Aumento sigarette: da 15 a 20 centesimi in più sul pacchetto da 20

Onere fiscale per i tabacchi lavorati nel 2023 che vede l’aumento del 36,2% sulla somma per quanto riguarda l’accisa globale e sulla stessa imposta del valore aggiunto.

Pacchetti di sigarette
Pacchetti di sigarette- Nanopress.it

Anche per il 2024 ci sarà un amento della stessa percentuale mentre, dal 2025, questa sarà pari al 96,905%.

L’ aumento del costo delle sigarette

Dal primo gennaio del 2023, proprio come è possibile leggere all’interno della nuova bozza in circolazione, ci sarà un aumento sull’accisa delle sigarette che prevederà l’aumento tra i 15 e i 20 centesimi a pacchetto.

Infatti, sui tabacchi lavorati, gli oneri fiscali per il nuovo anno è pari al 96,22% se paragonato alla somma dell’accisa globale.

Una percentuale simile è quello previsto per il 2024 mentre, nel 2025, questa arriverà a 96,905%.

Uomo che fuma
Uomo che fuma- Nanopress.it

E questo ciò che è stato stabilito dalla bozza della manovra presentata dal governo Meloni la quale ha disposto anche l’aumento sulle accise dei tabacchi lavorati.

Un aumento che però non sarà uguale per tutti i tipi di tabacco in quanto questo sarà spalmato nel corso dei prossimi tre anni.

Infatti, il prezzo delle sigarette, continuerà a salire anche fino al 2025.

Quanto aumenteranno le sigarette

Ciò che aumenterà sarà la componente fissa del prezzo del pacchetto.

Un qualcosa che non porterà chissà quali cambiamenti nel consumatore anche se, per quanto riguarda le sigarette, l’accisa sarà una somma che corrisponde all’Unione della componente fissa a quella proporzionale al prezzo di vendita al pubblico.

Una manovra all’interno della quale non ci sarà soltanto l’aumento della componente fissa, la quale per ora è la più bassa in tutta l’Europa, ma anche l’incremento dell’ordine fiscale.

Ma quanto aumenteranno quindi gli aumenti delle sigarette? Parlando di numeri, nel 2023 il costo sarà di 36 euro in più ogni 1000 sigarette mentre, nel 2024 questo salirà di altri 50 centesimi per arrivare poi a 37 euro nel 2025.

Gli incrementi in questioni vengono spiegati “dall’applicazione dell’aliquota di base, di cui alla voce ‘Tabacchi lavorati al prezzo di vendita al pubblico’.

Sigaretta elettronica-
Sigaretta elettronica- Nanopress.it

In base a ciò che rivela Il Sole 24 ore, per il momento la componente risulta essere la più bassa dell’intera Europa.

Nel 2023 però le accise sulle sigarette avranno un aumento del 40%. In poche parole, ogni pacchetto vedrà un pezzo di listino più alto che partirà da un minimo di 15 centesimi fino ad un massimo di 70 centesimi.

Ogni categoria, a partire dalle sigarette fino ai sigari senza dimenticare il tabacco da fiuto, il tabacco trinciato, i tabacchi da inalazione senza combustione e i il tabacco per pipa, avrà una tassazione specifica e quindi il prezzo finale cambierà.

Non mancheranno poi delle differenze di prezzo che verranno decise dalle stesse case di produzione.

Nel corso della legge di bilancio del 2021, era già stato deciso un aumento delle accise che però doveva essere Sspalmato nel corso dei tre anni successivi.

Infatti, dal primo gennaio del 2022, il prezzo era aumentato del 35%, per subire poi un ulteriore aumento nel 2023.

Per quanto riguarda invece di sigarette elettroniche, ci sarà un aumento del 15% sui prodotti con nicotina mentre, sarà del 10%, l’aumento per quelli senza.

Sarà questa una situazione che avrà luogo sempre a partire dal primo gennaio del 2023.