Chef Rubio contro Salvini: 'Perchè il capretto musulmano no e l'agnello cristiano sì?'

Chef Rubio

Gabriele Rubini alias Chef Rubio ha twittato un messaggio al vetriolo al ministro dell’Interno Matteo Salvini che poco prima aveva pubblicato sui social un post polemico sulla festa islamica di Eid Al-Adha, dedicata al sacrificio di Abramo. Il leader leghista nonché vicepremier, aveva espresso indignazione verso l’usanza di sacrificare un animale in occasione del rito allegando a un messaggio social un video girato a Napoli di una capra legata e trasportata su un passeggino per essere sacrificata.

“In tutta Italia – aveva scritto Salvini in un tweet – i fedeli musulmani hanno celebrato la Festa del sacrificio che prevede il sacrificio di un animale, sgozzandolo. A Napoli questo capretto è stato salvato all’ultimo ma nel resto del Paese centinaia di migliaia di bestie sono state macellate senza pietà. E’ normale secondo voi far soffrire così gli animali? Per me no”.

Chef Rubio allora ha risposto: “Disonorevole Matteo Salvini mi spieghi perché il capretto “musulmano” no ma l’agnello “cristiano” si? Sta facendo dell’incoerenza il suo “life motive” (nel caso non capisse neanche “Er Bestia” significa motivo conduttore) e il suo esistere. Non finisce mai di stupirmi geniaccio”.

In un altro tweet Chef Rubio commenta: “Che poi ce ripenso come i cornuti (scusa non volevo giuro Matteo Salvini). Cioè me stai a dì che te stai a convertì al veganesimo? Beh in effetti i bottoni cominciano a saltà dalle camicie a forza de cene e bagordi. E che Pasqua con croci de tofu e braciole de seitan sia”.

E ancora, Rubio si rivolge a chi plaude al leader della Lega commentando: ”Il video mostra una capra trasportata su passeggino, @matteosalvinimi in perenne campagna elettorale ve se rigira come pedalini, e in un attimo vedete gli infedeli che vanno in giro sgozzando animali per le strade in condizioni igienico sanitarie non a norma. Belare ≠ Ragionare”.

E in quello che Chef Rubio definisce ”Ultimo tentativo e poi smetto”, scrive allegando una immagine: ”ho provato a fare una sintesi usando colori, lettere in stampatello e qualche disegnino sperando ci arriviate. Poi se manco così riuscite a capire allora niente, sono tutti tuoi @matteosalvinimi. Fanne buon uso #inshallah”

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere