Bitcoin? Dopo cristiani e musulmani, ora ci sono i bitcoiniani

La caduta della luna e dell’UST, e la correzione del bitcoin, rinnovano i timori di una crisi più profonda delle valute digitali.

Bitcoin
Bitcoin – Nanopress.it

Avete mai perso 40 miliardi di dollari in 3 giorni?

Il 5 gennaio di quest’anno, il miliardario investitore americano Mike Novogratz, ha condiviso con entusiasmo su Twitter, la foto del suo nuovo tatuaggio, un lupo ululante accanto alla parola luna e alla figura rotonda gialla del satellite.

Successivamente, ad aprile, durante la conferenza che per il secondo anno consecutivo ha riunito a Miami decine di migliaia di appassionati di criptovalute, l’ex banchiere di Goldman Sachs si è vantato di una sua particolarità.

Ha detto di essere probabilmente l’unica persona al mondo ad avere le criptovalute dipinte sul proprio corpo, con disegnati i simboli bitcoin e luna, quindi una delle valute digitali più popolari sul mercato.

Solo un mese dopo, in un inaspettato colpo di scena, quest’ultimo è stato protagonista di uno dei più grandi fiaschi della breve storia del settore, quando il valore delle sue azioni è crollato da quasi 40 miliardi di dollari in soli tre giorni.

Il disegno sul braccio sinistro è diventato improvvisamente un promemoria involontario dei pericoli dell’investimento in attività ad alto rischio. Il caso illustra il forte legame emotivo che molti investitori di criptovaluta hanno con l loro ‘feticcio virtuale’. Forse perché li vedono come il loro passaporto per una rapida ricchezza senza bisogno di lavorare.

C’è chi si tatua i simboli dei Bitcoin

Questo fenomeno è molto meno comune in altri prodotti finanziari di rischio. È strano pensare a un azionista di Iberdrola che si è tatuato un mulino a vento, perché crede che il futuro delle rinnovabili catapulterà il prezzo dei suoi titoli, o a un azionista di Telecom che ha fatto lo stesso con un’antenna del 5G.

Criptovalute
Criptovalute – Nanopress.it

Tuttavia, i segni di devozione nell’universo crypto sono una costante che paragona i suoi proprietari, ai membri di una squadra di calcio, ai membri di un partito politico o ai fedeli di una religione.

Come accade per la resurrezione du Gesù, la moneta virtuale ha un suo mistero fondante, quello nella nascita del bitcoin, attribuito a Satoshi Nakamoto, pseudonimo con cui non si sa chi sia. Nemmeno se c’è più di una persona.

“Ho rinunciato a predire la sua morte imminente. Sembra che ci sia sempre un nuovo raccolto di credenti. Forse pensalo solo come un culto che può sopravvivere indefinitamente”, ha detto l’economista Paul Krugman a proposito di bitcoin nel dicembre dello scorso anno.

Ángel Barbero, professore alla EAE Business School e direttore della strategia di Nateevo, vede il potere della ‘storia’ come una parte fondamentale del successo delle criptovalute. “Non essendo nulla di tangibile, devi costruire una storia attorno alla valuta. Di come è stato creato. Devi dargli un’epopea.

In caso contrario, sei semplicemente vincolato ad un mero codice crittografico.  L’epopea del bitcoin o del fondatore che non conosciamo, aggancia le persone a qualcosa che è ancora magico, e che molti usano come se fosse una scommessa.

La moneta virtuale come simbolo di ideologia libertaria

Alejandro Neut, dottorando al MIT ed economista presso BBVA Research, è stato testimone delle passioni suscitate negli Usa. “Bitcoin, soprattutto negli Stati Uniti, è stato associato a fortissime emozioni politiche. Con tutta quell’ideologia libertaria che difende l’eliminazione delle valute emesse dalle autorità centrali, e l’indipendenza dalle decisioni dei tecnocrati”.

Crollo Criptovalute
Crollo Criptovalute – NanoPress.it

Nel loro saggio The Light That Goes Out, Stephen Holmes e Ivan Krastev descrivono il sostegno a Donald Trump come “fervente, incrollabile e incrollabile”. Questo atteggiamento è molto presente in una parte del pubblico cripto, che, essendo oggetto dello scetticismo di diversi premi Nobel in Economia, gestisce abitualmente una dialettica contro gli esperti, e spesso si unisce a teorie del complotto non provate, o si affida alla dialettica del nemico straniero, invece di autocritica per spiegare qualsiasi evento contrario ai loro interessi.

Ora, il trauma che Luna e la stablecoin algoritmica UST, due dei dieci maggiori player del mercato – insieme valevano quasi 50 miliardi di dollari all’inizio di maggio – hanno ceduto in poche ore, indebolisce la storia della loro matematica invulnerabilità. E solleva dubbi che si scontrano con il discorso tecno-futuristico che presuppone che sostituiranno il denaro tradizionale, o almeno, rivoluzioneranno il mondo come lo conosciamo.

Bitcoin, la criptovaluta più grande e sulla carta la più sicura, vale oggi circa 500 miliardi di dollari, una capitalizzazione simile a quella di Facebook. Il prezzo di un bitcoin oggi si aggira intorno ai 30.000 dollari, meno della metà dei 68.000 dollari di novembre, il suo massimo. Un anno fa ha superato i 40.000. Due anni fa, non ha raggiunto 10.000. E fino a cinque anni fa non superava i 1.000.

Qual è il valore che produce un Picasso da 150 milioni?

Leopoldo Torralba, economista di Arcano Economic Research, con 25 anni di esperienza nelle banche di investimento, sottolinea che non è facile valutare. “Non abbiamo mai capito i prezzi. Una valuta ha valore fintanto che si crede che verrà cambiata o che verrà effettivamente utilizzata come mezzo di pagamento in modo generale.

Soldi 'veri'
Soldi ‘veri’ – NanoPress.it

Poiché non forniscono dividendi come le azioni, non danno cedole come le obbligazioni, né forniscono rendimenti da locazione sugli immobili, è un bene che si muove solo in base all’offerta e alla domanda”. Cioè, sale solo perché qualcuno compra più caro, o scende perché qualcun altro vende a meno.

Per Torralba, il business di una valuta poco utilizzata per le transazioni —Tesla ha annunciato che avrebbe accettato bitcoin per acquistare le sue auto negli Stati Uniti, ma rettificato solo 50 giorni dopo—, è inutile come quello di un operatore di telefonia mobile che non offre copertura ai dispositivi dei suoi abbonati.

“Il mondo usa euro, dollari, visa e mastercard perché sa che sono accettati”, insiste. Neut, di BBVA Research, concorda sul fatto che è impossibile prevedere un prezzo obiettivo. “Non c’è modo di valutare le criptovalute. È un prodotto speculativo al 100%”, fosso. A suo avviso, ciò non implica che scompariranno. “Ci sono molti asset speculativi che mantengono il loro valore nel tempo. Non tutti crollano o scoppiano come una bolla. L’oro e l’arte sono due esempi. Qual è il valore che produce per me un Picasso da 150 milioni, che in molti casi viene custodito in un caveau senza essere apprezzato da nessuno”?