Boris Johnson: “Ribellione risolta, niente e nessuno mi fermerà”

I conservatori, critici nei confronti del Primo Ministro britannico Boris Johnson, dichiarano una tregua ma chiedono che mandi un segnale chiaro all’elettorato con un taglio delle tasseIl segreto della felicità, anche della felicità politica, è avere una cattiva memoria.

Boris Johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

E Boris Johnson sembrava questo mercoledì, quando è apparso davanti alla Camera dei Comuni per rispondere alle domande dell’opposizione, uno di quegli adolescenti che la mattina si alza come una rosa e va a giocare, dopo una lunga notte di follia.

Passata la paura, Boris Johnson passa al contrattacco

Aveva appena subito, 48 ore prima, un’umiliante sconfitta nel gruppo parlamentare conservatore. Il 41% dei suoi deputati (148) ha chiesto con il proprio voto la destituzione del presidente del Consiglio. Avevano perso la fiducia nel politico che ha permesso le feste imbarazzanti a Downing Street durante il lockdown.

Johnson non è uno di quei personaggi che si sentirebbero messi in discussione la sua legittimità e autorità dopo aver ricevuto una simile punizione nella propria casa. Piuttosto si aggrappò al sostegno degli altri 211 Tory. Abbastanza, secondo lui, per sistemare tutta la questione e voltare pagina.

Ad attenderlo in Parlamento c’era un’opposizione – laburista, ma anche nazionalisti scozzesi – pronta a prendere in giro la debole situazione interna di Johnson. Ma il presidente del Consiglio conosce bene la cultura del suo partito. Possono scuoiarsi a vicenda, ma poi tutti uniti contro il nemico. Le grida di sostegno a Johnson, e gli scherni alla panchina di fronte, erano il chiaro segnale che, per il momento, era stata concordata una tregua.

Praticamente nessun parlamentare conservatore, ad eccezione di Esther McVey, rivale di lunga data di Johnson, si è pronunciato contro il loro leader. Euforico, il presidente del Consiglio ha sfidato coloro che ancora chiedono le sue dimissioni e ha detto loro che “assolutamente niente e nessuno” lo fermerà nei suoi sforzi per continuare a governare e rispettare il suo programma elettorale.

“Nella mia carriera politica, che è appena iniziata, ho fatto rivali di ogni tipo. E questo risponde al fatto che questo governo ha fatto cose molto grandi e importanti, con le quali quei rivali non sono necessariamente d’accordo”, ha proclamato Johnson. Proprio come il primo ministro conosce i ritmi della politica e del suo partito, così anche il leader dell’opposizione laburista Keir Starmer.

Non era il giorno per ricordare le famigerate feste proibite, le multe della polizia o il sanguinoso rapporto dell’alto funzionario Sue Gray, che a Downing Street denunciò una cultura dell’alcol, degli eccessi e della mancanza di rispetto, e additò come diretto responsabile a Johnson. I deputati conservatori avevano votato proprio quel lunedì.

Starmer duro, ma il laburisti restano ancora al palo

E il risultato aveva messo in luce la profonda divisione interna, difficile da riparare Starmer si è concentrato sulle promesse non mantenute di Johnson in termini di salute pubblica, per evidenziare la presunta inefficienza di un governo più concentrato sulla sopravvivenza che sulla gestione.

Keir Starmer
Keir Starmer – NanoPress.it

“Fingere che le regole non fossero infrante [durante le feste di confinamento] non ha funzionato; fingere che l’economia stia crescendo non funziona; nemmeno fingere che verranno costruiti quaranta nuovi ospedali.

Vogliono che [Johnson] cambi, ma non è possibile”, ha detto Starmer. L’ala dura del Partito conservatore, che allo stesso tempo sognava una Brexit che li staccasse definitivamente dall’Europa e permettesse loro di sviluppare nuove misure economiche neoliberiste, ha subito imposto a Johnson la condizione inevitabile per la sua sopravvivenza: un taglio delle tasse.

“Voglio vedere tagli alle tasse il prima possibile”, ha detto alla BBC Kwasi Kwarteng, ministro degli affari. “Vorrei che fossimo più audaci nell’abbassare le tasse”, ha aggiunto Sajid Javid, ministro della Salute ed ex ministro dell’Economia.

David Frost, il politico che ha fornito più grattacapi all’UE mentre era incaricato di negoziare lo sviluppo della Brexit, e che è finito per diventare, a margine, la voce della coscienza euroscettica del primo ministro, ha anche chiesto una marcia indietro su tutti gli aumenti delle tasse rispetto allo scorso anno.

Johnson ha lasciato intendere, nelle sue dichiarazioni delle ultime ore, che ci sarà un taglio delle tasse, ma vuole aspettare un tempo ragionevole per verificare l’andamento della situazione economica — è quanto afferma Rishi Sunak, ministro dell’Economia, gli ha chiesto di fare, prima di prendere decisioni che peggiorano i conti pubblici.

I ritmi economici non coincidono con quelli politici. I conservatori affrontano una nuova sfida alle urne il 23 giugno. Ci saranno elezioni suppletive nei collegi elettorali di Wakefield e Tiverton, per sostituire i due parlamentari conservatori, che si sono dimessi per scandali sessuali.

I sondaggi prevedono rispettivamente la vittoria dei laburisti e dei liberaldemocratici. Dipenderà dall’entità della sconfitta se i tamburi di guerra inizieranno o meno a risuonare all’interno del partito, e il futuro di Johnson è ancora una volta messo in discussione.