Colombia: Petro vuole riaprire il confine con il Venezuela

Il presidente eletto della Colombia, Gustavo Petro, come primo passo del suo governo affronta un tema di politica estera, la sfida di recuperare i rapporti con il Venezuela, totalmente interrotti dal 2019.

Gustavo Petro
Gustavo Petro – NanoPress.it

Gustavo Petro ha impiegato solo tre giorni dopo la sua vittoria alle urne per affrontare una delle sfide più complesse che il suo governo dovrà affrontare: le relazioni interrotte con il Venezuela di Nicolás Maduro. Il presidente eletto della Colombia ha annunciato questo mercoledì, sui suoi social network, di aver comunicato con il governo venezuelano “per aprire le frontiere e ripristinare il pieno esercizio dei diritti umani al confine”, una volta che entrerà in carica, il 7 agosto.

La Colombia e i rapporti con i paesi vicini

Petro non ha fornito ulteriori dettagli della conversazione, né ha svelato chi fosse il suo interlocutore con il governo chavista, sebbene lo stesso Maduro si fosse già congratulato con lui sui social, per una vittoria che permette di prevedere “tempi nuovi”. L’annuncio arriva il giorno dopo che Petro, che sarà il primo presidente di sinistra nella storia della Colombia, ha parlato al telefono con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Sulla mappa geopolitica dell’America Latina, dove si sta facendo strada un nuovo asse progressista, Bogotá, storico alleato di Washington, è anche fondamentale per la Casa Bianca, per il ruolo che può svolgere nella strategia contro il vicino Venezuela, il principale fulcro di instabilità nella regione. Il messaggio era “prevedibile”, afferma Ronal Rodríguez, ricercatore dell‘Osservatorio del Venezuela dell’Universidad del Rosario, a Bogotá, anche se chiarisce che questa ripresa delle relazioni deve essere “graduale, intensificata e negoziata”.

La prima aspettativa è recuperare i rapporti commerciali tra il dipartimento colombiano di Norte de Santander e lo stato venezuelano di Táchira. Il recupero delle relazioni consolari è una delle criticità, “per il numero dei colombiani in Venezuela, e per il numero dei venezuelani in Colombia”, che in entrambi i casi sono milioni. Il riavvicinamento, conclude, implica dinamiche di riconoscimento del governo venezuelano, che richiedono una serie di negoziati.

In Colombia, le comunità lungo un confine di oltre 2.200 chilometri, chiedono a gran voce di ripristinare il flusso di confine e le relazioni con Caracas, interrotte completamente dal 2019. In misura maggiore o minore, tutti i candidati della lunga campagna presidenziale hanno promesso di riaprire il confine.

Petro entra in contrasto con la politica estera del presidente Iván Duque

Così ha fatto Rodolfo Hernández, l’uomo d’affari sconfitto da Petro al secondo turno di domenica. Ma per il presidente eletto, a cui i suoi oppositori hanno sempre attribuito simpatie per la sinistra più radicale, la questione venezuelana richiede un delicato equilibrio.

Iván Duque
Iván Duque – NanoPress.it

Di fronte alle resistenze che il suo progetto politico suscita ancora in vari settori, Petro, che in gioventù è stato membro della guerriglia M-19, ha cercato di ammorbidire la sua immagine durante la campagna. Questo percorso ha avuto lo scopo di prendere le distanze da qualsiasi associazione con il chavismo, un’ombra che lo ha perseguitato da quando ha mostrato una certa armonia con Hugo Chávez nelle prime fasi della rivoluzione bolivariana.

Come parte della sua visione politica, Petro ha insistito nell’affrontare il cambiamento climatico come una delle sue priorità, e propone di fermare l’esplorazione petrolifera come parte della transizione verso un’economia decarbonizzata. “L’economia venezuelana è affondata a causa della sua dipendenza dal petrolio, e quello che proponiamo è il contrario”, ha detto più volte il Presidente.

Al contrario, si è avvicinato ad altri settori progressisti in America Latina, tra cui il cileno Gabriel Boric e il messicano Andrés Manuel López Obrador. “Nessun rapporto di confine, per quanto difficile possa essere, è quello che abbiamo oggi, in qualsiasi parte del mondo.

Anche tra americani e cubani ci sono sempre canali di comunicazione”, María Ángela Holguín, cancelliera durante gli otto anni del governo Juan Manuel Santos (2010-2018), dice. “Bisogna stabilire canali di comunicazione. Ci sono questioni su cui sicuramente si può lavorare perché sono anche interessati al fatto che il confine non sia il caos che è oggi, di criminalità, contrabbando e omicidi”.

All’epoca, tra le sue prime azioni di governo, Santos riorientò le relazioni tese con alcuni paesi vicini, deteriorate dopo i due mandati di Álvaro Uribe (2002-2010), come l’Ecuador di Rafael Correa e il Venezuela di Hugo Chávez. Tuttavia, la deriva di Nicolás Maduro ha reso sempre più difficili i rapporti tra Bogotá e Caracas, due capitali che da anni mantengono posizioni inconciliabili.

Due milioni di venezuelani si sono stabiliti in Colombia

Cúcuta, la più grande città colombiana di confine, è stata l’epicentro di queste tensioni, esacerbate dal febbraio 2019 dal tentativo fallito dell’opposizione venezuelana, guidata da Juan Guaidó, che ha avuto il sostegno illimitato del presidente Duque, di portare cibo e medicinali attraverso i ponti di confine.

Hugo Chávez
Hugo Chávez – NanoPress.it

Maduro considerò quell’episodio una tentata “invasione” e ruppe rapporti che ormai erano già in decomposizione. Duque è stato il principale promotore dell'”assedio diplomatico” all’erede di Hugo Chávez e lo accusa di aver dato rifugio ai guerriglieri colombiani nel suo territorio, mentre Maduro a sua volta lo addita da ogni tipo di complotto. Gli esperti concordano sul fatto che il tentativo di isolare Caracas sia stato un fallimento. Per finire a complicare il tutto, i ponti binazionali sono stati l’imbuto di uno dei più grandi flussi di persone al mondo, più volte travolto dalla diaspora dei venezuelani che fuggono spinti dall’iperinflazione, dall’insicurezza o dalla scarsità di cibo e medicine.

Almeno due milioni si sono stabiliti in Colombia, dove Duque ha varato uno Statuto di protezione temporanea per i migranti venezuelani. Con i ponti chiusi si impone il confine clandestino. Il flusso attraverso i cosiddetti sentieri, come sono conosciuti gli attraversamenti illegali, è sempre stata la regola. La linea di confine è piena di percorsi informali attraverso i quali storicamente sono passati tutti i tipi di contrabbando. Fianco a fianco, opera un arcipelago di gruppi armati, tra cui i dissidenti delle FARC, i guerriglieri dell’ELN o la banda nota come Tren de Aragua.