Conadannato all’ergastolo uno dei ‘Beatles’ dello Stato Islamico

El Shafee Elsheikh, componente dello Stato Islamico, faceva parte della cellula che ha rapito il giornalista spagnolo Marc Marginedas.

El Shafee Elsheikh
El Shafee Elsheikh – NanoPress.it

I rapimenti e gli omicidi di giornalisti e operatori umanitari da parte dello Stato Islamico, comprese le decapitazioni registrate in video e trasmesse su Internet, hanno sconvolto il mondo tra il 2012 e il 2015. Questo giovedì, uno dei responsabili di questi atti, El Shafee Elsheikh, chiamato il Beatles dello Stato Islamico, è stato condannato a trascorrere il resto della sua vita in prigione per questa barbarie.

Un giudice federale statunitense ha condannato Elsheikh a otto ergastoli

Un giudice federale statunitense ha condannato Elsheikh a otto ergastoli per il suo ruolo nel rapimento e nella decapitazione di quattro cittadini statunitensi in Siria e Iraq tra il 2012 e il 2015: i giornalisti James Foley e Steven Sotloff e gli operatori umanitari Peter Kassig e Kayla Mueller. Sebbene Elsheikh non abbia eseguito direttamente le uccisioni, i pubblici ministeri hanno affermato che era coinvolto in esse.

I parenti dei quattro americani hanno assistito questo giovedì alla lettura della sentenza. Il giudice Thomas S. Ellis lo ha letto nell’anniversario della decapitazione del giornalista James Foley, una delle vittime, e ha permesso l’intervento dei parenti. “L’odio ha completamente preso il sopravvento sulla tua umanità”, ha detto la madre di Foley, Diane, che poi è scoppiata in lacrime.

“Vi compatisco. Prego che il vostro tempo in carcere serva a riflettere”, ha aggiunto, secondo le parole raccolte da Reuters Il pubblico ministero aveva escluso la pena di morte nell’ambito di un accordo con le autorità britanniche per fornire prove e informazioni. Richard Smith, a capo del London Police Counter-Terrorism Command, ha dichiarato in una dichiarazione: “Questo è uno dei più grandi casi di terrorismo internazionale mai processati. Questi sono alcuni degli atti terroristici più barbari mai visti, compiuti con agghiacciante crudeltà e brutalità”.

El Shafee Elsheikh, un ex cittadino britannico di 33 anni, è stato dichiarato colpevole da una giuria lo scorso aprile di quattro capi di imputazione relativi al complotto del rapimento e di quattro capi di cospirazione per uccidere questi cittadini dopo un processo di due settimane tenutosi ad Alessandria. Virginia), ma la sentenza restava da conoscere. I Beatles dello Stato Islamico erano conosciuti come tali principalmente per il loro accento inglese.

Era un gruppo particolarmente crudele. Secondo le indagini, hanno sottoposto i loro prigionieri a torture e abusi come annegamento simulato (waterboarding) ed esecuzioni, fame, scosse elettriche, percosse e soffocamento che li hanno fatti svenire. Diversi testimoni hanno raccontato queste torture e umiliazioni durante il processo.

Durante il processo, El Shafee Elsheikh non ha negato di far parte dello Stato Islamico, ma i suoi avvocati hanno affermato che non apparteneva a quella cellula, ma che si era trattato di un errore di identificazione. La cellula era composta da Elsheikh, Mohammad Emwazi e Alexandra Kotey. Alexandra Kotey è stata condannata all’ergastolo all’inizio di quest’anno da un altro giudice statunitense.

Lo Stato Islamico sotto l’occhio del ciclone

Oltre alla morte di Foley, Sotloff, Kassig e Mueller, sono ritenuti responsabili della morte di altri quattro cittadini britannici e giapponesi e del rapimento e della tortura di più di due dozzine di ostaggi occidentali, tra cui il giornalista spagnolo Marc Marginedas, giornalista di El Periódico, che ha partecipato al processo come testimone. Oltre a Marginedas, sono stati rapiti anche Javier Espinosa, di El Mundo, e Ricard García Vilanova, un fotoreporter che ha collaborato, tra gli altri media.

Guerriglieri dell'Isis
Guerriglieri dell’Isis – NanoPress.it

Foley, Sotloff e Kassig sono stati decapitati nel 2014 mentre i terroristi li hanno videoregistrati, solo per diffondere il filmato in seguito, aggiungendo terrore e dolore. Mueller, un operatore umanitario, è stato violentato e ridotto in schiavitù dal leader dello Stato Islamico, Abubaker al-Baghdadi. È stata uccisa e il suo corpo non è mai stato recuperato. La sua morte è stata confermata nel 2015. Gli Stati Uniti hanno giustiziato Al Baghdadi nel 2019 in un’operazione militare chiamata Kayla, dal nome della vittima.

Una volta nota la sentenza, i carabinieri hanno pubblicato alcuni dettagli su come sono state condotte le indagini. “Abbiamo iniziato la nostra indagine nel 2012 dopo che John Cantlie, un giornalista freelance britannico, e il fotoreporter americano James Foley sono stati rapiti mentre si trovavano nel nord della Siria”, ha affermato il capo del comando antiterrorismo della polizia di Londra.

“In quella prima fase non eravamo chiari su chi potesse esserci dietro i rapimenti. Nei mesi successivi altri giornalisti e operatori umanitari sono stati rapiti nella stessa regione, tra cui altri due cittadini britannici: David Haines e Alan Henning”. Secondo la polizia, i resoconti dei testimoni, insieme ad altre informazioni e dati raccolti, indicavano che le persone coinvolte nei rapimenti erano cittadini britannici, molto probabilmente di Londra, che si erano recati in Siria. Gli investigatori si sono dedicati a cercare di identificare le persone coinvolte.

Una prima svolta è arrivata quando diversi ostaggi hanno riferito che uno dei rapitori aveva affermato di essere stato arrestato durante una manifestazione della English Defense League a Londra. Gli agenti hanno identificato un accoltellamento durante una marcia dell’11 settembre 2011 in cui sono stati arrestati El Shafee Elsheikh e Alexanda Kotey. Un video registrato da un agente che mostrava Elsheikh e Kotey che parlavano con la polizia era stato conservato ed è stato riprodotto durante il processo.