Colombia: i vecchi guerriglieri sono la speranza dei giovani

E’ stato il gran numero di donne che si sono presentate al voto a determinare una svolta in Colombia: Gustavo Petro, il candidato di di sinistra ha vinto il ballottaggio e governerà per i prossimi quattro anni.

Gustavo Petro
Gustavo Petro – NanoPress.it

Nel suo discorso di vittoria, Petro ha chiesto la riconciliazione per un Paese che è sempre stato diviso. Per la prima volta nella storia, una persona di sinistra governerà la Colombia. Gustavo Petro, 62 anni, ha vinto le elezioni presidenziali nel paese latinoamericano con una maggioranza sorprendentemente netta del 50,45%. Il suo avversario, il populista Rodolfo Hernández, 77 anni, ha ottenuto il 47,30%.

Petro e il compito di ‘pacificare’ la Colombia

Decine di migliaia di colombiani, per lo più giovani, sono scesi in piazza in tutto il paese per celebrare la vittoria di Petro. Il politico di sinistra è riuscito a mobilitare oltre un milione di elettori in più rispetto al primo scrutinio di tre settimane fa, cruciale per la sua vittoria. L’affluenza alle urne è stata del 58 per cento, un altro record. Poco più di un’ora dopo la chiusura delle urne, alle 16 ora locale, era chiaro che il vantaggio di Petro era inattaccabile.

Le donne eletrici sono state le principali responsabili del successo: la vice di Petro, l’attivista nero per i diritti civili Francia Márquez, aveva trascorso le ultime tre settimane a fare una campagna instancabile per i voti tra le donne delle classi più povere. Nelle ultime tre settimane, lo stesso Petro ha anche compiuto uno sforzo speciale per fare appello alle donne elettrici. “Una marea di giovani elettrici si è riversata alle urne!”, ha esclamato nel suo discorso di vittoria in uno stadio di Bogotá.

Accanto a lui brillavano Márquez, sua moglie e le sue figlie. “Spazzeremo via il patriarcato!” aveva precedentemente annunciato Márquez. Un video che è diventato noto la scorsa settimana ha rivelato quanto fosse vulnerabile l’avversario di Petro su questo problema. Mostra Hernández, un imprenditore edile ed ex sindaco della città di Bucaramanga, durante una festa con i suoi figli e diverse donne poco vestite su uno yacht a Miami.

Si dice che il viaggio, fatto alla fine dello scorso anno, sia stato finanziato dalla società farmaceutica statunitense Pfizer, che apparentemente sperava in ordini pesanti dalla Colombia. Hernández è accusato di corruzione, il processo dovrebbe iniziare a luglio. Ha alienato altri potenziali elettori con osservazioni sprezzanti sui suoi sostenitori, e dichiarazioni contraddittorie sui suoi piani politici.

La notte delle elezioni, Hernández si è congratulato con Petro per la sua vittoria. Anche l’ex presidente Álvaro Uribe, l’eminenza grigia della destra, ha dchiarato Petro come il nuovo presidente in un tweet. Questo è un buon segno: in vista delle elezioni, entrambe le parti avevano ipotizzato una possibile frode.

Da ex guerrigliero a senatore a Presidente

Se il risultato del ballotaggio fosse stato vicino, si temeva che ci sarebbero potuti essere disordini. La Colombia ha dimostrato ancora una volta che il suo sistema elettorale è solido e la sua democrazia stabile, un’impresa non da poco in un momento in cui le democrazie è sotto attacco in tutto il continente.

Francia Márquez
Francia Márquez – NanoPress.it

Chi è l’uomo che guiderà il terzo paese più grande dell’America Latina per i prossimi quattro anni? Petro viene da un ambiente umile, ha trascorso i suoi anni di scuola nella città di Zipaquirá vicino a Bogotá. Ha studiato economia; negli anni ’70 si unì al movimento di guerriglia M-19, un movimento ribelle con radici borghesi e forte sostegno nelle città.

L’M-19 si è fatto un nome negli anni ’80 con azioni audaci: ha rubato la spada del liberatore Simon Bolívar e nel 1985 ha preso d’assalto il Palazzo di Giustizia di Bogotá. Petro fu arrestato quello stesso anno per possesso illegale di un’arma e scontò due anni di prigione. Ma non rende giustizia a Petro ridurlo al suo passato di guerrigliero.

Nel 1990, l’M-19 ha firmato un accordo di pace con il governo, si è disarmato ed è stato incorporato nel sistema politico. I politici dell’M-19 hanno lavorato a una nuova costituzione, sono stati eletti parlamentari e senatori e i loro rappresentanti si sono candidati più volte alla presidenza. Per Petro è il terzo tentativo.

Il fatto che ci sia voluto così tanto tempo prima che un presidente di sinistra fosse eletto presidente, non può essere spiegato senza considerare la particolare storia di violenza della Colombia. Il contrasto tra città e campagna è particolarmente grande. Mentre le grandi città prosperavano economicamente e politicamente, nelle campagne prevalevano condizioni feudali. Signori della guerra paramilitari e guerriglie di sinistra, hanno terrorizzato per decenni vaste aree del Paese e lo Stato è sempre stato a malapena presente in molte regioni.

Queste formazioni paramilitari, sono entrati nel business della droga, rapendo e uccidendo migliaia di persone e prendendone in ostaggio centinaia, inclusa l’ex candidata alla presidenza Ingrid Betancourt. Per molti colombiani la sinistra è stata ineleggibile per decenni per questo motivo. Solo da quando la guerriglia ha firmato un accordo di pace con il governo nel 2016 e ha deposto le armi, il conflitto interno non è più stato al centro del dibattito politico.

Ma anche la sinistra è stata vittima della violenza. Negli anni ’80, gli squadroni della morte uccisero migliaia di sostenitori del partito di sinistra Unión Patriótica (UP). Nel 1990, Carlos Pizarro, candidato alla presidenza dell’M-19, fu assassinato. “Petro è un sopravvissuto”, ha scritto l’editorialista Daniel Coronel sulla rivista Cambio.

Anche Uribe ha dichiarato il candidato di sinistra vincitore

Nonostante le numerose minacce di morte, ha affrontato un potente avversario: l’ex presidente di destra Álvaro Uribe, che ha governato la Colombia con il pugno di ferro dal 2002 al 2010. Uribe è ancora venerato da molti colombiani perché è riuscito a strappare gran parte del paese al controllo della guerriglia.

Álvaro Uribe
Álvaro Uribe – NanoPress.it

L’azione brutale delle forze di sicurezza è stata documentata in tribunale alcune settimane fa: gli ex soldati hanno descritto in dettaglio comele forze militari mandate da Uribe uccidevano i civili e li travestivano da combattenti per migliorare il record di successo dei militari nella lotta alla guerriglia.

Queste rivelazioni potrebbero aver aiutato Petro nella campagna elettorale. La sua vittoria è anche una vittoria sull’uribismo, che ha plasmato politicamente la Colombia dall’inizio del millennio. Resta da vedere se si tratti anche di una vittoria sull’establishment politico del Paese, come sperano molti elettori. Perché Petro non è un outsider politico, come gli piace farci credere. È stato coinvolto nella politica colombiana dalla metà degli anni ’90; è stato senatore e sindaco di Bogotá.

In quanto tale, il suo record è misto; molti residenti della capitale lo hanno criticato per essere autoritario e goffo con la burocrazia. Tuttavia, molti elettori hanno ignorato queste preoccupazioni; il desiderio di cambiamento sembrava superare la paura dell’autoritarismo di sinistra. La crisi economica innescata dalla pandemia del coronavirus ha portato sostegno e simpatia alla sinistra. Nell’ultimo anno, le proteste contro le conseguenze sociali della pandemia sono scoppiate in tutto il Paese, brutalmente represse dalle forze di sicurezza.

Ciò ha alimentato la rabbia contro l’establishment politico e il governo. Centinaia di persone sono stati ferite durante le proteste e dozzine sono morte. Gli attivisti affermano che più di 200 manifestanti sono ancora perseguiti dalla legge. Soprattutto, la futura vicepresidente Márquez, lei stessa minacciata e perseguitata in quanto attivista per i diritti civili e ambientalista, ha difeso le vittime delle violenze. Ancora più di Petro, è la grande speranza dei giovani elettori.

Ha potuto registrare il suo primo successo nella notte delle elezioni: mentre pioveva coriandoli allo stadio, Petro ha annunciato che avrebbe chiesto al procuratore generale di rilasciare tutti i giovani che si trovano in carcere per la loro partecipazione alle proteste dello scorso anno. “Spero che Márquez sia all’altezza delle aspettative”, ha detto l’ex senatrice della guerriglia Victoria Sandino prima delle elezioni.

Questa è la grande sfida: Petro e Márquez (che assumerà il ruolo di vice presidente) non solo devono riconciliare la società profondamente divisa, ma anche gettare le basi per un nuovo percorso politico in Colombia che sia accettabile per la maggioranza. Vogliono ridurre il divario tra la piccola classe dirigente del paese, che è sostenuta da poche decine di famiglie di lunga data, e la stragrande maggioranza del paese.