“Art is Open”: 4 capolavori del ‘900 raccontati da 4 comici

Quattro comici italiani raccontano quattro opere d’arte del Novecento nell’evento Art is Open che racconta l’arte al grande pubblico.

Raoul Cremona
Raoul Cremona – Nanopress.it

L’arte raccontata da quattro comici: Raoul Cremona, Ippolita Baldini, Alessandro Betti e Marta Zorboli fanno un tuffo nel mare incantato dell’arte mondiale, raccontando le opere di quattro artisti, icone del Novecento, grazie al progetto Art is Open.

Art is Open, l’arte raccontata dai comici italiani

L’International Game Technology ha chiesto a Epik di valorizzare il patrimonio artistico del nostro paese: da questa collaborazione, nasce la piattaforma Open che ospita progetti di divulgazione artistica, come Art is Open.

E, per questa occasione, ci saranno quattro comici d’eccezione italiani, che abbiamo conosciuto nel corso degli anni, che presenteranno ciascuno varie grandi opere che hanno caratterizzato diverse correnti artistiche del Novecento.

I racconti saranno disponibili online a partire dal 16 giugno e vedranno come protagonisti Raul Cremona, che si occuperà di Composizione A di Piet Mondrian, Ippolita Baldini, invece, de Le tre età della donna di Gustav Klimt, Alessandro Betti parlerà del Nudo sdraiato di Amedeo Modigliani e Marta Zoboli incontrerà Antigrazioso di Umberto Boccioni.

Come sottolinea Fabio Cairoli, CEO Global Lottery Igt, “Vogliamo promuovere lo sviluppo delle comunità in cui operiamo, per questo ogni anno investiamo in progetti di sviluppo digitale, inclusione sociale e tutela del patrimonio artistico, culturale e paesaggistico“.

Quadro
Quadro – Nanopress.it

L’arte diventa democratica

I capolavori di Piet Mondrian, Gustav Klimt, Amedeo Modigliani e Umberto Boccioni che i comici racconteranno, sono tutti esposti alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma.

I comici hanno realizzato un monologo personale per raccontare, al grande pubblico, la grandezza di queste meravigliose opere, che hanno caratterizzato l’arte del XX secolo. L’arte, dunque, diventa accessibile: obiettivo primario di Art is Open, al fine di mostrare a un audience più vasta la bellezza di queste creazioni, attraverso volti noti del piccolo schermo.

Come spiega Cairoli in merito, “In questa fase di ripartenza e riapertura abbiamo pensato di dare nuovo impulso all’arte e ai musei ideando un progetto di comunicazione innovativo. Si parla di capolavori senza tempo con un linguaggio moderno, intelligente ed ironico, decisamente coinvolgente, con l’obiettivo di avvicinare ancora di più all’arte“.

Giorgia Crepaldi, leader del progetto Art is Open e partner di Epik, dal suo canto, afferma che “L’obiettivo di Epik è amplificare l’impegno di Igt sui temi rilevanti per la società, a partire dal sostegno al mondo dell’arte e tramite il linguaggio dell’intrattenimento“.