Argentina: la crisi incrina il rapporto tra movimenti sociali e peronismo

Il governo di Alberto Fernández in Argentina accetta con rassegnazione le richieste di ridurre la tensione nelle strade.

Alberto Fernández
Alberto Fernández – NanoPress.it

L’alleanza tra peronismo e movimenti sociali in Argentina è in crisi. Il deterioramento dell’economia e le lotte interne che sanguinano quotidianamente la Casa Rosada, corrodono il principale sostegno politico del governo di Alberto Fernández: la strada.

L’alleanza tra peronismo e movimenti sociali in Argentina è in crisi

La gamma eterogenea di sindacati, manifestanti e organizzazioni che finora hanno controllato le proteste trova un equilibrio tra le pressioni delle loro basi, che chiedono soluzioni, e gli accordi con il potere. Il pericolo non è minore: i movimenti sociali sono la valvola che toglie pressione dal vaso della crisi.

Mercoledì, le organizzazioni alleate del governo marceranno in Plaza de Mayo a Buenos Aires per chiedere la creazione di uno stipendio base universale. Il 17 agosto lo faranno i sindacati peronisti della CGT, che si riuniranno davanti al Congresso. L’appello è “contro l’inflazione” e “i price makers”, cioè le aziende.  

In tutti i casi, gli slogan sono degni di un giocoliere. Devono protestare contro una situazione sociale insostenibile, ma senza rompere con l’Esecutivo. Sanno che un’escalation della tensione sociale può porre fine a un governo che considerano proprio, ma che ora vacilla a causa della propria incapacità di raggiungere un accordo.

La vertenza tra Alberto Fernández e la sua vicepresidente, Cristina Kirchner, si è conclusa due settimane fa con le dimissioni del ministro dell’Economia Martín Guzmán, garante dell’accordo firmato con il Fmi lo scorso gennaio. Da allora tutto è peggiorato. L’inflazione è salita alle stelle – già oltre il 60% su base annua – e il pesos argentino è crollato rispetto al dollaro in tutti i mercati informali.

Kirchner ha dato la sua benedizione al nuovo ministro, Silvina Batakis, dopo aver chiesto per due anni le dimissioni di Guzmán per averlo considerato un alleato del Fondo. Rinchiuso dalla crisi, Batakis ha promesso fedeltà al FMI e ha lanciato un piano di aggiustamento più duro del suo predecessore: congelamento della spesa statale, più restrizioni sull’uso del dollaro per contenere la fuga di valuta estera e accordi sui prezzi per contenere l’inflazione.

Il kirchnerismo non le ha dato un sostegno esplicito, ma almeno non la umilia in pubblico, come ha fatto con Guzmán. Una questione di sopravvivenza politica. Ma la strada è un’altra cosa. I movimenti sociali argentini sono figli della crisi del 2001, quella del “corralito”. Quando imperversava la disoccupazione e la povertà superava il 50%, gli espulsi dal sistema si organizzavano in quelli che chiamavano “sindacati disoccupati”. Quei movimenti maturarono, si raggrupparono e crebbero.

Nei quartieri poveri, l’UTEP si contende il favore del popolo con il gruppo ultrakirchnerista La Cámpora

Oggi sono una parte fondamentale del tessuto sociale argentino, a scapito dei sindacati tradizionali nati negli anni Cinquanta del secolo scorso. Oltre a coordinare l’assistenza sociale del Governo, gestiscono cooperative di lavoro, scuole e centinaia di cucine nei quartieri più poveri. Formano un mosaico molto eterogeneo, che va dall’estrema sinistra trotskista al peronismo più combattivo.

Cristina Fernández de Kirchner
Cristina Fernández de Kirchner – NanoPress.it

E hanno la chiave della governabilità: possono riscaldare la strada, ma anche controllarla. Quando il peronismo è tornato al potere nel 2019, Alberto Fernández ha aggiunto parte di loro al governo. I leader del Movimento Evita e Barrios de Pie sono entrati a far parte del Ministero dello Sviluppo Sociale. Da lì distribuiscono piani di aiuto. Solo Evita ne gestisce circa 120.000.

L’impegno al governo li allontana dai movimenti sociali dell’estrema sinistra e approfondisce la spaccatura che già avevano con i sindacati peronisti. La CGT è la spina dorsale del sistema, ma il cambiamento dei modelli di lavoro, con sempre più informali e meno salariati, ne ha tolto rilievo. L’equilibrio delle forze è sempre stato molto fragile. E la rissa interna alla Casa Rosada rischia di spezzarla.

Un mese fa, Cristina Kirchner ha protestato a una manifestazione per il ruolo del Movimento Evita e dei Barrios de Pie nel governo. Entrambi sono integrati nell’Unione dei Lavoratori dell’Economia Popolare (UTEP), dove si aggiungono tutti i gruppi che vivono di lavoro autonomo e di economia informale. UTEP nasce nel 2019 per supportare Alberto Fernández. Kirchner vi vedeva troppo potere concentrato e poca docilità. Per questo ha chiesto al presidente di rimuoverli dalla Casa Rosada e di restituire la gestione dei piani sociali ai governatori provinciali e ai sindaci locali.

Lì, nei quartieri poveri, l’UTEP si contende il favore del popolo con il gruppo ultrakirchnerista La Cámpora. “Quando Cristina ha parlato eravamo feriti e arrabbiati. C’è una realtà, ci sono settori che non ci vogliono”, dice la vicesegretaria generale dell’UTEP e portavoce del Fronte popolare Dario Santillán, Dina Sánchez. “Siamo concentrati sull’economia popolare perché lo Stato non è stato in grado di risolverla dal lato pubblico e privato. Molte delle compagne sono capofamiglia con diversi figli. Nell’economia popolare trovano un piatto di cibo, lavorano”, spiega Sánchez.