rapidamente, Mattarella potrebbe staccare la spina al Parlamento, preparando le basi per elezioni anticipate già a settembre. A partire da ora, il mandato del Parlamento scade nella primavera del 2023.

Ore prima, Draghi e il suo governo di unità pandemica hanno ottenuto la fiducia, 172-39, al Senato nonostante il rifiuto del Movimento 5 Stelle populista di sostenere il disegno di legge, che stanzia 26 miliardi di euro (dollari) per aiutare i consumatori e le industrie in difficoltà con l’aumento dei prezzi dell’energia.

L’ampia coalizione di Draghi è stata progettata per aiutare l’Italia a riprendersi dalla pandemia di coronavirus e includeva partiti sia di sinistra che di destra. Ha notato di aver chiarito quando è entrato in carica nel febbraio 2021 che il suo governo “sarebbe andato avanti solo se ci fosse stata la chiara prospettiva di poter realizzare il programma di governo” che era la base della coalizione di governo.

“Quella compattezza è stata fondamentale per affrontare le sfide di questi mesi. Queste condizioni non esistono più”, ha detto il premier. Il premier ha annunciato la sua decisione dopo l’incontro con Mattarella al palazzo presidenziale del Quirinale. Mattarella aveva chiesto all’ex capo della Banca centrale europea – noto come “Super Mario” per il suo salvataggio dell’euro “qualunque cosa serva” – per tirare fuori l’Italia dalla pandemia di coronavirus e gettare le basi per utilizzare i miliardi nell’Unione Europea fondi per il recupero dalla pandemia.

I 5 Stelle, che hanno perso consensi significativi nelle recenti elezioni locali e sono crollati nei sondaggi d’opinione, sono allo sbando. I sostenitori della linea dura a 5 stelle, che erano scettici sull’adesione al governo l’anno scorso, si sono lamentati del fatto che i loro interessi sono stati ignorati. Nel provvedimento votato giovedì, i 5 Stelle si sono opposti a un provvedimento che consenta a Roma di gestire un inceneritore di rifiuti alla periferia della capitale italiana cronicamente soffocata dai rifiuti.

Luigi Di Maio
Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio – Nanopress.it

Nel dibattito di giovedì, diversi senatori hanno boicottato la decisione di Conte di far boicottare il voto da parte di senatori a 5 stelle. Essere al governo “non è come prendere un menù e decidere, antipasto, no, gelato, sì”, ha detto Emma Bonino, che guida un minuscolo partito pro-Europa. Altri hanno notato che Draghi è diventato sempre più una figura fondamentale in Europa mentre la Russia dichiara guerra all’Ucraina, in particolare con l’imminente partenza del primo ministro britannico Boris Johnson.

Draghi ha governato con il sostegno di quasi tutti i principali partiti italiani, ad eccezione del partito di estrema destra Brothers of Italy, in rapida ascesa, che ha chiesto a Mattarella di staccare la spina al Parlamento e di dare agli italiani la possibilità di votare nei nuovi leader . Giovanni Orsina, professore di storia e direttore della scuola di governo della Luiss di Roma, ha detto che Mattarella probabilmente chiederà a Draghi di andare in Parlamento per vedere se può ottenere una nuova maggioranza praticabile.

“Abbiamo la pandemia, abbiamo la guerra, abbiamo l’inflazione, abbiamo la crisi energetica. Quindi sicuramente questo non è un buon momento”, ha detto Orsina. «E anche perché Mattarella crede, giustamente, che la sua missione sia salvaguardare la stabilità».

Tra i risultati di Draghi c’è stato quello di tenere l’Italia sulla buona strada con le riforme che l’UE ha posto come condizione affinché il Paese ricevesse 200 miliardi di euro (dollari) in assistenza per il recupero dalla pandemia. Gran parte di quei finanziamenti dell’UE sono già stanziati e soggetti a meccanismi automatici, il che suggerisce che i finanziamenti non andranno persi, nemmeno in mezzo all’instabilità del governo.