Chiesa anglicana contro Johnson per la deportazione degli immigrati in Ruanda

Mentre la Chiesa anglicana fa sentire la sua voce, il primo ministro Johnson suggerisce che il Regno Unito, potrebbe ritirarsi dalla Convenzione europea sui diritti umani.

Justin Welby
Justin Welby – NanoPress.it

L’istinto di sopravvivenza di Boris Johnson lo porta a credere che chi resiste vince. Qualsiasi strategia per ridurre l’immigrazione irregolare sarà applaudita da quegli elettori conservatori che hanno sostenuto la Brexit nel 2016, e nel 2019 si sono consegnati all’attuale primo ministro.

La Chiesa Anglicana pubblica una lettera contro Johnson

Downing Street e il Ministero degli Esteri britannico hanno deciso di opporsi alla raffica di critiche che ha ricevuto la loro politica di espulsione dei richiedenti asilo nel paese africano del Ruanda. I principali rappresentanti della Chiesa anglicana, 23 vescovi che ricoprono un seggio alla Camera dei Lord, hanno inviato una lettera al quotidiano The Times in cui denunciano duramente una pratica di immigrazione “che dovrebbe farci vergognare come nazione”.

Le deportazioni, o il rimpatrio forzato dei richiedenti asilo nei loro Paesi di origine, non sono il modo per affrontare questa situazione. È una politica immorale che fa vergognare la Gran Bretagna”, dice un testo la cui prima firma è quella dell’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, il capo principale – dopo la regina, che è il capo supremo – della Chiesa anglicana.

In precedenza aveva parlato delle deportazioni in un’omelia in cui definiva la pratica come “contraria a Dio” (empi, nel termine inglese). “Non sono affatto d’accordo. Le uniche persone immorali in tutta questa faccenda sono i trafficanti che si occupano di miseria umana”, ha risposto ai vescovi il ministro degli Esteri britannico Liz Truss.

“Queste persone [riferendosi agli autori della lettera] devono suggerire una politica alternativa che funzioni. Il nostro atteggiamento è completamente legale e completamente morale”, ha detto Truss. Se non ci sarà un backtracking dell’ultimo minuto, il primo volo per il Ruanda decollerà questo martedì, a tarda notte. Sebbene il governo Johnson abbia voluto mantenere segreti il ​​luogo e l’ora del volo fino alla fine, il registro dell’Autorità per l’aviazione civile ha rivelato che sarà una compagnia spagnola con sede a Maiorca, Privilege Style, incaricata di noleggiare un charter che partenza quasi vuota per l’aeroporto di Kigali.

Il Governo conservatore considera giuste le sue posizioni

Il registro indica che l’aereo decollerà stasera dall’aeroporto di Londra Stanstead, ma la sua partenza era inizalmente prevista dalle installazioni militari di Boscombe Down, nella città di Amesbury. Dei 130 immigrati che erano stati informati del loro imminente destino, ne rimangono solo una dozzina. Il governo ha fatto marcia indietro con il resto, a causa dei dubbi e delle sfide legali che ogni caso particolare comportava.

Rifugiati ruandesi
Rifugiati ruandesi – NanoPress.it

È passato dall’essere una “soluzione pratica” a un impegno simbolico del Johnson Executive, per dimostrare che nessuno gli torcerà il braccio. Alcuni calcoli pubblicati dai media britannici suggeriscono che il volo avrà un costo finale di circa 580mila euro. “Il valore del volo giustifica il prezzo”, ha difeso il ministro, “perché quello che vogliamo davvero è prevenire il costo, sia in denaro che in vite umane [le barche che attraversano la Manica]”, ha aggiunto.

La giustizia britannica, per il momento, si è schierata con il governo Johnson. Venerdì scorso, un giudice dell’Alta Corte d’Inghilterra ha respinto le istanze di singoli immigrati e organizzazioni umanitarie per la sospensione del primo volo. La sua decisione è stata ratificata lunedì, 72 ore dopo, da una corte d’appello. Ma ciò non significa che i magistrati abbiano avallato la legittimità finale della politica.

Rimarrà nelle mani della Cassazione, che dovrà pronunciarsi entro la fine dell’anno. In ogni caso, l’agenzia ha respinto anche questo martedì la sospensione del primo volo. L’impegno del ministro dell’Interno, Priti Patel, a riaccogliere i deportati se i tribunali ratificheranno finalmente l’illegalità della nuova politica sull’immigrazione, ha convinto i magistrati.

“Ci sono disposizioni espresse che contemplano il ritorno delle persone ‘ricollocate’ nell’articolo 11 del protocollo delle intenzioni [firmato tra Londra e Kigali]”, ha affermato nella sua sentenza il relatore della corte, Robert Reed. Secondo tale protocollo, le autorità ruandesi devono fornire a tutti quegli immigrati inviati dalle autorità britanniche “un alloggio che garantisca la loro salute, sicurezza e benessere personale” mentre il Regno Unito decide se concedere loro lo status di rifugiato, o un qualche tipo di protezione internazionale.

Ora si aspetta il processo

Tutti loro potranno muoversi liberamente nel Paese, come qualsiasi residente legale. Le procedure di asilo o di concessione dello status di rifugiato devono essere svolte in conformità con la Convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati e le leggi ruandesi sull’immigrazione e, garantiranno l’assistenza di un interprete e rappresentante legale durante tutto il processo.

boris johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

Quando Boris Johnson ha annunciato la nuova politica di espulsione, concordata con il governo del Ruanda in cambio di una prima rata di oltre 140 milioni di euro, aveva già anticipato che avrebbe dovuto affrontare una raffica di cause in tribunale. La loro opzione era quella di incolpare avvocati e organizzazioni di attivisti per aver contribuito, ritardando le loro risorse, alla stagnazione di un problema esistente.

“Ciò che c’è dietro il loro tentativo di minare la politica [di ricollocazione] in Ruanda è, temo, un tentativo di minare tutti i nostri sforzi per trovare rotte legali e sicure per coloro che vengono nel Regno Unito, piuttosto che le rotte pericolose e illegali che utilizzare”, ha detto Johnson ai suoi ministri durante la riunione di gabinetto di martedì.

Sono incontri che hanno posto il ​​veto alle telecamere, ma il presidente del Consiglio ha iniziato a consentire l’accesso ai media nei primi minuti, per lanciare un messaggio rivolto più ai cittadini che ai membri del suo governo. E nelle ultime ore Johnson ha deciso di alzare i toni di fronte alle critiche, al punto da suggerire la possibilità che il suo governo ritiri il Regno Unito dalla Convenzione europea dei diritti umani.

L’ala dura del Partito conservatore, e molti giudici conservatori, hanno passato anni a criticare un corpus di leggi che condiziona la common law britannica, e porta a una revisione costituzionale di qualsiasi decisione, anche politica, da parte di un tribunale, la Corte Suprema, creato nell’era di Tony Blair e mi manca ancora il sistema giudiziario anglosassone.

“Ci sarà bisogno di cambiare alcune leggi per aiutarci [a evitare ogni ricorso in tribunale], mentre andiamo avanti? È molto probabile che lo sia”, ha detto Johnson. Altri commenti, come il suo rifiuto dell’intervento nel dibattito sull’immigrazione dell’erede al trono, Carlo d’Inghilterra, sono mantenuti privati.

Il quotidiano The Times ha rivelato la scorsa settimana che il figlio della regina aveva mostrato, in una conversazione privata, il suo rifiuto di una politica che ha definito “spaventosa”. Buckingham Palace non ha né confermato né smentito le informazioni.