Bolsonaro mette in discussione il sistema di voto del Brasile

Lunedì il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha ricevuto circa 40 ambasciatori accreditati a Brasilia nella sua residenza, ai quali ha esposto di persona la sua tesi, secondo cui il sistema di voto non è sicuro, e ha criticato le autorità elettorali.

Bolsonaro parla davanti al corpo diplomatico accreditato in Brasile
Bolsonaro parla davanti al corpo diplomatico accreditato in Brasile – NanoPress.it

Mancano meno di tre mesi alle elezioni particolarmente tese, in cui l’estrema destra affronterà il suo predecessore Luiz Inácio Lula da Silva. La sinistra rimane la netta favorita nei sondaggi. Il presidente Bolsonaro ha ribadito – senza prove, ancora una volta – i suoi attacchi al sistema di voto con cui è stato eletto presidente nel 2018 e, prima ancora, deputato in diverse legislature.

“Il sistema elettorale è totalmente vulnerabile”, ha detto Bolsonaro ai diplomatici

Non appena l’incontro si è concluso, la Corte Elettorale Superiore ha inviato ai diplomatici una risposta punto per punto alle accuse di Bolsonaro. “Il sistema è totalmente vulnerabile”, ha detto Bolsonaro ai diplomatici, ai rappresentanti degli Stati Uniti, di diversi paesi europei e del resto del mondo, che hanno partecipato a una sessione senza precedenti.

L’opposizione e i suoi critici sospettano che il presidente sia deciso a seminare dubbi nello stile di Donald Trump per mettere in discussione il risultato se perderà contro Lula alle elezioni di ottobre. Ancora più inquietante, Bolsonaro vuole coinvolgere le Forze Armate nel conteggio elettorale. Le accuse infondate di Bolsonaro contro il sistema di voto elettronico brasiliano sono vecchie, ma nell’ultimo anno ne ha fatto uno degli assi della sua campagna elettorale.

Ciò che colpisce, e che ha creato una grande polemica in Brasile, è che ha convocato gli ambasciatori per condividere con loro la sua critica a un sistema di voto che non è stato colpito da irregolarità per più di due decenni. Ad oggi non è stato confermato alcun caso rilevante di frode.”So che vuoi stabilità e questo sarà raggiunto solo con trasparenza”, ha detto agli ambasciatori.

Il rappresentante di uno dei paesi nordici ha poi dichiarato al quotidiano Estadão: la presentazione “non ha cambiato il nostro modo di vedere le cose”. Il diplomatico ha ricordato che “il sistema ha funzionato bene negli ultimi 25 anni” e ha aggiunto di considerare l’atto parte della campagna elettorale.

Lula ha accusato il Presidente di “creare confusione in stile Trump negli Stati Uniti”

Il briefing organizzato dal presidente si basava principalmente su una vecchia e nota indagine di polizia su un attacco di hacking del 2018 al sistema della Corte elettorale superiore, ma, secondo gli inquirenti, non ha cambiato i risultati. Il suo intervento, supportato da un power point bilingue con un errore di ortografia in inglese che ha deliziato gli utenti di Internet, è stato trasmesso in diretta sui social network.

Lula Da Silva
Lula Da Silva – NanoPress.it

Questo martedì pomeriggio più di 400.000 utenti Internet l’hanno visto e i commenti sono stati circa 52.000. Martedì, in un tweet su Twitter, Lula ha accusato Bolsonaro di voler “creare confusione in stile Trump negli Stati Uniti“. Il leader del Partito dei Lavoratori (PT), che da mesi guida le urne con un comodo margine, sostiene che il presidente di estrema destra “sta cercando di ingannare il popolo per giustificare qualsiasi sciocchezza”.

In termini più severi, si è pronunciato il quotidiano Folha de S. Paulo, uno dei principali giornali del Brasile. In un editoriale intitolato Presidente del Colpo di Stato accusa Bolsonaro di “negoziare con il Congresso la libertà per attaccare la democrazia”, ​​critica la complicità di Camera e Senato, e invita la classe politica: “La reazione contro l’escalation sovversiva del Presidente della Repubblica deve partire dalla comunità politica. Tutti i leader di partito devono esprimere urgentemente il loro apprezzamento per le regole di base della democrazia”.