Boris Johnson e le difficoltà di sostituirlo al vertice dei Tories

I due conservatori che aspirano a guidare il governo e sostituire Boris Johnson si sottoporranno solo al voto dei militanti, non di tutti i britannici, nonostante le loro proposte alterino profondamente il programma che ha dato la vittoria ai ‘Tories’ nel 2019.

Boris Johnson
Boris Johnson – Nanopress.it

Come è noto, il Regno Unito è una democrazia parlamentare. Gli inglesi votano alle elezioni legislative per formare un parlamento ed è la maggioranza di quel parlamento che decide chi forma il governo e chi è il primo ministro che lo dirige.

I conservatori, guidati da Boris Johnson, hanno ottenuto una larghissima maggioranza assoluta alle elezioni del 2019

I conservatori, guidati da Boris Johnson, hanno ottenuto una larghissima maggioranza assoluta alle elezioni del 2019 e, quindi, non solo è perfettamente legale ma politicamente legittimo che, dopo l’annuncio delle dimissioni di Johnson il 7 luglio, sia un altro conservatore incaricato di succede a lui a Downing Street.

Tuttavia, è altamente dubbio che il successore di Boris – o più probabilmente il successore, perché la candidata Liz Truss è chiaramente la favorita rispetto al suo rivale, Rishi Sunak – avrà tale legittimità.

Come mai? Fondamentalmente, perché quella che sta accadendo non è solo l’elezione del prossimo leader del Partito conservatore e, di conseguenza, del prossimo presidente del Consiglio, ma una feroce competizione tra i due candidati che li ha trascinati a proporre una lunga e avvincente lista elettorale promesse su questioni rilevanti come tassazione, tagli alla spesa pubblica, Brexit/Unione Europea, asilo e immigrazione, uguaglianza di genere, difesa, istruzione, salute, cambiamento climatico, ecc.

In altre parole, i conservatori stanno modificando profondamente il programma elettorale che ha dato loro la vittoria nel 2019, ma non è giustificato da crisi come il covid né, punto cruciale, lo stanno sottoponendo al verdetto di tutti i britannici, ma solo di una minoranza .di meno di 200.000 elettori: i militanti del Partito conservatore.

Questo problema di legittimità è raddoppiato dal fatto che ciò che cercano queste promesse elettorali è di convincere un elettorato che non è solo piccolo, ma ha anche un profilo molto particolare: anziano; ovviamente conservativo con la c maiuscola, ma anche con la c minuscola; favorevole all’hard Brexit; e più contrario all’immigrazione o al multiculturalismo rispetto al paese nel suo insieme; più favorevoli al taglio delle tasse che all’aumento della spesa pubblica.

L’elezione del leader da parte della militanza pone problemi quando si tratta di succedere ad un primo ministro nel bel mezzo della legislatura

Ciò rende più facile che le promesse elettorali di quelle che in realtà non sono elezioni siano ancora più estreme — e in questo caso molto inclinate a destra — di quelle che sarebbero se i candidati dovessero lottare per il voto in tutto il paese. Essere una democrazia parlamentare significa che i cittadini deleghino il loro potere al Parlamento, sapendo che ogni quattro o cinque anni possono modificare quella decisione ed elevare l’opposizione.

Liz Truss
Liz Truss – Nanopress.it

Pertanto, se il presidente del Consiglio si dimette nel mezzo della legislatura, il successore dovrebbe essere scelto o da tutti gli elettori, o dallo stesso Parlamento. In quest’ultimo caso, se c’è un partito con una netta maggioranza, ha senso che siano i deputati di quel partito a decidere chi sarà il nuovo presidente del Consiglio. Ciò è stato fatto fino a quando molti partiti politici, non solo nel Regno Unito, hanno deciso che era la militanza ad avere, in un modo o nell’altro, l’ultima parola nell’elezione del leader.

Ciò, che può avere ottime intenzioni e sembrare molto democratico, invita a un radicalismo ideologico che sa sempre più di populismo. La competizione che esiste oggi tra Truss e Sunak non si è verificata quando Gordon Brown è succeduto a Tony Blair nel 2007, né quando Theresa May ha fatto lo stesso con David Cameron nel 2016 dopo aver perso il referendum sulla Brexit. Sia i rivali di Brown che quelli di May se ne andarono prima del voto di militanza e furono “incoronati”, come si dice nel gergo politico britannico.

L’elezione del leader da parte della militanza pone problemi importanti quando si tratta di succedere a un leader e primo ministro nel bel mezzo della legislatura. Non sempre ha senso indire elezioni generali e non c’è sempre un consenso per incoronare un solo candidato.

Ma peggio di tutto questo è che il partito al potere altera il mandato delle urne, ignorando l’elettorato nel suo insieme, non perché lo ritenga necessario per il Paese, ma per accontentare esclusivamente i suoi militanti più estremisti, perché quello è il modo in cui un certo politico deve raggiungere il potere. Non mi sembra un modo molto legittimo per arrivare a Downing Street.