L’Argentina rivive lo spettro della bancarotta: crisi politica ed economica

L’Argentina è invischiata, ancora una volta, in una crisi profonda. La partenza anticipata di Matías Kulfas, ministro vicino al presidente Fernández, alimenta la lotta al kirchnerismo.

Alberto Fernández
Alberto Fernández – NanoPress.it

Gli ostacoli alla costruzione di un gasdotto hanno espulso nel fine settimana dal gabinetto il ministro dello Sviluppo produttivo, Matías Kulfas, e hanno suscitato tensioni tra il presidente, Alberto Fernández, e la sua vicepresidente,

In Argentina l’nflazione a fine 2022 al 70 per cento

Il problema di fondo è una grave carenza di gas e diesel, che costringe l’Argentina a importare e prosciugare le magre riserve di dollari della Banca centrale. La crisi energetica, che non è nuova, è diventata finalmente una crisi politica, l’ennesima che il Paese sudamericano sta affrontando.

Quando in Argentina arriva il freddo dell’inverno, i problemi si moltiplicano. Dalla metà del 2007 il Paese sudamericano, un tempo esportatore di idrocarburi, deve acquistare gas liquefatto in bottiglia, o GNL. Secondo la società di consulenza Ecoviews, nei mesi di giugno, luglio e agosto la bolletta energetica mensile passa da meno di 100 milioni di dollari a quasi 1.200 milioni, per effetto degli acquisti di gas dalla Bolivia e, soprattutto, GNL.

A settembre si scende a 800 milioni e solo ad ottobre, quando gli argentini spengono i fornelli, si torna a meno di 100 milioni. Il problema non sarebbe così grave se non ci fossero due problemi. Uno: più di un terzo delle riserve della Banca Centrale oggi va all’importazione di gas, in un contesto di cronico deficit valutario e perdita di valore del peso. Se non ci sarà una catastrofe economica, l’inflazione nel 2022 sarà di circa il 70%.

Due: il Paese possiede la seconda riserva di gas al mondo, ma non può trasportarlo dal giacimento di Vaca Muerta, dove viene prodotto in Patagonia, ai centri urbani, dove viene utilizzato. La soluzione è costruire un gasdotto, ma ci vorrà molto tempo. All’inizio di maggio, il presidente Fernández ha girato Spagna, Francia e Germania.

Lì ha venduto l’Argentina come opzione per gli idrocarburi che l’Europa non può più acquistare dalla Russia. In cambio ha chiesto investimenti per il settore, oggi bloccato dalla mancanza di infrastrutture. “L’Argentina ha bisogno di un gasdotto a Vaca Muerta”, afferma Victoria Terzaghi, caporedattore dell’energia del quotidiano Río Negro. “Ma è un’opera che arriva tardi”.

Il problema del gasdotto a Vaca Muerta

Il problema è semplice: Vaca Muerta è a livelli record di produzione di gas, ma gli attuali gasdotti sono saturati e non è più possibile inviare il combustibile agli impianti di distribuzione. Senza gas nelle grandi città, il Paese deve importarlo in navi a gas che consumano le riserve. Una fonte del settore petrolifero spiega che “la costruzione del gasdotto per Vaca Muerta ridurrebbe i livelli di importazione, rifornirebbe l’approvvigionamento interno e proporrebbe l’accesso ai mercati regionali nel breve termine”.

Cristina Kirchner
Cristina Kirchner – NanoPress.it

“L’opportunità c’è”, dice, “ma l’Argentina richiede investimenti internazionali significativi per un periodo di tempo prolungato. Le attuali condizioni economiche, senza accesso alla valuta estera, sono un impedimento”, aggiunge. Lo scenario è quello del cane che si morde la coda. A causa della mancanza di dollari, l’Argentina applica severi controlli sui cambi e limita il rimpatrio dei profitti delle multinazionali.

Quelle stesse restrizioni spaventano gli investimenti a lungo termine, come quelli necessari nel settore petrolifero. E qui si torna al gasdotto, che il governo ha chiamato Néstor Kirchner, in onore dell’ex presidente e marito dell’attuale vicepresidente. L’uscita di Kulfas dal ministero dello Sviluppo produttivo è il quadro di una grande crisi.

Kulfas ha accusato i funzionari di Kirchner di ritardare l’avvio del gasdotto e di sostenere, contro il parere del ministro dell’Economia, un sistema di sussidi per l’energia domestica che l’anno scorso è costato alle casse pubbliche 11 miliardi di dollari, pari al 2,3% del PIL. Le tariffe di elettricità, gas e acqua sono state congelate dalla fine del governo Mauricio Macri e hanno accumulato un ritardo di oltre il 200%, nel tentativo di evitare che aumentino la pressione sull’inflazione.

“La seconda sfida è stata uscire dal folle sistema di sussidi energetici che ha governato il nostro Paese per due decenni”, ha scritto Kulfas, “che ha un enorme costo fiscale, è socialmente ingiusto, centralista, antifederale e pro-ricchi ( …), che da peronista mi mette in imbarazzo”, scrisse Kulfas, senza la pressione della posizione.

Da Energía Argentina hanno risposto con una lettera: “Purtroppo si osserva che mentre il Ministero dell’Energia era una dipendenza sotto la sua orbita, fino ad agosto dello scorso anno, e non più tardi, è riuscito a capire come funziona il sistema energetico“. La guerra aperta è dichiarata. Intanto i lavori sul gasdotto sono solo nelle fasi iniziali, ed è improbabile che sia pronto entro la fine del prossimo anno, come auspica e necessita il governo.