Distanza di sicurezza, sbagliano quasi tutti: 3 punti in meno se ti vedono così

Se si parla di distanza di sicurezza, ci sono sicuramente delle cose da sapere, per evitare di perdere punti sulla propria patente.

Distanza di sicurezza
Distanza di sicurezza – Nanopress.it

A tutti noi sarà capitato di avere dietro una macchina che non rispettava una certa distanza di sicurezza. Questa è sicuramente un’esperienza che la maggior parte di noi ha sperimentato in prima persona.

D’altronde i controlli sulla distanza di sicurezza sono davvero scarsi, quindi è facile che qualcuno si incolli dietro, senza farsi troppi problemi. Eppure bisognerebbe evitare di farlo, per questi motivi.

Distanza di sicurezza: che cosa sappiamo a tal proposito?

È capitato anche a voi, vero?

Magari era proprio lì, dietro di voi il tallonatore di turno che voleva superarvi e che poi ha sfrecciato come non mai. Queste sono cose che capitano spesso e a tutti. C’è sempre qualcuno che va di fretta e vuole fuggire via a tutto gas.

Qualcuno che proprio per questo comportamento si fa odiare, ma che esiste anche perché i controlli sulla distanza di sicurezza quasi non ci sono.

Eppure il Codice della strada che parla chiaro a tal proposito e che dice che i veicoli devono marciare nel rispetto di una distanza che sia in grado di consentire loro di fermarsi tempestivamente, senza tamponare i veicoli che si trovano davanti, al fine di evitare incidenti.

Mantenere la distanza
Mantenere la distanza-NanoPress.it

Da qui si evince come la distanza di sicurezza debba essere rispettata dai veicoli: ogni veicolo deve cercare di mantenere, dunque, una certa distanza, da quello che lo precede. Ora vi starete chiedendo quale sia questa distanza. Come si calcola?

Per rispondere a questo interrogativo bisogna tener in considerazione diverse variabili. Tra queste consideriamo i riflessi di chi guida: quanto sono pronti? Non solo, sono da considerare anche le caratteristiche della vettura, la velocità e le caratteristiche della strada e del traffico.

Se volessimo però avere dei numeri precisi, possiamo fare riferimento al codice della strada che dice che fuori dal centro abitato, su strade in cui vi è il divieto di sorpassare, ci si debba mantenere a circa 100 m di distanza dalla vettura che ci precede.

Sono previste delle deroghe se si viaggia su strade con più corsie, per quanto riguarda il senso di marcia.

Sempre secondo il codice della strada, si deve restare a circa 20 m di distanza se si viaggia dietro un mezzo sgombraneve.

Cos’altro dice il Codice della strada: la multa che potresti pagare

In caso di non rispetto di queste norme cosa succede? Sono previste delle multe salate. Si possono ricevere sanzioni che vanno dai 41 ai 168 euro, oltre al fatto che possono essere decurtati ben 3 punti dalla patente.

Inoltre se a causa della violazione della distanza di sicurezza si verifica uni incidente, la multa che potrebbe arrivare può sfiorare gli 80 euro fino a arrivare a 355 euro.

Multe e sanzioni
Multe e sanzioni-NanoPress.it

Non solo: possono essere tolti ben 5 punti fino ad avere la sospensione della patente se ciò è stato replicato due anni prima.

A tal proposito c’è da dire che se dall’incidente si manifestano delle conseguenze gravi e delle lesioni importanti, l’importo della sanzione può andare da circa 419 euro fino a arrivare a 1.682 euro. Anche in tal caso verranno decurtati punti dalla patente, nello specifico 8.

Variabili e caratteristiche: come migliorare la frenata

Ora che abbiamo preso visione delle sanzioni e di come possono essere, cerchiamo di capire e individuare quali sono quelle variabili che possono migliorare la frenata in modo notevole.

frenata
Frenata-Nanopress.it

Vediamole qui di seguito:

  • abs in macchina: funzionamento di quello del guidatore
  • gomme, in che condizioni sono? È importante la pressione, il gonfiaggio e l’usura
  • Mezzo a carico leggero
  • Tempo di reazione di chi guida
  • Informazioni tecniche circa la guida
  • Condizioni dell’asfalto
  • Buona visibilità se si tiene conto delle caratteristiche della strada e del meteo.

Ma quale distanza bisogna tenere alla propria velocità? Per saperlo basta fare una piccola operazione: ovvero dividere la propria velocità per 10 per poi moltiplicare per il quadrato del risultato che si ottiene. Se procediamo a 60 km/h bisogna dividere per 10.

Si ottiene 6. Il quadrato di sei che è 36, coincide con il valore in m di quella che deve essere la distanza di sicurezza da tenere e mantenere.

Anche perché non dobbiamo dimenticare che chi tampona alla fine ha sempre torto, dunque sono pochi i casi in cui vi è il concorso di colpa. Ovvero quando la vettura che precede modifica la propria direzione in modo repentino o senza segnalarlo.