Berlusconi ricoverato a Monaco per problemi cardiaci

Il leader di Forza Italia si trovava a Valbonne, la località vicino a Nizza, dove ha trascorso anche gran parte del lockdown

Silvio Berlusconi

Foto Getty Images | Pier Marco Tacca

Silvio Berlusconi è stato ricoverato al Centro cardiotoracico di Monaco, ospedale specializzato del Principato. Dopo il ricovero di settembre al San Raffaele di Milano per aver contratto il virus, il fondatore di Forza Italia si trova ora a fare i conti con un nuovo problema di salute, un “problema cardiaco aritmologico“, come ha riferito il medico Alberto Zangrillo alle agenzie di stampa. Berlusconi si trovava a Valbonne, la località vicino a Nizza, dove ha trascorso anche gran parte del lockdown.

Zangrillo ha deciso il ricovero

È stato Alberto Zangrillo, il medico di fiducia di Berlusconi, a decidere il suo ricovero a Monaco per un problema cardiaco aritmologico, come ha spiegato alle agenzie di stampa. “Lunedì sono andato d’urgenza dove risiede temporaneamente il presidente – ha spiegato Zangrillo all’Ansa – , nel Sud della Francia, per un aggravamento e ho imposto il ricovero ospedaliero a Monaco perché ho ritenuto prudente non affrontare il trasporto in Italia“.

Si trovava a casa della figlia Marina

Silvio Berlusconi, che ha compiuto 84 anni lo scorso settembre, si trovava nel Sud della Francia a casa della figlia Marina, precisamente a Chateaun-euf-de Grasse, nella località di Valbonne. Secondo l’ufficio stampa di Forza Italia, Berlusconi dovrebbe rientrare a casa “entro pochi giorni“.

La battaglia contro il Covid

Lo scorso settembre, mentre era in vacanza in Sardegna, Berlusconi era risultato positivo al Covid-19, sviluppando una polmonite bilaterale, che lo aveva costretto a un ricovero d’urgenza al San Raffaele di Milano. Anche i figli Luigi, Barbara e Marina erano poi risultati positivi al virus. Dopo il ricovero, Berlusconi aveva parlato della malattia come di una battaglia durissima“, invitando i malati a “non lasciarsi andare“.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.

Da non perdere