Argentina, scontri durante la partita Gimnasia-Boca | Un morto e decine di feriti

Argentina, durante la partita tra Gimnasia e Boca Junior si sono verificati degli scontri fuori dallo stadio che sono degenerati irrimediabilmente. Partita sospesa e un morto sono il bilancio della serata.

Scontri partita Gimnasia - Boca
Tifosi riversati in campo durante la partita Gimnasia – Boca – Nanopress.it

La partita, in programma alle 20:45, di ieri 6 ottobre, valida per la Liga Argentina, si è trasformata in tragedia. Gli iniziali tumulti all’esterno dello stadio hanno generato una reazione a catena e l’intervento della polizia ha scatenato il panico sia dentro che fuori dallo stadio.

Argentina, scontri durante la partita Gimnasia – Boca

Una partita importante per la Liga Argentina che ha preso la piega sbagliata e si è trasformata in guerriglia. Il match è stato sospeso al nono minuto del primo tempo quando l’arbitro ha inviato i giocatori a entrare negli spogliatoi.

In realtà i tafferugli, trasformatisi poi in scontri veri e propri, sono iniziati prima e all’esterno dello stadio. Sergio Berni, segretario alla sicurezza della provincia di Buenos Aires, ha spiegato che oltre 10.000 tifosi erano ancora all’esterno dello stadio quando ormai le porte erano già chiuse.

I tumulti sono cominciati perché molti presenti volevano entrare senza essere muniti di biglietto. La polizia, rivela un tifoso al sito argentino Olè, ha lanciato le transenne violentemente verso i tifosi provocandone la reazione immediata. È scoppiato il caos all’esterno e gli scontri hanno preso una piega violenta così la polizia è intervenuta lanciando lacrimogeni ma anche sparando proiettili di gomma.

Si sono accesi diversi scontri anche all’interno dello stadio e il lancio di lacrimogeni dentro la struttura ha generato il panico. A quel punto Hernán Mastrángelo ha interrotto la partita e mandato i giocatori negli spogliatoi. Molti tifosi sono rimasti senza fiato per colpa dei fumogeni e si sono riversati in campo per evitare i tumulti che si stavano allargando sugli spalti.

Morto un 57enne

La partita tra il Gimnasia, squadra di La Plata, contro il Boca, squadra della capitale argentina, era molto attesa dai tifosi. Quando si sono verificati i primi scontri era impensabile intuire come sarebbe andata a finire.

Una vera e propria guerriglia tra forze di polizia e tifosi che hanno purtroppo coinvolto anche chi non ha preso parte alla sommossa. Moltissimi feriti tra cui donne e bambini ma anche tifosi raggiunti dai proiettili di gomma sparati dalla polizia.

Un uomo di 57enne,César Regueiro, è stato colto da malore e purtroppo è deceduto durante il trasporto all’ospedale San Martin. Secondo quanto riportano i media locali si tratta di un ex giocatore degli inferiores del Gimnasia e anche di un altro club di La Plata.

Scontri Gimnasia Boca
Esiti degli scontri dirante la partita Gimnasia Boca – Nanopress.it

I presenti hanno riferito ai media che moltissimi minori sono rimasti feriti e hanno perso il contatto con i genitori. Un cameramen nel tentativo di filmare la rivolta è stato colpito da tre proiettili di gomma. La repressione della polizia ha scatenato una reazione che è stata poi impossibile da gestire al meglio e con le buone.

Nelle ultime settimane si sono verificati incidenti e scontri che hanno preoccupato la comunità sportiva e calcistica. Menzione che va fatta per prima è sicuramente quella della tragedia in Thailandia dove sono morte 170 persone negli scontri allo stadio. Il lancio di fumogeni ha provocato il caos e una vera e propria guerriglia finita in un dramma incredibile.

Ieri sera oltre alla partita tra Gimnasia e Boca è stata sospesa anche anche la partita di Europa League, girone D, tra Malmo e Berlin Union. Al sessantesimo minuto i tifosi tedeschi hanno cominciato a lanciare razzi e fumogeni in campo costringendo i calciatori a ripararsi negli spogliatoi. Momenti di paura generale e tensione per la concreta possibilità dello svilupparsi di rivolte. Dopo l’intervento della polizia però i giocatori hanno potuto riprendere a giocare.