California: dopo Hoover, Nixon e Reagan, a Newsom la Presidenza USA?

Il governatore della California Gavin Newsom guadagna importanza negli USA, a causa della caduta di popolarità di Biden.

Gavin Newsom
Gavin Newsom – NanoPress.it

Gavin Newsom è una delle promesse dei Democratici nel caso in cui l’attuale presidente non chieda la rielezione nel 2024. “Non è nemmeno sul mio radar. Ho interessi sotto zero”. Questa è la risposta che Gavin Newsom, governatore della California, ha dato a fine maggio alla redazione del quotidiano San Francisco Chronicle, quando gli è stato chiesto se fosse interessato alla corsa alla presidenza del 2024.

Gavin Newsom è una delle promesse dei Democratici per il 2024

Da allora sono trascorse diverse settimane e il presidente di 54 anni, nonostante lo smentisca, sembra saggiare le acque della successione. A capo dello Stato più popoloso del Paese, con 40 milioni di persone, il politico democratico ha voluto contrastare la narrativa del partito repubblicano e alzare la voce con durezza su temi come la regolamentazione delle armi e l’aborto. Nel frattempo, il presidente Joe Biden, che compirà 80 anni a novembre, vede il suo indice di popolarità scendere e sorgono dubbi sulla sua possibile candidatura per la rielezione.

Sembra che Newsom (San Francisco, 1957) sia stato morso dal virus del Potomac, come chiamano a Washington, per metà scherzosamente, le grandi aspirazioni dei politici. Il governatore ha presentato alcuni di questi sintomi. La scorsa settimana era nella capitale mentre Biden era in tournée in Arabia Saudita, alimentando le voci sulle sue ambizioni. Lì ha incontrato i politici californiani veterani Nancy Pelosi e Diane Feinstein.

E anche con il vicepresidente Kamala Harris, una vecchia conoscenza di Newsom. Entrambi avevano lo stesso mentore, il sindaco di San Francisco Willie Brown. A metà giugno, Newsom si è unito a Truth Social, il social network di Donald Trump. È stato uno dei primi democratici a sfondare la palude del trumpismo. Lo ha fatto per “denunciare le bugie dei repubblicani”. Nel suo primo post, ha discusso degli alti tassi di omicidi negli stati controllati dal GOP.

Era un modo per annullare uno degli attacchi preferiti dall’opposizione: che le grandi città americane (per lo più controllate dai democratici) hanno alti tassi di criminalità. “Otto dei dieci stati con il maggior numero di omicidi sono rossi. Quali politiche locali hanno consentito una tale carneficina?”, ha chiesto retoricamente il governatore, che ha intrapreso una crociata a favore di una rigida regolamentazione delle armi.

Prima che la Corte Suprema annullasse il diritto all’aborto negli Stati Uniti, Newsom ha coniato una delle frasi che hanno risuonato più recentemente per i Democratici. “Dove diavolo è la mia festa? Dov’è il contrattacco? E sì, [i repubblicani] stanno vincendo. Pensi davvero che i matrimoni gay siano sicuri in America? Certo che no”, ha detto a maggio, dopo che il voto del giudice conservatore Samuel Alito è trapelato.

Secondo i calcoli di Newsom, le elezioni di metà mandato di novembre saranno definite da questioni sociali come il diritto all’aborto e non dall’economia. I sondaggi sembrano mettere in discussione il suo naso. Con la sua frase il governatore ha chiesto di passare all’offensiva in mezzo a un partito criticato per essere tiepido dai suoi settori più di sinistra. Newsom, figlio di un giudice locale, rappresenta il modo di fare politica a San Francisco, la città dove ha iniziato la sua carriera e uno dei bastioni della politica progressista negli Stati Uniti.

Le elezioni di mid term negli USA faranno capire se Biden è ancora sulla cresta dell’onda

Titolare dal 1992 di Plump Jack Wines, catena di enoteche e ristoranti, è entrato in politica negli anni 2000. È diventato sindaco della città nel 2003, all’età di 36 anni. È stato poi sposato con Kimberley Guilfoyle, da cui ha divorziato poco dopo essere entrato in carica. Guilfoyle, conduttore della rete Fox News, è partner di Donald Trump Jr., figlio dell’ex presidente repubblicano, dal 2018.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

Dal 2008, Newsom è sposata con Jennifer Siebel, una regista e attrice di documentari formatasi a Stanford. Entrambi hanno quattro figli. Nel febbraio 2004, Newsom ha fatto notizia a livello nazionale per il suo esplicito sostegno al matrimonio gay. Ha concesso centinaia di permessi nonostante alcune figure del suo partito, come i senatori John Kerry e John Edwards, che si battevano per la nomina democratica alla presidenza, rifiutassero i matrimoni e preferissero le unioni civili.

“In molti modi rappresentiamo il futuro di questo paese“, ha detto Newsom a questo giornale quell’anno. La California ha subito un’ondata conservatrice nel 2008 che ha vietato questo tipo di matrimonio dopo un referendum. La Corte Suprema li ha legalizzati in tutto il Paese nel 2015. E oggi sembrano essere di nuovo in pericolo grazie alla maggioranza conservatrice che occupa la corte costituzionale di Washington.

La California ha dato tre presidenti agli Stati Uniti. L’ultimo era Ronald Reagan. Prima di Richard Nixon e Herbert Hoover. Erano tutti repubblicani. Anche Arnold Schwarzenegger ha messo alla prova le acque, ma la Costituzione gli ha impedito di candidarsi alla presidenza. Nessun democratico è mai riuscito a uscire dalla California e alla Casa Bianca, anche se molti ci hanno provato.

Principalmente Jerry Brown, che ha tentato la fortuna tre volte alle primarie. Ha finito per concludere che il governatore della California era una posizione di “finitura di carriera”.