Colombia, l’amaro addio di Iván Duque

Il presidente della Colombia ha pronunciato il suo ultimo discorso davanti al parlamento lanciando diversi dardi contro i suoi oppositori e ha provocato grida di protesta tra i membri del Congresso.

Iván Duque
Iván Duque – NanoPress.it

Il presidente Iván Duque ha solo due settimane e mezzo prima di lasciare il potere, ma non vuole salutare senza lanciare qualche freccia al suo successore. “Questa è l’ultima volta che mi rivolgo a questo Congresso come Presidente della Repubblica”, ha detto mercoledì pomeriggio, quando è stato insediato il nuovo Congresso colombiano.

La Colombia si trova di fronte ad una crisi ecnomica e sociale profonda

Lascia l’incarico con un tasso di disapprovazione del 68% e con un parlamento dove ora governa il partito del suo rivale, il presidente eletto Gustavo Petro. Duque, invece, è entrato in sala con orgoglio assicurando: “Abbiamo adempiuto!”. Il pubblico non era d’accordo. I deputati dell’opposizione al suo governo cominciarono a fischiare. “Bugiardo!” gli gridarono più volte.

Il primo momento in cui sono scoppiate le urla è stato quando il presidente ha parlato del suo primo punto del discorso: “Pace con legalità”. Secondo Duque, sotto il suo mandato, 1,3 milioni di ettari sono stati regolarizzati per i contadini senza terra, “il governo che ha fornito più terra ai contadini colombiani nella nostra storia recente”. La frecciata a Petro è arrivata quando ha aggiunto che questo processo “ha dimostrato che la giustizia sociale può essere fatta nelle campagne senza espropri”.

La parola espropriazione è stata usata più volte dai suoi alleati contro Petro, il quale ha promesso più volte che non è nei suoi piani espropriare i proprietari del campo. Non importa quanto lo ripeti. Tuttavia, il presidente ha deciso di provocare i petristi usando quella parola carica durante la campagna.Duque, inoltre, è andato oltre. “Abbiamo fornito tutto il supporto necessario alla giurisdizione speciale per la pace (JEP) e alla Commissione per la verità”, ha affermato pochi secondi dopo.

Entrambe sono istituzioni create dall’accordo di pace del 2016 e Duque è stato eletto nel 2018 da elettori che volevano “ridurre a brandelli l’accordo”. Durante la sua amministrazione, ha cercato di rivedere il PEC con riforme che gli hanno tolto i poteri (anche se nel tentativo ha fallito), e recentemente è stato assente quando la Commissione Verità ha presentato al Paese il suo rapporto finale, un documento titanico in cui diversi commissari intervistato a migliaia di cittadini colpiti dalla guerra.

Facendo eco alle critiche che i settori militare e di destra hanno mosso a questo rapporto, Duque ha detto che vorrebbe “un dibattito nazionale si insediasse nella società che ci permetta di raggiungere una verità senza pregiudizi”. In seguito, parlando dell’esercito, ha affermato che “ribadiamo agli eroi della Colombia che siamo e saremo sempre al vostro fianco e al vostro fianco, perché siete il sostegno della democrazia”.

I fischi sono continuati. Duque è stato un presidente che più volte ha voltato le spalle alle istituzioni create dal processo di pace, motivo per cui molte delle regioni più colpite dalla guerra hanno votato Petro. Alzando il tono del suo intervento, il presidente ha aggiunto che “non esiste una causa oggettiva che giustifichi un crimine, tanto meno che si appelli a false teorie che hanno truccato la parola rivoluzione”.

Un’altra frecciata implicita contro coloro che sostengono queste istituzioni di pace. Ma né il PEC né la Commissione Verità hanno giustificato la violenza delle armi. Al contrario, ha parlato di conquiste militari, come essere riuscito ad attaccare i dissidenti delle FARC, ad esempio alias Uriel, alias Iván Mordisco o alias Rodrigo Cadete. “Mentre altri come Otoniel pagano per i loro crimini internazionali, senza che ciò impedisca loro di affrontare il sistema giudiziario colombiano e ripagare le vittime”, ha aggiunto.

“Auguriamo il successo della prossima amministrazione nella sua gestione”, ha detto Duque

Diverse organizzazioni gli hanno chiesto di non estradare Otoniel negli Stati Uniti in modo che potesse confessare i suoi crimini in Colombia. “Questo governo ha attuato una riforma strutturale garantendo il benessere e l’integrità della Polizia nazionale e promuovendo un’istituzione militare e di polizia più vicina ai cittadini”, ha affermato il presidente. La Polizia, invece, ha una disapprovazione del 58% che stava aumentando dopo le violenze della polizia che il governo non ha fermato durante le proteste sociali.

Gustavo Petro
Gustavo Petro – NanoPress.it

Di fronte alle proteste contro il suo governo, iniziate nel 2019 fino al 2021, Duque le ha definite “ondate di violenza che hanno cercato di bloccare il Paese”, sebbene vi fossero “valide rivendicazioni sociali per debiti storici mai saldati”. Il presidente ha parlato nel suo discorso anche delle crisi che non erano sotto il suo controllo e che hanno reso più difficile la sua presidenza: la pandemia di coronavirus, la crisi migratoria in Venezuela con milioni di persone “che cercano rifugio dall’obbrobrio dittatoriale”, o l’uragano Iota di 2020 che ha distrutto le isole colombiane nei Caraibi.

Ha sottolineato che, nonostante le sfide, è riuscito ad aumentare la copertura nell’istruzione gratuita per i più giovani, oltre a creare nuove piattaforme per l’accesso al lavoro. Ha aggiunto che per la prima volta è riuscito ad avere un gabinetto congiunto (anche se non è durato per tutto il suo mandato) e che sotto il suo governo il paese ha iniziato la transizione verso le energie rinnovabili, un processo che Petro ha promesso di accelerare. Ha anche aggiunto che, sotto il suo governo e durante la crisi in Ucraina, la Colombia è riuscita a essere inclusa come alleato strategico, non membro, della NATO.

“Auguriamo il successo della prossima amministrazione nella sua gestione”, ha detto Duque verso la fine del suo discorso. “Il prossimo 7 agosto, quando riacquisterò il mio status di cittadino, la mia voce sarà sempre attenta a costruire e costruire soluzioni per la nostra nazione”. Lo disse tra grida, fischi, picchiando le scrivanie. Duque sta per salutare il governo, con pochissimi disposti ad ascoltare attentamente, e nemmeno il presidente sembra voler ascoltare le sue critiche.

Ha descritto la sua opposizione in Colombia come coloro che promuovono “violenza”, “attacchi disonesti”, “fake news”, coloro che “cercano di dividere la società”. Ha lasciato il Congresso senza ascoltare almeno la risposta dell’opposizione, che aveva il diritto di parlare dopo il presidente. Si è salutato mentre governava: con tante proteste in giro, e senza ascoltare chi voleva replicare.