Cornetto gelato, MAI mangiare la punta: l’errore che commettiamo ogni estate | Pericolosissimo

L’estate è un tripudio di odori e colori che ci trasmettono sensazioni di tranquillità, leggerezza e relax. 

Punta del cornetto
Punta del cornetto – Nanopress.it

Anche il palato, però, vuole la sua parte, motivo per il quale l’avvento della stagione estiva rappresenta, tra le altre cose, il piacere di gustare un buon cornetto gelato. Ecco, però, perché si dovrebbe sempre evitare di consumarne la punta ripiena di cioccolato.

Il gelato appartiene a una di quelle categorie di alimenti di cui non si riesce mai a fare a meno, neanche nei mesi invernali. Complice le alte temperature, però, l’estate è la stagione durante la quale se ne consuma di più.

Il cornetto gelato è, senza dubbio, uno dei preferiti dagli italiani, specie per la parte finale del cono il quale racchiude un goloso inserto di cioccolato. A discapito delle nostre papille gustative, però, la parte del finale dei cornetti non andrebbe mai consumata, perché potenzialmente rischiosa per la nostra salute.

La punta del cornetto gelato: perché evitarla?

Quante volte, mangiando un cornetto gelato, per tutta la durata dello spuntino non abbiamo fatto che pregustarci la punta del cono contenente un esplosione di cioccolato semisolido? Tante, immagino, ma in pochi saranno a conoscenza delle insidie che quel piccolo pezzo di cioccolato racchiude per la nostra salute.

Cioccolato il lavorazione
Lavorazione cioccolato – Nanopress.it

Ecco, a tal proposito, quanto riportato dal sito lacucinaitaliana.it, alla luce di quanto affermato dal chimico Bert Weckhuysen: “Lo ha spiegato il chimico Bert Weckhuysen, dell’Università di Utrecht. Per evitare che il cioccolato si sciolga completamente prima che venga raggiunto da chi sta gustando il gelato, i produttori hanno dovuto cambiare il punto di fusione: ci sono riusciti ricorrendo a un processo chiamato ‘idrogenazione‘, che comporta l’aggiunta di una molecola di idrogeno a un altro composto, in questo caso, il cioccolato”.

Gelati in spiaggia
Cornetto gelato – Nanopress.it

“Il vero problema”, prosegue la spiegazione, “è che questo processo trasforma i grassi insaturi in grassi solidi, e quindi gli acidi grassi insaturi diventano saturi. […] Sono i grassi più pericolosi per il sistema cardiocircolatorio“.

Gusto e salute

“Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità“, si legge, inoltre, su lacucinaitaliana.it, “adulti e bambini dovrebbero consumare al massimo il 10% delle loro calorie giornaliere in forma di grassi saturi, e il consumo totale di grassi, comunque, non dovrebbe superare il 30% delle calorie giornaliere. Le quantità eccessive di grassi saturi e trans dovrebbero essere sostituite da grassi polinsaturi, come quelli presenti nel pesce e nell’olio d’oliva.”

Per evitare, dunque, il rischio di incorrere in problemi cardiocircolatori, sarebbe bene rinunciare alla parte finale dei cornetti gelato nonostante, ahimè, sia anche la più golosa.