Charlie Gard: Trump e l'ospedale Bambino Gesù di Roma pronti ad aiutarlo

charlie

Donald Trump è pronto ad aiutare Charlie Gard, il bimbo inglese di 10 mesi affetto da una malattia incurabile, al centro di un caso giudiziario e mediatico. Il presidente degli Stati Uniti ha espresso vicinanza e la volontà di dare un aiuto concreto attraverso un messaggio su Twitter.
«Se possiamo aiutare, saremo felici di farlo», le parole di Donald Trump sul piccolo Charlie Gard a cui sarà staccata la spina contro il volere dei genitori, che vorrebbero tentare l’ultima carta di una cura sperimentale.

Secondo i tribunali inglesi che hanno imposto di staccare la spina per evitare al piccolo altre sofferenze, si tratterebbe invece di un ulteriore e inutile accanimento terapeutico.

«Disponibili ad accoglierlo per il tempo che gli rimane da vivere»
Anche l’ospedale pediatrico di Roma Bambino Gesù, intanto, si è offerto di aiutare Charlie Gard. Come? Ospitandolo nella sua struttura, fino a quando potrà restare in vita. Queste le parole della presidente dell’ospedale Mariella Enoc: «Ho chiesto al direttore sanitario di verificare con il Great Ormond Street Hospital di Londra, dove è ricoverato il neonato, se vi siano le condizioni sanitarie per un eventuale trasferimento di Charlie presso il nostro ospedale. Sappiamo che il caso è disperato e che, a quanto risulta, non vi sono terapie efficaci. Siamo disponibili ad accogliere il loro bambino presso di noi, per il tempo che gli resterà da vivere».

Parole di Francesco Minardi

Da non perdere