Bruxelles: ‘Piano Marshall’ per l’Ucraina, ma adottiamo delle vere riforme

Bruxelles: il presidente della Commissione europea, Von der Leyen, ritiene che questa condizione “aiuterà l’Ucraina nel suo cammino europeo”.

Urusla Von der Leyen
Urusla Von der Leyen – NanoPress.it

Bruxelles vuole aiutare l’Ucraina, ma a certe condizioni

L’Unione Europea sta lavorando attivamente per portare avanti la ricostruzione dell’Ucraina, nonostante il paese sia ancora immerso in una guerra a causa dell‘invasione russa. È, inoltre, ciò che ha chiesto questa settimana il presidente dell’Ucraina, Volodímir Zelenski prima del World Economic Forum (WEF), che ha incoraggiato anche le aziende a partecipare alla conferenza dei donatori che Bruxelles ha organizzato il mese prossimo a Lugano (Svizzera).

L’obiettivo è raccogliere fondi e stabilire una piattaforma congiunta tra la Commissione Europea e il governo di kyiv per la ricostruzione del Paese. Ma l’UE vuole andare oltre. Lo ha sottolineato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, durante il suo intervento al Forum di Davos lo scorso martedì.

“Non si tratta solo di riparare il danno della furia distruttiva di [Vladimir] Putin. Si tratta anche di costruire il futuro che gli ucraini hanno scelto per se stessi”, ha sottolineato. Ciò si traduce, come ha spiegato il presidente, nell’accompagnare il finanziamento con “riforme ambiziose, come l’ammodernamento dell’amministrazione, la ferma affermazione dello Stato di diritto e l’indipendenza della sua magistratura; la lotta alla corruzione e agli oligarchi e la costruzione di un’economia equa, sostenibile e competitiva”.

Il presidente dell’Esecutivo europeo ritiene che questo “aiuterà fortemente l’Ucraina nel suo percorso europeo”, che è il luogo in cui il Paese appartiene, ha affermato.Attraverso questa piattaforma congiunta, che è già stata soprannominata informalmente il Piano Marshall per l’Ucraina, l’UE vuole invitare i paesi, le istituzioni finanziarie internazionali e il settore privato a fornire finanziamenti.

Favorevoli e contrari all’entrata nella Ue dell’Ucraina

“Abbiamo bisogno di tutti a bordo. (…) E non dobbiamo lasciare nulla di intentato, incluso, se possibile, l’uso di risorse russe”, ha affermato Von der Leyen. La verità è che l’esperienza dell’UE con le problematiche di paesi come Polonia e Ungheria, può ampiamente spiegare l’insistenza della Commissione sulle sue affermazioni. “Riforme e investimenti devono andare di pari passo nel caso dell’Ucraina.

Roberta Metsola
Roberta Metsola – NanoPress.it

Non c’è dubbio che il paese sia in una buona posizione per qualificarsi per lo status di candidato, ma non dobbiamo abbassare gli standard che abbiamo raggiunto nell’UE. Siamo l’esempio che è possibile soddisfare standard elevati e che funziona”, ha dichiarato il primo ministro slovacco, Eduard Heger, in una tavola rotonda, sostenendo chiaramente le posizioni di Von der Leyen.

Ma non tutti sono d’accordo con quel percorso, che potrebbe eventualmente ostacolare i progressi dell’adesione dell’Ucraina se non adottasse le riforme. “Sono assolutamente convinta che l’Ucraina possa essere un Paese candidato all’adesione all’Ue”, ha detto la presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola.

“Al Parlamento europeo crediamo che se un Paese condivide i valori e i principi fondamentali su cui si basa l’Europa e si batte per essi, perché l’Europa non dovrebbe spalancare le porte a quel Paese? Perché dobbiamo nasconderci di nuovo dietro leggi diverse per decenni? È solo una questione di volontà politica“, ha detto Metsola.

A suo avviso, è possibile discutere i passi di diversi paesi sulla strada verso l’UE, ma la porta deve essere aperta all’Ucraina. Ci sono anche, ovviamente, quelli che escludono di usare la corsia preferenziale per l’Ucraina, guerra o non guerra. Come il primo ministro dei Paesi Bassi, Mark Rutte, che poco prima ha dichiarato che le possibilità dell’Ucraina di diventare un paese candidato all’UE “non sono molto grandi”. Una condizione che kyiv aspira ad acquisire in questo stesso mese di giugno.