L’Italia è ancora viva! 1-1 con l’Islanda!

Altra partita di enorme sofferenza per la nazionale di Milena Bertolini che soffre enormemente l’intensità dell’Islanda nel primo tempo ma riesce con orgoglio e carattere a raggiungere un pareggio d’oro nella ripresa co Bergamaschi, palo nel finale per Barbara Bonansea!

Bonansea,Simonetti e Rosucci
Bonansea,Simonetti e Rosucci – Nanopress.it

Rimane ancora tutto nelle nostre mani; l’Italia dovrà battere il Belgio confidando in una sconfitta dell’Islanda che se la vedrà contro la terribile Francia.
La partita di oggi lascia diversi spunti di riflessione con un primo tempo in grande sofferenza e soprattutto un’Italia che entra male in campo andando sotto dopo appena 3 minuti.

Dopo la pesante sconfitta subita nel match contro la Francia era giusto e lecito aspettarsi un inizio di partita diverso da parte delle ragazze di Milena Bertolini che, oggi, ha deciso di mandare in campo una formazione del tutto inedita.

Italia, reazione da grande squadra!

Se è vero che l’inizio di partita è stato traumatico, l’ultima mezz’ora (ma il secondo tempo in generale) lascia decisamente ben sperare in vista della super sfida con il Belgio.

Milena Bertolini
Milena Bertolini – Nanopress.it

Milena Bartolini non ottiene le risposte sperate dalla formazione mandata in campo, i primi 45 minuti sono confusionari e le azzurre non riescono mai ad esprimere un gioco fluido ed efficace.
Decisivi i cambi della ripresa dove l’allenatrice italiana manda in campo Bartoli, Bonansea e Girelli che cambiano totalmente il volto della partita.

L’esterno della Juventus manda totalmente in tilt la retroguardia difensiva islandese, confeziona lassi vincente per il gol di Bergamaschi e colpisce un clamoroso palo interno nel finale di partita.
Contro il Belgio la sensazione è che vedremo nuovamente la formazione che è scesa in campo contro la Francia con Milena Bertolini che si affiderà allo zoccolo duro della squadra nel momento di maggiore difficoltà.

Ottima la prova di Martina Rosucci che conquista una serie infinita di palloni svolgendo in maniera perfetta il ruolo di “diga” davanti alla difesa e aggiungendo molta qualità nelle verticalizzazioni offensive, soprattutto dopo l’ingresso di Barbara Bonansea.

Rimane il grande rammarico di non essere riusciti a vincere una partita che nel secondo tempo ci ha visti dominare dal punto di vista tecnico e tattico sull’Islanda.
Contro il Belgio ora le azzurre non possono più sbagliare, l’obiettivo sarà quello di ripartire dal secondo tempo di oggi ed entrare in campo fin da subito con il giusto atteggiamento per centrare la qualificazione ai quarti di finale dell’europeo.