Colombia: Petro inaugura una nuova era nelle relazioni con gli USA

Il presidente eletto della Colombia Gustavo Petro incontra l’ambasciatore USA per preparare l’incontro alla fine della settimana con gli alti rappresentanti dell’amministrazione Joe Biden.

Gustavo Petro
Gustavo Petro – NanoPress.it

I rapporti tra Colombia e USA, storicamente molto stretti, sono entrati in una nuova era con l’imminente arrivo al potere di Gustavo Petro. Il presidente eletto, in passato, è stato molto critico nei confronti della politica antidroga che il Paese ha seguito di pari passo con il suo partner settentrionale, ha apertamente messo in discussione l’Accordo di libero scambio perché, a suo avviso, ha impoverito i contadini e considera un errore a lungo termine che l’economia sia così dipendente dal carbone e dal petrolio.

Colombia e USA cercano un riavvicinamento dopo il periodo elettorale

Come candidato, ha sentito che l’ambasciata non gli ha ceduto il suo posto non ricevendo nemmeno una chiamata da loro durante l’intero processo elettorale. Ha sempre avuto in mente che gli americani preferivano la continuità, cioè qualsiasi rivale che doveva affrontare. Tutto ciò, però, sembra essersi lasciato alle spalle questo lunedì, in cui Petro ha tenuto un cordiale incontro con l’ambasciatore incaricato, Francisco Palmieri, per preparare l’incontro che terrà a fine settimana con gli alti rappresentanti del governo di Joe Biden.

Il punto di coincidenza più ovvio nella diplomazia dei due paesi è il Venezuela. Gli Stati Uniti hanno promosso Juan Guaidó come presidente alternativo a Nicolás Maduro. Il presidente Iván Duque, che Petro sostituirà, era entusiasta della causa e per tutto questo tempo ha mantenuto un discorso molto aggressivo contro l’autoritarismo chavista a cui Maduro ha risposto con ancora maggiore virulenza.

Le relazioni tra i due Paesi sono interrotte dal 2019. Il confine è chiuso. Ciò riguarda centinaia di migliaia di persone che vivono in quella striscia, persone che non sono da una parte o dall’altra, ma da entrambi i posti. Gli uomini d’affari chiesero a Duque di riaprire il valico, ma lui rifiutò. La sua postura non si mosse di un centimetro. Gli Usa, però, sempre pragmatici, hanno ripreso i colloqui diretti con Maduro da quando è iniziata l’invasione russa dell’Ucraina, cosa che settimane fa sembrava assolutamente irrealizzabile.

Petro ha già annunciato che la sua idea è quella di riaprire il confine e avere un’ambasciata a Caracas. Armando Bendetti, il suo braccio destro, suona come un possibile ambasciatore. Sarebbe successo così anche se il vincitore fosse stato Rodolfo Hernández, il rivale che ha sconfitto. Hernández, di una regione vicina al confine con il Venezuela, considera un danno economico insensato l’assenza di relazioni commerciali.

Insomma, il fatto che Petro abbia una posizione più aperta con il paese vicino rispetto a Duque allenta i rapporti con gli Stati Uniti, che ora non devono affrontare alcuna contraddizione, e non hanno bisogno di discutere del più devoto dei suoi alleati. Il cambio di strategia avverrà naturalmente. E accadrà questa settimana. Giovedì una delegazione guidata da Jonathan Finer, capo di gabinetto del Segretario di Stato americano, sbarcherà in Colombia. Finer è affiancato da Juan Gonzalez, consigliere per l’emisfero occidentale presso il Consiglio di sicurezza nazionale, e Brian A. Nichols, segretario aggiunto per gli affari dell’emisfero occidentale.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

In linea di principio sarebbe venuta anche Isobel Coleman, dell’USAID, l’agenzia di cooperazione, ma alla fine non ci sarà. Il primo giorno incontreranno leader sociali e uomini d’affari. Il giorno dopo, con Petro alle tre del pomeriggio, e poi con Francia Márquez, il vicepresidente. La giornata si concluderà con l’incontro di Finer con i deputati eletti dal Patto Storico, la coalizione di sinistra che ha vinto le elezioni. Il discorso di Petro non è stato condiscendente nei confronti degli Stati Uniti.

Ritiene – e ci sono molte prove di ciò – che la politica antidroga sia stata un fallimento. Le piantagioni di coca sono diminuite, ma è aumentata la produzione di cocaina nel Paese. L’erbicida che si diffonde nelle piantagioni colpisce le colture lecite dei contadini. Il nuovo presidente vuole approfondire questo tema. E vuole coinvolgere pienamente il suo partner nordamericano nella riforma agraria. Ritiene che alcuni dei problemi del Paese, come il traffico di droga, siano stati causati dalla distribuzione ineguale della terra.

Inoltre, ritiene che l’economia colombiana sia eccessivamente dipendente dall’estrattivismo, che consente di spendere soldi facili per le importazioni. Il tessuto produttivo è molto deteriorato in questo modo, a loro avviso. A ciò si deve aggiungere l’intenzione di Petro di discutere alcuni aspetti del trattato di estradizione, che ai suoi tempi portò a una guerra tra lo Stato e i grandi signori della droga come Pablo Escobar.

Molti di questi problemi saranno sicuramente sfumati e il raggio d’azione del presidente sarà limitato. Per ora, ha appena incontrato l’ambasciatore in carica alla presenza del suo cancelliere, il veterano Álvaro Leyva, e presto potrà avviare quelle discussioni con gli inviati di Biden. Le relazioni tra Colombia e Stati Uniti entrano in un territorio inesplorato.