Denis Kataev: “Questa guerra sarà la fine di Putin e del suo regime”

Il dissidente Denis Kataev, uno dei volti del canale indipendente Dozhd, ha lasciato Mosca dopo l’inizio della guerra e ora trasmette il suo programma su YouTube da Parigi.

Denis Kataev
Denis Kataev – NanoPress.it

Denis Kataev (Mosca, 37 anni), giornalista del canale televisivo russo indipendente Dozhd (Rain), ha fatto le valigie il 27 febbraio, tre giorni dopo che il presidente russo Vladimir Putin aveva iniziato l’invasione dell’Ucraina. E’ salito sull’ultimo aereo della compagnia Aeroflot in partenza da Mosca per Cipro.

Dopo la guerra, la strada per il pentimento sarà lunga

E da lì è volato a Parigi, da dove continua a presentare un programma su YouTube e prepara, insieme ad altri giornalisti di Dozhd sparsi in vari paesi, il rilancio della rete. Ecco un estratto della sua intervista rilasciata al quotidiano El Pais.

Sono andato via dalla Russia perché era pericoloso restare, a causa della legge contro la libertà di stampa. E per la mia coscienza era impossibile lavorare in un paese aggressore. L’atmosfera era soffocante. Ero sempre in onda, e non ho detto “operazioni militari speciali”: ho detto “guerra”. Secondo la legge, non si può dire che sia una guerra. Il rischio era di 15 anni di carcere.

Da quel giorno non è cambiato niente a Mosca. Tutti sono sulle terrazze, approfittando dell’estate. Sono preoccupati solo per il prezzo dei viaggii, che sono aumentati dopo le sanzioni della guerra, e per come viaggiare all’estero, attraverso la Turchia o la Serbia. Ci sono minoranze progressiste nelle grandi città. A Mosca, a San Pietroburgo. Tra i miei amici, nella mia bolla, non conosco nessuno che sostenga Putin. Sono tutti contro la guerra. Ma per ora è la voce della propaganda di stato che esiste, e queste persone non possono esprimersi.

Ci sono contrari alla guerra, come ci sono favorevoli. Ma si dice anche che Parigi non sia la Francia. E, allo stesso tempo, sono sempre quelle di Parigi e Mosca che finiscono per cambiare la storia. Questa guerra sarà la fine di Putin e del suo regime. Gli ucraini sono senza dubbio le principali vittime, ma non è solo una guerra contro l’Ucraina. È una guerra contro i russi e la Russia. Credo che ci sia un percorso europeo per la Russia, è un percorso iniziato secoli fa.

Denis Kataev: “Credo che ci sia un percorso europeo per la Russia”

Non so quanto potrà durare ancora questa guerra. Forse anni, settimane, giorni. Capisco Emmanuel Macron quando dice che la Russia non dovrebbe essere umiliata. Devi distinguere tra Putin e la Russia. In Francia e Spagna c’è anche una parte della società che è contro i valori europei e contro la democrazia. Si è visto alle elezioni legislative francesi, con il risultato dell’estrema sinistra e dell’estrema destra. I rappresentanti di questi campi sono vicini a Putin.

Putin
Putin – NnoPress.it

In Russia i conservatori e gli estremisti sono più forti che in Europa, ma ci sono anche persone che sono contrarie e sostengono il percorso europeo. Quindi il problema non è solo Putin, ma la maggioranza che lo sostiene. Anche perché in Francia e in Europa non c’è propaganda di Stato. Se i canali governativi e i media cambiassero in Russia, l’opinione pubblica cambierebbe. Ecco perché, per i giornalisti che se ne sono andati, è importante creare una rete di giornalisti indipendenti, con Dozhd, Novaya Gazeta, Echo of Moscow, per combattere la propaganda.

In una recente intervista Denis Kataev ha detto: “Perdonaci. Mi vergogno”. Sono russo e mi sento un po’ come un antifascista in Germania durante la seconda guerra mondiale. Per le vittime del nazismo non c’era differenza tra alcuni tedeschi e altri: erano tutti tedeschi, colpevoli. Capisco questa sensazione. Ecco perché mi vergogno di essere russo in questo momento. Ma devi mostrare la volontà dei russi che sono contro la guerra, la volontà di cambiare le cose. Mi vergogno, ma non ho finito il mio lavoro e non ho smesso di essere russo. Non ho scelta. Dopo la guerra, la strada per il pentimento sarà lunga, come in Germania. È nostro dovere.