Covid Euro 2020, a Coverciano tre positivi

I tre positivi al Covid non sarebbero entrati in contatto con i giocatori della nazionale. Aree sanificate e conferenza stampa annullata e programmata da remoto

Euro 2020 covid

Foto Shutterstock | JessicaGirvan

Manca sempre meno alla finale di Euro 2020 che vedrà in campo, a Wembley, Italia e Inghilterra. Il Covid, però, è arrivato a Coverciano. Infatti, tre persone della Rai, due a Londra e una a Firenze, sono risultate positive ai tamponi per il Coronavirus.

Tre positivi al Covid, ma non hanno avuto contatti con i giocatori

Secondo quanto emerso, alle 7 di questa mattina, venerdì 9 luglio, sarebbe stata avvisata anche la Federcalcio, che ha deciso di chiudere le porte del centro sportivo per preservare la nazionale. Inoltre, è stata anche cancellata la conferenza stampa e riprogrammata da remoto. Infine, il media center e gli uffici frequentati dal giornalista positivo sono stati sanificati.

I tre positivi, secondo quanto emerso in queste ore, non hanno avuto contatti diretti con nessuno dei giocatori della nazionale. Quindi, è stata per il momento scongiurata la possibilità di un focolaio Covid tra gli azzurri e tutte le persone che si trovano a Coverciano.

Londra ai tifoni italiani: “Non venite nel Regno Unito”

Non venite in Gran Bretagna per la finale Italia – Inghilterra di Euro 2020 domenica“. A dirlo è Gran Shapps, ministro dei trasporti britannico. Shapps avrebbe così chiesto ai tifosi italiani, durante un’intervista a Times Radio, di evitare di raggiungere la capitale per assistere alla finale a Wembley- “Se ci accorgiamo che le persone arrivano solo per questa partita, non potranno entrare e, proprio per questo, sono stati cancellati molti voli diretti e charter”.

L’appello dell’Oms: “Goditi lo spettacolo, ma fallo in sicurezza”

Anche l’Oms chiede ai tifosi di guardare la finale di Euro 2020, che vedrà scontrarsi sul campo Italia e Inghilterra, in totale sicurezza. “Gli Europei di calcio 2021 stanno per finire. Goditi lo spettacolo, ma fallo in sicurezza“. Le linee guida per vedere la finale in sicurezza sono sempre le stesse: indossare la mascherina, mantenere il distanziamento ed evitare situazioni affollate.

Parole di Benedetta Minoliti

Benedetta Minoliti, nata a Milano il 24 marzo 1993. Sono laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Milano e diplomata presso la Scuola di Giornalismo dell’Università Cattolica di Milano. Non esco mai di casa senza le cuffie, ascolterei la musica anche mentre dormo e adoro scattare polaroid. Collaboro con AlaNews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.

Da non perdere