Cina sanziona funzionari e politici di Taiwan dopo la visita dei deputati USA

Sei dei puniti sono membri del Partito Democratico Progressista al governo, che sostiene una maggiore distanza dalla Cina.

Xi Jinping
Xi Jinping – NanoPress.it

Continuano le ritorsioni per le visite dei politici statunitensi a Taiwan. Quella di Nancy Pelosi, presidente della Camera dei Rappresentanti, è stata seguita questa settimana da cinque membri del Congresso Usa. Martedì, Pechino ha sanzionato “a vita” sette funzionari e politici taiwanesi, accusandoli di promuovere un’agenda indipendentista per l’autogoverno isola che la Cina considera parte inalienabile del proprio territorio.

La Cina annuncia che: “né i sette “fanatici separatisti taiwanesi” né i loro parenti stretti potranno entrare nel Paese”

L’Ufficio di Taiwan del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese ha annunciato che né i sette “fanatici separatisti taiwanesi” né i loro parenti stretti potranno entrare nella Cina continentale o nelle regioni amministrative speciali di Hong Kong e Macao. Allo stesso modo, le organizzazioni con cui i sanzionati hanno legami avranno una cooperazione ristretta sia con le aziende che con i privati ​​del colosso asiatico, mentre i loro sponsor non potranno svolgere attività redditizie dall’altra parte dello Stretto di Formosa.

Secondo l’agenzia di stampa statale cinese Xinhua, l’Ufficio del Lavoro di Taiwan del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese ha incluso sette politici e attivisti taiwanesi nella sua lista di “separatisti fedeli”. La Cina ha giustificato la decisione di “salvaguardare lo sviluppo pacifico delle relazioni attraverso lo stretto e gli interessi immediati dei popoli di entrambe le parti”. 

Sei dei sette sanzionati sono membri del Partito Democratico Progressista (PDP) al governo di Taiwan, che favorisce un ulteriore allontanamento da Pechino. Sono Hsiao Bi-khim, rappresentante di Taiwan negli Stati Uniti; Wellington Koo, segretario generale del Consiglio di sicurezza nazionale dell’isola; Tsai Chi-chang, Vicepresidente dello Yuan legislativo (Parlamento); Ker Chien-ming, leader del PDP nello Yuan legislativo; Wang Ting-yu, membro della commissione per gli affari esteri e la difesa; e Lin Fei-fan, vicesegretario generale del PDP e uno degli attivisti che hanno guidato le proteste studentesche del 2014 note come il Movimento del girasole.

Nancy Pelosi
Nancy Pelosi – Nanopress.it

Sulla sua pagina Facebook, Lin Fei-fan ha espresso che è un onore essere incluso nella lista: “In questi tempi, essere sanzionato da un regime autoritario dovrebbe essere una decorazione per i membri del mondo libero, è molto glorioso”.Il settimo sanzionato è Chen Jiau-hua, legislatore e presidente del New Power Party, terza forza politica dell’isola e incline anche all’indipendenza. Queste persone entrano a far parte di una lista che comprendeva già, da dicembre, il primo ministro taiwanese, Su Tseng-chang; il presidente dello Yuan legislativo, You Si-kun; e il ministro degli Esteri Joseph Wu. 

Pechino ha risposto al viaggio di Pelosi con manovre militari senza precedenti nella regione

“Da qualche tempo, alcuni devoti separatisti, per i propri interessi, hanno fatto di tutto per colludere con forze esterne in provocazioni a favore dell’indipendenza di Taiwan. Hanno deliberatamente istigato scontri attraverso lo stretto e sconsideratamente minato la pace e la stabilità nella regione”, ha affermato il portavoce di Pechino da Xinhua. Secondo le loro dichiarazioni, le attività delle persone nominate “sono diventate ancora più famose” durante la visita di Pelosi all’inizio di questo mese.

Nonostante la Cina abbia ribadito, attivamente e passivamente, di essere contraria alla visita del politico americano come atto di sostegno al secessionismo, il legislatore 82enne si è fermato per 19 ore a Taipei nell’ambito di un più lungo tour per Asia-Pacifico. Anche il presidente cinese, Xi Jinping, ha avvertito il suo omologo americano, Joe Biden, durante una telefonata prima del viaggio, che con questa visita gli Stati Uniti avrebbero provocato e giocato con il fuoco. 

Pechino ha risposto al viaggio di Pelosi con manovre militari senza precedenti nella regione (che includevano fuoco vivo e attraversato il confine de facto dello stretto in diverse occasioni); con il congelamento del dialogo con gli USA su temi chiave; imporre sanzioni all’importazione su 2.000 prodotti taiwanesi; e inasprire il discorso contro Taipei. Nonostante la dura reazione della Cina, domenica una nuova delegazione di cinque membri del Congresso degli Stati Uniti si è recata a Taiwan, dove lunedì ha incontrato il presidente Tsai Ing-wen e altri alti funzionari. Pechino ha risposto a quella che vedeva come una nuova provocazione riprendendo gli esercizi di guerra.