Incontro Draghi-Conte, contrasti sul Dl Aiuti: i pentastellati insistono sul Superbonus al 110%

Draghi e Conte si incontreranno, oggi, 6 luglio per parlare di dl Aiuti e del Superbonus 110%, che sta a cuore al M5S. 

Mario Draghi e Giuseppe Conte
Mario Draghi e Giuseppe Conte – Nanopress.it

Il premier Mario Draghi e Giuseppe Conte, leader del Movimento 5 Stelle, si incontreranno nel pomeriggio, a Palazzo Chigi, per discutere del dl Aiuti e della questione del Superbonus al 110% su cui i pentastellati cercano di trattare. L’incontro è stato rimandato al 6 per consentire al primo ministro di seguire, da vicino, il crollo della Marmolada.

Incontro tra Draghi e Conte: il Dl Aiuti come tema principale

Mario Draghi e Giuseppe Conte si incontreranno a Palazzo Chigi per discutere del dl Aiuti che ha creato, nelle ultime settimane, non pochi contrasti e tensioni all’interno della maggioranza di governo.

L’incontro – rimandato a causa della tragedia della Marmolada che il premier ha seguito da vicino – sarà l’occasione giusta per parlare di temi molto importanti, quali il dl Aiuti e la questione che sta molto a cuore ai pentastellati, relativa al Superbonus 110%.

Inoltre, Conte ha convocato anche il Consiglio nazionale dei 5 stelle per le ore 13, prima di effettuare l’incontro con il primo ministro. Alle ore 20, invece, si terrà la riunione congiunta dei parlamentari del Movimento 5 stelle.

In questa occasione di confronto con il premier Mario Draghi, il leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, avanzerà specifiche richieste che riguardano, nel dettaglio, il Superbonus al 110%, nonché la tutela del reddito di cittadinanza e le istanze sfavorevoli al termovalorizzatore della Capitale.

Decreto bollette 1
Il Premier, Mario Draghi – Nanopress.it

Le tensioni fra i partiti

Sul dl Aiuti si sono espressi diversi pareri e sono insorte varie tensioni e accuse da diverse parti: tema scottante, motivo di contrasto, è sempre il Superbonus. Il dl Aiuti deve essere convertito in legge entro il 16 luglio: il tempo stringe, anche se il via libera da Palazzo Madama non è ancora arrivato.

Ci si ritrova a un punto di stallo che porta, inevitabilmente, a intraprendere la strada della fiducia, qualora non si sblocchi la situazione. Oltre al sostegno dei pentastellati sul tema superbonus, anche la Lega ha proposto nuovi provvedimenti in merito a Ius Scholae e cannabis, ostacolando, nel contempo, anche riforma dei taxi.

A questo punto, bisognerà attendere l’incontro tra il primo ministro e i leader dei pentastellati per capire se si riuscirà a trovare un’intesa dopo giorni di disaccordi e mancata intesa, in modo da trovare una trattativa che possa ricompattare il tutto e mettere in atto varie azioni a beneficio del paese.