La Cina sanziona e pone il veto alla Pelosi dopo la visita a Taiwan

La Cina accusa il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, di aver minato “la sua integrità territoriale”.

Nancy Pelosi
Nancy Pelosi – Nanopress.it

L’escalation della tensione su Taiwan continua a crescere dopo la controversa visita della presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi. Pechino ha annunciato venerdì con un comunicato che sanzionerà la politica americana e i suoi parenti stretti, in un gesto di insolita durezza alla luce dell’elevata posizione istituzionale che occupa la Pelosi, la terza posizione per importanza nell’amministrazione degli Stati Uniti e la seconda in la linea di successione presidenziale a Joe Biden, dietro solo al vicepresidente Kamala Harris.

L’escalation della tensione su Taiwan continua a crescere dopo la controversa visita di Nancy Pelosi

“Nonostante le serie preoccupazioni e la forte opposizione della Cina, Pelosi ha insistito per visitare Taiwan, interferendo gravemente nei nostri affari interni, minando la sovranità e l’integrità territoriale della Cina, calpestando la politica della Cina unica e minacciando la pace e la sicurezza e la stabilità dello Stretto di Taiwan”, afferma un portavoce del ministero degli Affari esteri cinese nella dichiarazione.

La decisione cinese lascia il governo degli Stati Uniti, che aveva sconsigliato la visita di Pelosi a Taiwan, in una posizione molto delicata e rischia di peggiorare i già deteriorati rapporti con Pechino. Se la tensione diplomatica ha superato un nuovo traguardo con l’annuncio di queste sanzioni, l’escalation militare non è rimasta indietro.

Per il secondo giorno consecutivo, questo venerdì, l’isola autogovernata che la Cina rivendica come parte del suo territorio si è svegliata piombata in quello che le sue autorità hanno definito un “blocco aereo e marittimo” a causa delle manovre militari dell’Esercito popolare di liberazione (EPL, the Army Chinese), esercitazioni la cui entità non ha precedenti e che, secondo Taipei, hanno superato quella che Taiwan considera una linea rossa.

Il ministero della Difesa taiwanese ha condannato in mattinata la “forte provocazione” che a suo avviso rappresenta il fatto che navi e caccia cinesi hanno tagliato il traguardo intorno alle 11.00 del mattino, dividendo linea dello Stretto di Taiwan, confine non ufficiale ma fino ad ora tacitamente rispettato. Da quelle navi sono stati lanciati almeno 11 missili balistici.

Quattro di loro hanno sorvolato per la prima volta la capitale, Taipei. L’uso di queste armi ha diffuso la crisi al Giappone, che giovedì ha inviato a Pechino una protesta diplomatica dopo che cinque proiettili sono caduti nelle sue acque. Il colosso asiatico ha iniziato giovedì queste esercitazioni di guerra che, in linea di principio, dureranno fino a domenica e che includono la chiusura dello spazio marittimo e aereo in sei aree intorno a Taiwan ed esercitazioni di fuoco vivo.

Uno di questi si trova a soli 20 chilometri dalla costa di Kaohsiung, la città principale nel sud dell’isola. “Questa mattina la Cina ha lanciato missili vicino alle acque taiwanesi. Questa provocazione minaccia la nostra sicurezza, aumenta le tensioni nella regione e interrompe i trasporti e il commercio internazionale”, ha affermato il ministero degli Esteri taiwanese sul suo account Twitter ufficiale.

Il primo ministro taiwanese Su Tseng-chang, ha definito la Cina il “vicino malvagio della porta accanto”

Il primo ministro taiwanese Su Tseng-chang, dal canto suo, ha definito la Cina il “vicino malvagio della porta accanto”. “(Noi) non ci aspettavamo che il malvagio vicino di casa avrebbe mostrato la sua forza alla nostra porta e messo in pericolo arbitrariamente i corsi d’acqua più trafficati del mondo con le sue esercitazioni militari”, ha detto ai giornalisti, secondo Reuters.

Xi Jinping
Il presidente cinese Xi Jinping – Nanopress.it

I missili cinesi hanno sorvolato la capitale, Taipei, fino a quattro volte. Alcuni residenti della città, tra cui il sindaco Ko Wen-je, hanno criticato il governo per non aver lanciato un allarme missilistico, una decisione presa da alcuni esperti di sicurezza per prevenire il panico. Il ministero della Difesa di Taiwan ha precisato che i missili volavano alti nell’atmosfera e non costituivano una minaccia per la popolazione, pur non fornendo dettagli sulle loro traiettorie di volo.

Secondo il portafoglio della Difesa, più di cento aerei da combattimento stanno sorvolando le vicinanze dell’isola, un gioco di guerra senza precedenti che le autorità taiwanesi affermano essere un blocco de facto. Taipei sostiene che le navi in ​​arrivo o in partenza da Taiwan dovranno evitare le zone dove l’esercito cinese sta svolgendo le sue esercitazioni, situazione che, se prolungata nel tempo, potrebbe avere un impatto sulle comunicazioni nell’isola.

Secondo i media locali, le esercitazioni cinesi hanno interessato 18 rotte aeree internazionali sull’isola e più di 900 voli sono stati costretti a cambiare rotta. Le autorità militari dell’isola affermano che l’esercito sta monitorando da vicino le esercitazioni e che ha inviato aerei e navi da guerra e dispiegato un sistema missilistico terrestre per monitorare la situazione.

La decisa risposta di Pechino alla visita della Pelosi – che non è durata nemmeno 24 ore, ma le ha permesso di incontrare il presidente Tsai Ing-wen e diversi attivisti pro-democrazia – ha suscitato critiche da parte del G7 e dell’Unione Europea, che l’hanno definita “ingiustificata “.

Questo venerdì, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha dichiarato al vertice dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN) a Phnom Penh, in Cambogia, che la reazione della Cina alla visita di Pelosi a Taiwan è “clamorosamente provocatoria” e che il gigante asiatico non cerca solo di intimidire il isola, ma anche i suoi vicini.

Il segretario di Stato Usa ha assicurato che “non c’è giustificazione per ciò che [la Cina] ha fatto”, anche se in seguito ha tentato di nuovo di placare la Cina ribadendo che il suo Paese “non è alla ricerca di una crisi”.