Boris Johnson impegna altri miliardi nella ‘difesa’

Boris Johnson è pronto a dare il via libera a più soldi per la difesa dopo aver subito pressioni dai ministri per aumentare il budget per far fronte alla minaccia della Russia.

Boris Johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

Il primo ministro dovrebbe annunciare miliardi extra per più attrezzature mentre vola al vertice della Nato a Madrid. Johnson ha preparato il terreno per un aumento della spesa per la difesa, dicendo ieri alla Gran Bretagna che “vale la pena pagare il prezzo della libertà” e sostenendo che la prosperità a lungo termine è intimamente legata alla resistenza all’aggressione russa.

Johnson discute della minaccia russa al vertice di Madrid

È arrivato quando il nuovo capo dell’esercito ha avvertito che la Russia molto probabilmente sarebbe uscita dalla guerra in Ucraina come una “minaccia ancora maggiore alla sicurezza europea di prima”. Il generale Sir Patrick Sanders, che è in carica da meno di due settimane, ha affermato che la Russia “può subire un numero qualsiasi di campagne, battaglie e scontri e alla fine prevalere”.

Ha avvertito che qualsiasi tregua dalla Russia sarebbe “temporanea e la minaccia diventerà ancora più acuta” dopo che avrà rigenerato le sue forze. “La storia ci ha anche mostrato che gli eserciti che hanno assaporato la sconfitta imparano più rapidamente”, ha aggiunto. I suoi commenti sono in netto contrasto con quelli espressi da ministri e funzionari, che hanno minimizzato le capacità militari della Russia, a causa della manodopera e delle attrezzature perse dall’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio.

Johnson è d’accordo sulla necessità di aumentare la spesa per la difesa.Resta inteso che la cifra sarà inferiore al 2,5 per cento del prodotto interno lordo, tuttavia. La Gran Bretagna è uno dei nove paesi dell’alleanza a raggiungere l’obiettivo della Nato di spendere il 2% del suo PIL per la difesa. Un totale di 19 alleati hanno pianificato chiaramente di raggiungerlo entro il 2024, secondo Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato.

Putin pagherà per la sua barbarie, dice Boris Johnson. Liz Truss, il ministro degli Esteri, ha rinnovato la richiesta agli alleati della Nato di spendere di più per la difesa. Wallace terrà un discorso questo pomeriggio in cui chiederà un aumento del budget per la difesa della Gran Bretagna. Una fonte della difesa ha detto che voleva l’aumento entro la metà del decennio, anche se ha rifiutato di dire cosa voleva che fosse.

La Nato dovrebbe concentrarsi sulla guerra ‘ibrida’

“Il due per cento deve essere un limite, non un tetto per le spese per la difesa”, ha detto Truss in un’intervista a Die Welt, facendo eco alle precedenti osservazioni di Stoltenberg. Ha affermato che la Nato dovrebbe concentrarsi sull’aumento della flessibilità nella distribuzione delle risorse, e sull’uso di tecniche moderne come la guerra ibrida, l’armamento della migrazione e l’uso di attacchi informatici.

Jens Stoltenberg
Jens Stoltenberg – NanoPress.it

Una seconda fonte vicina a Wallace ha smentito le notizie secondo cui aveva chiesto che il budget della difesa aumentasse al 2,5% del PIL, un 20% in più o 10 miliardi di sterline all’anno entro il 2028. Una fonte ha affermato di aver scritto a Rishi Sunak, il cancelliere, prima della dichiarazione di primavera di marzo chiedendo un aumento del budget in linea con l’inflazione.

Wallace ha annunciato l’anno scorso che avrebbe ridotto le dimensioni dell’esercito di 9.500 e dozzine di carri armati per spendere di più per il nuovo kit. La mossa è arrivata dopo che il Ministero della Difesa ha ricevuto un aumento di 16,5 miliardi di sterline in spese per la difesa nel novembre 2020. Non è chiaro se eventuali nuovi soldi includerebbero un rovescio dei piani per tagliare l’esercito.

Tobias Ellwood, presidente Tory del comitato ristretto della difesa, ha suggerito che qualsiasi aumento inferiore al 3% del PIL non sarebbe stato sufficiente. Ha detto: “Dobbiamo passare progressivamente al 3 per cento nei prossimi tre anni. Dovremmo immediatamente invertire i recenti tagli alle nostre capacità convenzionali”. Stoltenberg ha dichiarato lunedì in una conferenza stampa che gli alleati sarebbero d’accordo al vertice di “investire di più insieme nella Nato a beneficio della nostra sicurezza”.