Bob Dylan, 10 anni dopo torna "Theme Time Radio Hour"

L'artista svelerà la personale etichetta di whisky, ribattezzata “Heaven’s Door”, in onore di una delle sue canzoni più celebri

Bob Dylan

Foto Getty Images | Dave J Hogan

Bob Dylan torna a fare il dj in radio dopo 10 anni. Il cantautore e vincitore del premio Nobel per la letteratura ripartirà con la sua serie “Theme Time Radio Hour” (in onda dal 2006 al 2009) con un nuovissimo episodio lungo ben due ore.

Nella prima puntata parlerà di whisky e andrà in onda sull’emittente satellitare Sirius XM (disponibile in streaming sul sito web dell’artista). In aggiunta, Bob Dylan svelerà la personale etichetta del distillato ribattezzata “Heaven’s Door”, in onore di una delle sue canzoni più celebri.

I successi e le grandi sorprese

A 79 Bob Dylan è ancora uno dei cantanti più attivi nel panorama della musica mondiale e ha trovato il modo di far risuonare le proprie note anche in piena pandemia da coronavirus.

Infatti, durante il lockdown, l’artista ha pubblicato addirittura il 39° album in studio intitolato “Rough and Rowdy Ways. All’interno del disco vi è anche “Murder Most Foul”, nonché la traccia in assoluto più lunga di Bob Dylan, che si basa sull’assassinio di John Fitzgerald Kennedy.

“Theme Time Radio Hour” di Bob Dylan si è sempre occupata di temi diversi (il baseball, le auto, il tempo e i Presidenti degli Stati Uniti) e spesso ha accolto numerosi ospiti dal calibro di Elvis Costello, Tom Waits, Merle Haggard, Jack White e John Cusack.

Una puntata sul whisky

“Non voglio prendervi in giro, non funzionerebbe. Dovete assaggiarlo: parla da solo. Ma abbiamo tutti pensato che sarebbe stata una buona idea fare un episodio su questo intossicante ambrato. Ci sono un sacco di canzoni con questo tema ed è stato divertente rimettere insieme la squadra”, ha raccontato Bob Dylan ai suoi fan.

Parlando della puntata, l’artista ha regalato un grande indizio ai suoi ammiratori e ha svelato i brani a tema superalcolico. Vi saranno canzoni di Van Morrison, George Jones, Thin Lizzy, Tom Waits, degli Stanley Brothers e Julie London. Inoltre, saranno presenti anche le intramontabili tracce del genere blues di Byllye Williams e Wynonie Harris e naturalmente Frank Sinatra a cui Bob Dylan ha dedicato un album di cover, “Shadows in the Night”, nel 2015.

“Heaven’s door” di Bob Dylan

Per stessa ammissione di Bob Dylan, i liquori sono sempre stati una sua grande passione. Il suo debutto nel mondo dei distillati risale nella primavera del 2018, con la collaborazione con Marc Bushala (un noto imprenditore di superalcolici del Midwest).

La “Heaven’s Door” produce attualmente numerose tipologie di whisky (rye, bourbon e double barrel) e al momento sono disponibili solo online o in negozi specializzati in alcuni stati americani.

Bob Dylan aveva spiegato al New York Times che con Bushala l’obiettivo principale era quello di “produrre una serie di whisky americani che, a modo loro, raccontassero una storia; ho viaggiato per decenni e ho potuto assaggiare alcuni dei migliori prodotti che il mondo del whisky abbia da offrire. Questo è un ottimo prodotto”.

Parole di Alanews

Da non perdere