Ayman al Zawahiri, il cervello ombra di Al Qaeda

Ayman al Zawahiri, il luogotenente di Bin Laden, privo del carisma del suo predecessore ma dotato di una grande situazione ideologica, è stato nominato capo dell’organizzazione nel giugno 2011.

Ayman al Zawahiri
Ayman al Zawahiri – NanoPress.it

Il presidente Joe Biden è pronto per le elezioni di mid term, dopo mesi di lotte. Alle recenti conquiste interne (un grande piano ambientale o la sfida strategica alla Cina) aggiunge ora un’impresa con ripercussioni internazionali: aver liberato il mondo dal terrorista più ricercato. Un risultato simile a quello di un altro democratico, Barack Obama, con l’esecuzione di Osama bin Laden ad Abbotabad (Pakistan) il 1 maggio 2011.

Ayman al Zawahiri, un leader silenzioso ma forte

La correlazione tra i due correligionari arriva a significare, simbolicamente, il punto di arrivo dell’organizzazione che l’11 settembre 2001 ha attaccato il cuore dell’America. La risonanza della fine dell’egiziano Ayman al Zawahiri, 71 anni, fornisce a Biden l’epopea di cui aveva bisogno il suo mandato, fino a poco tempo fa in ore basse. “Al Zawahiri non è carismatico. Non è stato coinvolto nella precedente guerra in Afghanistan [contro i sovietici] e penso che abbia molti detrattori all’interno dell’organizzazione”.

Queste le parole del consigliere per la sicurezza Usa John Brennan un giorno dopo la caduta di Bin Laden, a proposito del numero due di Al Qaeda. La successione era nell’aria e Al Zawahiri, un leader opaco ma forte, non sembrava avere i trucchi per prendere il comando. Ma contro ogni previsione, e dopo un breve interregno dell’egiziano Saif al Adel, questo sì veterano combattente nella guerra afgana contro i sovietici, la leadership di Al Qaeda confutò le parole di Brennan e scelse Abi Mohamed Ayman al come nuovo capo dei capi Zawahiri.

Al Zawahiri nasce nel 1951 nel quartiere Giza del Cairo, in una famiglia benestante legata alla medicina. Come racconta lo scrittore Lawrence Wright nell’entusiasmante libro The High Tower: Al Qaeda and the Origins of 9/11s, il giovane ha seguito la tradizione di famiglia e ha lavorato negli anni Ottanta in una clinica nel ricco quartiere di Maadi al Cairo. Al Zawahiri ha reso compatibile la sua professione con lo studio dell’Islam -suo nonno era stato un imam della prestigiosa moschea di Al Azhar, centro irradiante dell’islamismo politico-, grazie ai primi rapporti instaurati con la Fratellanza Musulmana, organizzazione islamica illegale in Egitto dal 1954 .

Perché se Al Qaeda aveva un’impronta saudita, grazie alla fortuna della famiglia di Bin Laden e alla sua spinta populista, il suo DNA ideologico era tutto egiziano: l’avamposto dell’islamismo radicale che presto si sarebbe impadronito di parte del Maghreb (l’Algeria, per esempio); l’aristocrazia dottrinale della nuova jihad. Al Zawahiri assunse presto il comando della Jihad islamica, fondata nel 1973 e responsabile dell’assassinio di Anwar el Sadat nel 1981 a causa dell’accordo di pace che il presidente egiziano aveva firmato con Israele.

La paternità intellettuale dell’attacco e una permanenza in carcere per tre anni furono le migliori lettere di presentazione all’illuminato saudita con cui entrò in contatto a metà degli anni ’80 a Peshawar (Pakistan). Al Zawahiri si era arruolato nella Mezzaluna Rossa, un ritiro tattico, metà alienazione metà esilio, per sfuggire alle vessazioni delle forze di sicurezza nel suo Paese, che soggiogavano il movimento islamista.

Washington aveva offerto una ricompensa di 25 milioni di dollari di ‘taglia’ sulla sua testa

Peshawar è stata la retroguardia della lotta contro l’invasore sovietico in Afghanistan – incoraggiata da Usa e Arabia Saudita – e dove il medico si è preso cura dei combattenti feriti. Lo scambio tra i due fu un esercizio di osmosi: l’egiziano divenne un riferimento intellettuale e ideologico, infondendo dottrina nel saudita, allora capo di una neonata organizzazione chiamata Al Qaeda. Nel 1988 entrambi accettano di fondere i loro gruppi e un decennio dopo, dichiarano “guerra santa contro ebrei e crociati”.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

Solo tre anni dopo, i suoi uomini colpirono il simbolo del potere occidentale: le Torri Gemelle. In precedenza, nel 1993, un presunto tentativo di omicidio dell’allora primo ministro pakistano Benazir Bhutto portò all’espulsione di Al Zawahiri dal paese. Da lì si è recato in Sudan, dove Bin Laden si era rifugiato dopo essere stato privato della nazionalità per le sue attività destabilizzanti, pericolose anche per la severa corte di Riyadh. Con la presa del potere da parte dei talebani afgani e il ritiro dei sovietici, gli “atei comunisti” cessarono di essere i nemici a favore dell’Occidente senza Dio.

Dall’Africa, i due alleati hanno iniziato il conto alla rovescia per la tragedia di New York: gli attentati contro le ambasciate statunitensi in Kenya e Tanzania, che hanno causato 150 morti, e che sono stati il ​​primo esempio di doppio attentato suicida ispirato ad Al Zawahiri come modus operandi dell’organizzazione. Dopo l’11 settembre, l’Interpol ha ordinato la sua ricerca e cattura come capo dell’idra di Al Qaeda.

Per questo, nonostante la riluttanza di Brennan, l’uomo che era il braccio destro di Bin Laden lo ha sostituito alla guida di Al Qaeda, quell’internazionale del terrore che ha subito aperto franchigie regionali, come il Maghreb arabo (AQMI) o gli Shabab (ragazzi). dalla Somalia: un modo per moltiplicare il raggio d’azione con pochi investimenti.

Nel tempo, alcune di queste filiali hanno superato l’impatto letale della società madre. Tra i meriti che gli è valsa la leadership di Al Qaeda, spiccano la sua corresponsabilità negli attentati dell’11 settembre, l’idea dei doppi attentati suicidi che divenne un segno distintivo dell’organizzazione e un trattato in cui riassume la sua strategia nel “causare quante più vittime possibili” negli Stati Uniti.

Il suo odio per gli americani è stato accresciuto dalla morte di sua moglie, un figlio e due figlie nel bombardamento di rappresaglia dell’Afghanistan alla fine del 2001. Da allora, e nonostante sia rimasto, come Bin Laden, in clandestinità, è diventato il portavoce di Al Qaeda, con una missione chiara: “Lotta contro gli infedeli che attaccano le terre dell’Islam, con in testa gli Stati Uniti e il suo lacchè Israele”.

La CIA è andata vicino a finirlo nel 2003 e nel 2004 nelle aree tribali del Pakistan, prima che l’ascesa dell’ancor più sanguinoso Stato Islamico mandasse Al Qaeda nel limbo del male, ma in uno di quegli colpi di scena, Il pizzo non corrispondeva a chi ai suoi tempi dichiarava la “guerra al terrore” di Al Qaeda, il repubblicano e più combattivo George W. Bush, ma a un leader democratico sbadato, fino a pochi giorni fa bisognoso di medaglie.