Bruxelles risponderà al sabotaggio dei gasdotti russi Nord Stream 1 e 2

A Bruxelles gli esperti affermano che il danno causato è “senza precedenti”, mentre Ucraina e Polonia indicano un attacco della Russia.

Nord Stream 1
Il gasdotto di Gazprom verso la Germania – Nanopress.it

A Bruxelles la Von der Leyen chiede un’indagine sugli incidenti. Tre perdite quasi simultanee in due gasdotti russi – il Nord Stream 1 e 2, che corrono paralleli al letto del Mar Baltico dalla costa russa a quella tedesca – tengono in allerta le autorità, che sospettano si tratti di sabotaggio. Al momento, la causa delle perdite è sconosciuta, ma sia la Danimarca che la Svezia e la Germania indicano un attacco deliberato alle infrastrutture energetiche europee.

Bruxelles è convinta che le perdite sono state chiaramente causate da “azioni deliberate” da parte russa

Il primo ministro danese Mette Frederiksen ha affermato martedì che le perdite sono state chiaramente causate da “azioni deliberate” e non sono il prodotto di un incidente. La sua controparte svedese, Magdalena Andersson, ha convenuto che, secondo le indagini preliminari, è “molto probabile” che si tratti di “sabotaggio”.

Il governo norvegese ha indicato nella stessa direzione. Dopo aver parlato con Frederiksen, anche la presidente della Commissione europea a Bruxelles, Ursula von der Leyen, ha definito sabotaggio quello che è successo. “Ora è fondamentale indagare sugli incidenti, per avere piena chiarezza sui fatti e sul perché”, ha scritto Von der Leyen sul social network Twitter, avvertendo: “Qualsiasi interruzione deliberata delle infrastrutture energetiche attive in Europa è inaccettabile e porterà al più forte risposta possibile.

I sismografi nell’area hanno rilevato due esplosioni avvenute lunedì. Il gestore dei gasdotti, Nord Stream AG, con sede in Svizzera, assicura che i danni ai gasdotti, che attraversano le acque territoriali di Danimarca e Svezia, “sono senza precedenti”. La Marina danese, che ha diffuso le immagini aeree delle perdite, ha istituito una zona di sicurezza intorno all’area colpita come misura precauzionale.

La navigazione è limitata. Le foto scattate da un aereo militare F-16 mostrano le perturbazioni sulla superficie del mare come ampi cerchi, in un caso di quasi un chilometro di diametro. Sebbene entrambi i tubi rimangano chiusi e non funzionanti, sono pieni di gas, che deve essere mantenuto a pressione costante.

Lunedì pomeriggio è stata rilevata una strana caduta di pressione nel Nord Stream 2, il nuovo gasdotto con una capacità superiore al suo predecessore, il Nord Stream 1. Da una pressione abituale di 105 bar, è scesa improvvisamente a sette. Ore dopo è stato confermato che c’era una perdita, situata a sud-est dell’isola danese di Bornholm.Nella notte di martedì, le autorità hanno rilevato altre due perdite, ma questa volta nel Nord Stream 1 e poco più a nord.

Questo gasdotto, in funzione dal 2011, ha interrotto il trasporto di gas all’inizio di settembre

Questo gasdotto, in funzione dal 2011, ha interrotto il trasporto di gas all’inizio di settembre per rappresaglia del governo di Vladimir Putin per le sanzioni europee. “Non è una fessura, è un buco davvero grande”, ha detto al quotidiano Berlingske il direttore dell’Agenzia danese per l’energia. «Potrebbe essere un atto deliberato. Ma può anche essere qualcos’altro.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

È estremamente raro che succeda qualcosa del genere. E quando succede tre volte in pochissimo tempo, allora c’è motivo di preoccuparsi”, ha aggiunto. Le perdite si sono verificate nelle acque territoriali di Svezia e Danimarca. Il governo russo ha assicurato questo martedì di non escludere il sabotaggio come causa dei danni ai gasdotti del Mar Baltico.

“In questo momento nessuna opzione può essere esclusa”, ha detto il portavoce di Putin Dmitri Peskov in una teleconferenza con i giornalisti, riferisce Reuters. Ha anche affermato che il Cremlino è molto preoccupato per la situazione, che richiede un’indagine tempestiva, poiché è un problema per la sicurezza energetica “dell’intero continente”.Negli ambienti del governo tedesco si sta valutando anche l’ipotesi del sabotaggio.

“Tutto sembra indicare che non è un caso” che si verificano tre guasti contemporaneamente nelle due infrastrutture, cita una fonte governativa il Tagesspiegel. Le autorità temono che possa trattarsi di un attacco premeditato contro l’infrastruttura europea del gas. Gli Stati Uniti hanno avvertito il governo di Olaf Scholz settimane fa di possibili attacchi ai gasdotti nel Mar Baltico, rivela Der Spiegel.