Crimea: gli attacchi ucraini destano preoccupazione in Russia

Mosca accusa un gruppo di sabotatori della distruzione di un deposito di armi in Crimea, il secondo incidente in una struttura militare russa in una settimana nella penisola occupata.

Militari ucraini
Militari ucraini durante azioni militari – Nanopress.it

I fantasmi della guerra si risvegliano in Crimea. La distruzione avvenuta questo martedì di un’altra enclave strategica militare russa – un deposito di armi – nella penisola del Mar Nero, annessa al Cremlino nel 2014, ha suscitato preoccupazione tra i russi, che vedono che nulla è intoccabile nelle retrovie nonostante siano più di cento chilometri dal fronte meridionale dell’Ucraina.

La Crimea ‘contesa’ diventa teatro di guerra

“E’ una situazione di emergenza”, ha riconosciuto Sergei Aksionov, il boss imposto otto anni fa da Mosca nella regione. L’Ucraina non ha quindi solo colpito un arsenale nemico nella penisola occupata, ma ha anche danneggiato il trasporto ferroviario, fondamentale per le forze di occupazione russe nella provincia occupata di Kherson.

Ma questo ha anche portato la guerra agli occhi dei turisti russi in Crimea, che avevano hanno vissuto quasi sei mesi ignari dei combattimenti che stava conducendo il loro paese, a più di cento chilometri dal fronte, e che ora lasciano la regione in autobus perché le loro linee ferroviarie sono state interrotte.

La versione ufficiale del ministero della Difesa russo è che il deposito militare nel distretto di Dzhankoi, nel nord della Crimea, è stato distrutto martedì da un gruppo di sabotatori ucraini. Anche i binari della ferrovia e una centrale elettrica sono stati danneggiati nell’attacco. kyiv non ha confermato o negato la sua paternità, anche se una fonte a kyiv del quotidiano americano The New York Times afferma che sarebbe stata l’azione di un’unità d’élite ucraina infiltrata dietro le linee russe.

La Crimea, luogo emblematico del nazionalismo russo il cui presunto pericolo è servito come uno dei diversi pretesti usati dal presidente russo Vladimir Putin per giustificare la sua offensiva di febbraio, aveva vissuto fuori dalla guerra fino allo scorso 9 agosto, quando la base aerea di Saki fu distrutta con la perdita di diversi aerei da combattimento Su-24 e Su-30, nonché i loro depositi di munizioni.

Il ministero della Difesa russo ha quindi affermato che le esplosioni erano dovute a un incidente, mentre una fonte del governo di Volodímir Zelenski ha assicurato a EL PAÍS che si trattava del risultato di un’operazione speciale. Quel giorno un video dei massicci ingorghi causati dalle esplosioni è diventato virale. “Non voglio assolutamente lasciare la Crimea. Com’è buono qui! Sembrava di essere a casa!” singhiozzò una donna russa all’interno del veicolo con cui stava fuggendo dalla penisola.

Questo martedì, più di 3.000 abitanti degli insediamenti Maiskoye e Azovskoye sono stati evacuati, mentre il trasporto ferroviario è stato interrotto nella penisola. “I passeggeri del treno che dovevano recarsi a Simferopol (la capitale della Crimea, al centro) saranno portati in autobus a Vladislavovka (nell’area orientale che collega con la Russia dal ponte nello stretto di Kerch)”, ha annunciato il governatore della Crimea, che prima dell’irruzione delle truppe russe nel 2014 aveva appena il 4% dei voti nelle ultime elezioni del parlamento della provincia ucraina.

“Queste azioni hanno portato alla violazione delle procedure tecnologiche che regolano il funzionamento della centrale nucleare”

Occupati dai russi sono le esplosioni nei magazzini e un alto rischio di morte per invasori e ladri. Inoltre, la presunta minaccia di sabotatori aleggia oltre la Crimea. Lo stesso giorno, il Servizio di sicurezza federale russo (FSB) ha denunciato che altri gruppi di sabotaggio ucraini avevano attaccato le linee elettriche di una centrale nucleare a Kursk, una regione russa situata a nord dell’Ucraina.

Il Presidente Ucraino Zelensky
Il Presidente Ucraino Zelensky – Nanopress.it

“Queste azioni hanno portato alla violazione delle procedure tecnologiche che regolano il funzionamento della centrale nucleare”, sottolinea il comunicato diffuso dall’ente russo proprio quando Kiev e Mosca si accusano a vicenda di aver messo un’altra centrale nucleare, quella nella regione ucraina. , a rischio Zaporiya, e di usarlo come strumento di pressione contro l’avanzata delle forze ucraine nel sud del Paese.

Oltre ai sabotatori, la minaccia ucraina è anche sotto forma di missile a medio raggio. Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha avvertito a giugno che l’arrivo degli Himar statunitensi potrebbe spingere la Russia a spingere le sue forze più in profondità in Ucraina. Due mesi dopo, e con diverse installazioni russe distrutte da questi missili, il ministro della Difesa Sergei Shoigu ne ha sottovalutato l’importanza.

“L’operazione militare speciale ha sfatato il mito secondo cui le super armi che l’Occidente fornisce all’Ucraina sono presumibilmente in grado di cambiare radicalmente la situazione in prima linea”, ha detto Shoigu in una conferenza sulla sicurezza a Mosca. “Prima parlavano dei sistemi anticarro Javelin e di alcuni droni speciali; e ultimamente presentano i lanciamissili multipli Himars e gli obici a lungo raggio come super-armi.

Tuttavia, anche questi vengono uccisi in combattimento e non hanno alcuna influenza significativa”, ha aggiunto. Il ministro della Difesa russo ha anche affermato che il suo Paese sta conducendo una “guerra ibrida” con la NATO in Ucraina. Shoigu si è lamentato del fatto che Kiev non solo ha i soldi, le armi e le informazioni fornite dall’Occidente, ma anche le sue forze sono dirette da specialisti stranieri. “Le operazioni delle forze armate ucraine sono pianificate a Washington e Londra”, ha denunciato.