Brasile: né donne né neri tra i favoriti per governare il Paese

Brasile: Bolsonaro e Lula da Silva scelgono uomini bianchi con i capelli grigi come candidati alla vicepresidenza.

Bolsonaro - Lula
Jair Bolsonaro e Luiz Inacio Lula – Nanopress.it

I candidati alle prossime elezioni in Brasile voltano le spalle alla diversità di genere, colore, età e origine che si fa strada nel resto del continenteL’ex presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva ha 76 anni. Il suo numero due della lista per le elezioni presidenziali, Geraldo Alckmin, 70 anni. Il presidente Jair Bolsonaro, 67 anni, ha scelto il suo ex ministro della Difesa Walter Braga Netto, 65 anni, come suo candidato alla vicepresidenza del Planalto, a Brasilia, dopo l’ottobre le elezioni sono uomini, bianchi, eterosessuali e hanno i capelli grigi.

Il Brasile è a maggioranza femminile, dove metà della popolazione ha meno di 30 anni e dove il 56% si definisce nera o meticcia

Si trovano in un paese a maggioranza femminile, dove metà della popolazione ha meno di 30 anni e dove il 56% si definisce nera o meticcia. Le donne non sono in cima alle liste, in contrasto con una tendenza crescente nel resto della regione per i candidati a riflettere la diversità sociale, sia essa di genere, colore o origine. E rappresenta una battuta d’arresto rispetto alle elezioni di quattro anni fa, quando tutti i maggiori partiti mettevano una donna al numero due, ad eccezione di Bolsonaro.

Quest’anno il presidente brasiliano ha ricevuto molte pressioni per nominare l’ex ministro dell’Agricoltura Tereza Cristina Dias come suo candidato alla vicepresidenza, ma alla fine ha optato per un generale in pensione, come ha fatto nel 2018. Alla cerimonia in cui ha presentato a Rio de Janeiro la sua candidatura per la rielezione, il leader di estrema destra l’ha ricoperta di lodi: “Lei è un gigante nel ministero, una piccola grande donna che fa la differenza”.

Ma l’unica donna che ha parlato a quella manifestazione è stata una che non ha contestato nessuna posizione: Michelle Bolsonaro, la first lady. La sua esposizione pubblica è considerata la chiave per attirare il voto femminile, che respinge il presidente del 60%. Il paradosso è che proprio nelle elezioni dove sarà decisivo il voto delle donne i partiti hanno scommesso tutto sugli uomini, e non solo nella corsa al governo federale.

Nei 27 stati che compongono il Brasile, ci saranno solo due candidati alla carica di governatore. Ad aprile, quando il Partito dei Lavoratori (PT) di Lula da Silva ha ufficializzato l’insolita alleanza con Alckmin, l’ex rivale di destra, una foto si è diffusa a macchia d’olio sui social network. Tra i 15 partecipanti all’incontro, tutti bianchi, c’erano solo due donne: la moglie di Lula, Janja, e il presidente del PT, Gleisi Hoffmann.

Su Twitter, gli stessi militanti di sinistra hanno gridato al cielo. “Zero neri, zero trans e così via

Su Twitter, gli stessi militanti di sinistra hanno gridato al cielo. “Zero neri, zero trans e così via. Da quello che sembra, sarà il volto del governo se vince ”, ha scritto un utente di Internet. Lo stesso ex presidente Lula, sapendo che la foto avrebbe portato coda, ha voluto anticipare le critiche dicendo di volere più rappresentanza femminile al prossimo incontro e spiegando, con sorpresa, che in Messico la Camera dei Deputati ha il 52% di donne, il Senato 46% e ci sono sindaci donne per il 35%.

Bolsonaro
Bolsonaro – NanoPress.it

In Brasile, queste percentuali si aggirano intorno al 15%. “Non voglio arrivare così tanto in fretta, ma almeno distribuire un po’ di più le sedie e posizionare più donne”, ha detto. Ma le buone intenzioni, a maggior ragione con quella patina condiscendente e senza senso di urgenza, non bastano. In Brasile la “rappresentanza” è sulla bocca di tutti, ma non raggiunge i vertici del potere.

Cosa sta succedendo? Per il condirettore dell’Istituto Alziras, Michelle Ferreti, i partiti fungono da tappo e non incanalano le richieste che esistono per strada. «Viviamo la resistenza dei dirigenti dei partiti tradizionali, perché alla fine questo è un gioco a somma zero. Perché qualcuno si sieda sulla sedia, qualcuno deve alzarsi.

E nessuno vuole rinunciare ai propri privilegi”, critica. L’organizzazione di Ferreti, che lavora per l’inclusione di più donne nella politica brasiliana, prende il nome da Luiza Alzira Teixeira Soriano, la prima donna a vincere le elezioni in Brasile e la prima donna sindaco in America Latina. Ha preso il potere dalla piccola città di Lajes, nello Stato del Rio Grande do Norte, nel 1929.

Da allora le cose sono molto cambiate, ma pietre miliari come l’arrivo di Dilma Rousseff alla presidenza (2011-2016) con i Lavoratori ‘ Partito rimangono eccezioni alla regola. Poche settimane fa, la sinistra brasiliana ha festeggiato che una donna, afro-discendente e ambientalista, Francia Márquez, ha vinto la vicepresidenza della Colombia. Celebrati anche i giovani del nuovo leader del Cile, Gabriel Boric (ha 36 anni), e del suo governo, dove i ministri sono la maggioranza.

In Brasile la pre-campagna fa presagire un futuro ben diverso: tra i candidati alla presidenza, la senatrice Simone Tebet è l’unica donna a comparire nei sondaggi, che le danno un’intenzione di voto del 2%. Una parte del suo partito, l’MDB, sta già facendo pressioni affinché lui getti la spugna e possa così abbracciare la candidatura di Lula, nettamente favorito rispetto agli altri.

La battaglia del potere legislativo

Con la battaglia per le liste per l’esecutivo apparentemente persa, restano quelle per il legislativo. A metà agosto scade il termine per presentare le candidature alla Camera dei Deputati, al Senato e alle assemblee legislative degli Stati. Poi si vedrà se la crescente pressione del movimento nero, indigeno e femminista si traduce in una maggiore diversità, anche se una cosa sono le candidature e un’altra le possibilità di successo.

Lula Da Silva
Lula Da Silva – NanoPress.it

Nel 2018, metà dei candidati proveniva da neri e solo il 4% era eletto. Le donne nere, infatti, sono le più sottorappresentate: costituiscono il 28% della popolazione, ma occupano solo il 2% dei seggi al Congresso Nazionale. Le quote legali per favorire l’ingresso delle donne in politica esistono in Brasile da 25 anni, ma i partiti le hanno aggirate in modi diversi fino al 2018, quando una riforma ha costretto non solo a riservare il 30% delle liste alle donne, ma a finanziare proporzionalmente la sua campagna.

Più recentemente, la deputata Benedita da Silva, che all’epoca era la prima senatrice nera del paese, è riuscita a far ripartire equamente le risorse elettorali tra bianchi e neri. Ferreti ritiene che gli strumenti creati in questi anni siano “fondamentali” e che vadano valorizzati, perché ora i soldi sono meglio distribuiti, ma ritiene che per cambiare davvero la foto occorrano misure più audaci.

“Non è che il Brasile sia rimasto indietro. È già tornato molto tempo fa. Il Brasile ha avuto il primo sindaco donna latinoamericano, ma dopo 100 anni abbiamo fatto pochissimi progressi. I nostri vicini sono avanzati molto di più, perché hanno avuto il coraggio di riservare posti alle donne nel potere legislativo”, sottolinea, citando i casi del Messico, del Cile o della Bolivia. Stabilire le quote per i seggi, e non le liste, sarebbe il modo per garantire che ci siano donne sì o sì.