Argentina: la crisi mette in discussione la capacità di potere del peronismo

In Argentina la rottura politica tra Alberto Fernández e Cristina Kirchner blocca le soluzioni e indebolisce la governance.

Cristina Fernández de Kirchner
Cristina Fernández de Kirchner – NanoPress.it

C’è una massima politica, e quindi insindacabile, che dice che solo il peronismo può governare un paese complesso come l’Argentina. Coloro che lo proclamano fanno esempi: quando il governo del radicale Raúl Alfonsín stava sprofondando nell’iperinflazione nel 1989, Carlos Menem arrivò per sistemare le cose.

“Solo il peronismo può governare un paese complesso come l’Argentina”

Nel 2001, dopo la caduta di un altro radicale, Fernando de la Rúa, il peronismo è stato incaricato di tirare fuori l’Argentina dal pozzo, questa volta per mano di Eduardo Duhalde e Néstor Kirchner. Quasi 20 anni dopo, Mauricio Macri lascia il Paese in default, con un debito verso il FMI di 44 miliardi di dollari e un’inflazione superiore al 50%.

Gli argentini abbracciarono ancora una volta la tavola salvifica del peronismo. Ma i fatti ora mettono in discussione la capacità del partito di risolvere le crisi più profonde. Gli argentini hanno gradualmente perso la fiducia nel presidente, Alberto Fernández, e nella sua vice, Cristina Fernández de Kirchner.

Lo scoraggiamento in strada era già evidente prima di sabato scorso, quando le accelerate dimissioni del ministro dell’Economia, Martín Guzmán, hanno rivelato la profondità della crisi del Palacio. Lo slam del ministro è stato il compimento del lento ma persistente processo di demolizione che Kirchner aveva intrapreso nei confronti del presidente e del suo più fedele seguito.

L’elezione di un nuovo ministro ha richiesto quasi 48 ore a causa della mancanza di accordo tra di loro. I due non parlavano in privato da mesi. Infine è emerso il nome di Silvina Batakis, un’economista vicina a Kirchner che, allo stesso tempo, ha promesso di obbedire a Fernández e di rispettare l’accordo con il FMI firmato dal suo predecessore, Guzmán. Un ossimoro politico. Fernández e Kirchner si sono parlati di nuovo. L’hanno fatto almeno quattro volte nell’ultima settimana.

Il timore di una debacle definitiva ha finito per convincerli della fragilità di un’alleanza nata nel 2019 contro natura, con un vicepresidente con voti che imponeva un presidente senza di loro alla Casa Rosada. “Noi peronisti siamo come i gatti. Sembra che stiamo riposando e in realtà ci stiamo riproducendo”, diceva Juan Domingo Perón per giustificare le tensioni inerenti alla costruzione politica. Ciò che è in discussione ora è quella capacità di riproduzione di cui tanto si vantava il padre fondatore.

Questa crisi colpisce duramente il peronismo

Questa crisi colpisce duramente il peronismo”, avverte Pablo Touzón, politologo e direttore della società di consulenza Scenari. “Siamo di fronte a un ciclo storico in cui non sembra che questa crisi possa essere risolta attraverso il peronismo“, afferma.Vicente Palermo, fondatore del Club Politico della Argentina, è uno degli scienziati politici che più ha studiato il peronismo.

Alberto Fernández
Alberto Fernández – NnoPress.it

È dell’idea che la capacità del partito di risolvere le crisi “non abbia alcun fondamento storico”. “Il peronismo è strutturato in modo da portare al suo interno le condizioni per produrre o approfondire le crisi, in modo che si autogenerino e raggiungano una situazione di esplosione che non possono controllare in seguito”, dice. E fa l’esempio più recente della debacle seguita alla morte di Perón nel 1974, con l’insediamento della sua vedova, Isabel Martínez, e il colpo di stato del 1976.

Quell’idea che il peronismo includa i lavoratori, coloro che di più possono sostenere un governo , può essere applicato in certi tratti della storia, ma non sempre”, dice. Claudio Belini, storico economico dell’Università di Buenos Aires, concorda sul fatto che parte del problema è che la base sociale del primo peronismo è andata perduta, quella che negli anni Cinquanta sembrava inarrestabile.

“La società argentina non è più quella società industriale organizzata in sindacati”, dice. “Il primo peronismo ha mostrato una maggiore capacità di risolvere alcune questioni della disputa di potere.

Ma ora lo Stato argentino è diverso, ha perso la capacità di intervenire nell’economia e di disciplinare i grandi attori sociali. Ecco perché è più complesso per il peronismo affrontare le crisi”. Il crocevia del Kirchnerismo I mercati hanno accolto con favore il nuovo ministro Batakis con un calo del peso e dei titoli di debito e il picco dell’inflazione. Nel frattempo, Fernández si è isolato nella Casa Rosada e Kirchner è riapparso in pubblico dopo un mese.

La vicepresidente ha scherzato dicendo che non aveva intenzione di “vomitare nessun altro ministro” nel gabinetto e, per la prima volta, non ha umiliato pubblicamente Fernández. Ha accusato sì il ministro Guzmán, che ha accusato di destabilizzare il governo con le sue dimissioni. Era stata consumata una tregua, frutto del bisogno di sopravvivenza. Il kirchnerismo è a un bivio. Odia Fernández perché lo considera tiepido, ma se lo fa cadere sa che la crisi gli esploderà tra le mani.

L’obiettivo dei peronisti è arrivare pronti alle presidenziali del 2023

L’obiettivo è, quindi, arrivare vivi al 2023, quando si terranno le elezioni presidenziali. “Il problema è che il peronismo è una coalizione di un settore apparentemente radicale, nel senso classico, che è il kirchnerismo, e un settore estremamente conservatore, che sono i governatori e le tribù non kirchneristi”, dice Palermo. “E governare quella coalizione è molto difficile, perché è incoerente. Molti interessi opposti devono essere conciliati”, spiega. Il ministro Batakis è coinvolto in queste tensioni interne.

martín guzmán
Martín Guzmán – NanoPress.it

Tutti riconoscono le sue capacità di economista, ma c’è consenso sul fatto che la gravità della situazione richieda nomi con più pergamene politiche. Infatti, il dibattito a Casa Rosada è se non sarà necessario intraprendere al più presto una profonda riforma del Consiglio dei Ministri per dare ossigeno alla dirigenza.

“L’economia ha le sue ragioni”, dice Touzón, “ma il primo motore è la politica”. “Un anno fa nessuno parlava di iperinflazione, come adesso. Non è chiaro fino a che punto la percezione di Kirchner che questo sarà un disastro lo renda un disastro”, aggiunge.

La preoccupazione di Touzon è che al di là del peronismo non sembra esserci molto altro. “Nella crisi del 1975, con un peronismo spezzato, il partito militare si è accucciato ad assumere sanguinosamente. Nel 1989 il peronismo aveva già risolto i suoi affari interni e Menem era lì. Nel 2001 abbiamo avuto l’accordo della provincia di Buenos Aires, con Duhalde e Alfonsín. Oggi la domanda è chi sostiene il vuoto di potere, se l’opposizione è disposta ad occupare la centralità”, dice Touzón.Resta da vedere se la situazione è terminale. Mancano 15 mesi alle elezioni e il peronismo combatterà.

Palermo ricorda che il partito ha ancora “una fortissima base territoriale nel cordone della provincia di Buenos Aires”. I governatori, essenza del potere all’interno del Paese, sono sempre più allineati con Kirchner, prova che percepiscono la migrazione nella Casa Rosada. Saranno mesi di molto rumore all’interno della festa.