Argentina in crisi: Fernández nomina un Super Ministro dell’Economia

In Argentina il presidente della Camera, Sergio Massa, sostituisce Silvina Batakis al ministero dell’Economia, che assorbe i portafogli di Produzione e Agricoltura.

Alberto Fernández
Alberto Fernández – NanoPress.it

Alberto Fernández ha sparato la pallottola d’argento che teneva nella camera. Nel bel mezzo di una crisi economica diventata ingestibile, Sergio Massa, presidente della Camera dei Deputati e timoniere di una delle tre gambe del Fronte di tutti, la coalizione ufficiale peronista, è stato nominato giovedì ministro dell’Economia.

Alberto Fernández ha sparato la pallottola d’argento che teneva nella camera

Massa sarà a capo di un ministero che aggiungerà i portafogli di Produzione e Agricoltura. La nuova struttura darà a Massa il pieno controllo dell’economia, come aveva chiesto di entrare nel Consiglio dei Ministri. Il deputato è un avvocato, ma Fernández ha fatto affidamento sulle sue rinomate capacità manageriali e sul suo altissimo profilo politico per guidare una debacle che minaccia persino la capacità di governo del peronismo.

“Il presidente della Argentina Alberto Fernández ha deciso di riorganizzare le aree economiche del suo gabinetto per un migliore funzionamento, coordinamento e gestione. In questo senso saranno unificati i Ministeri dell’Economia, dello Sviluppo Produttivo e dell’Agricoltura, dell’Allevamento e della Pesca, includendo anche i rapporti con le organizzazioni creditizie internazionali, bilaterali e multilaterali”, ha riferito la Casa Rosada in un comunicato ufficiale giovedì pomeriggio.

“Il nuovo ministero sarà a carico di Sergio Massa, attuale presidente della Camera dei Deputati, non appena sarà risolta la sua rimozione dal suo seggio”, aggiunge il comunicato. Lunedì ci sarà una sessione speciale al Congresso per affrontare la partenza di Massa. Massa, 50 anni, è un peronista centrista con buoni legami con Wall Street e una reputazione di buon amministratore.

Il suo nome suonava come un sostituto del ministro Martín Guzmán in quel frenetico weekend del 2 luglio, ma le sue richieste e il rifiuto di Cristina Kirchner, che vede in lui un rivale da temere, lo hanno lasciato senza l’incarico. La gravità della crisi gli diede finalmente una seconda possibilità. Massa è un politico con chiare aspirazioni presidenziali e rischierà la vita in carica. Se sopravvive, avrà una possibilità come candidato peronista nel 2023. Se fallisce, sarà anche una sconfitta per l’intero governo.

Nel 2008, Massa ha sostituito Alberto Fernández come capo di gabinetto di Cristina Kirchner. Un anno dopo andò male come il suo predecessore: stufo dei maltrattamenti del presidente e pronto a presentare una battaglia all’interno peronista. Ha fondato il Renovating Front e nel 2015 ha ottenuto il 21% dei voti alle elezioni presidenziali. Durante la sua campagna ha detto che avrebbe “messo in prigione Cristina”.

Il distacco politico non gli ha impedito di essere nuovamente d’accordo con il suo ex capo. Nel 2019 ha rifiutato la sua candidatura alla presidenza, si è unito al Frente de Todos, ha sostenuto Fernández ed è diventato deputato. Fu lasciato a capo della camera bassa e rimase in attesa mentre il presidente e il suo vice morivano dissanguati in combattimenti intestina. Massa attese pazientemente il suo turno, consapevole che era l’ultima possibilità per un governo ostinato nell’autodistruzione.

In Argentina lo spettro di un’altra devastante crisi economica

I mercati hanno ricevuto con un aumento delle obbligazioni argentine la notizia che potrebbe entrare nel governo Fernández. Il suo arrivo alla Casa Rosada è una brutta notizia per Kirchner. Ma il vicepresidente capisce anche che senza un profondo cambio di nomi, il governo stava irrimediabilmente precipitando nel vuoto. La crisi economica si è aggravata e l’arrivo di Batakis non è servito a contenere il calo del peso e l’aumento dell’inflazione. Massa è anche un epilogo per Fernández, che è sempre più solo.

Cristina Fernández de Kirchner
Cristina Fernández de Kirchner – NanoPress.it

Il presidente non ha perso solo il ministro dell’Economia che aveva scelto questo giovedì. Giovedì poco dopo mezzogiorno, il segretario per gli affari strategici, Gustavo Béliz, ha rassegnato le dimissioni. La posizione può sembrare poco attraente, ma Béliz è stato uno degli uomini più vicini al presidente e uno dei pochi che ha resistito nella sua posizione dall’inizio dell’amministrazione, nel dicembre 2019.

Senza Béliz, l’ambiente di fiducia di Fernández si è ridotto a sole tre persone: il cancelliere ed ex capo dei ministri, Santiago Cafiero; il Segretario di Presidenza, Gustavo Vitobello; e la Segreteria Legale e Tecnica, Vilma Ibarra. Sono tutti dirigenti senza aspirazioni elettorali, a differenza del resto di coloro che guidano i diversi gruppi del Frente de Todos, come lo stesso Massa e, ovviamente, Kirchner. Un’uscita disordinata Non dovrebbe sorprendere, quindi, che la partenza di Batakis sia stata il più disordinata possibile.

Il ministro ha letto mercoledì sera il nome di Massa sulle prime pagine della stampa argentina, mentre aspettava a Washington l’aereo che l’avrebbe riportata a Buenos Aires. Era stato nella capitale degli Stati Uniti per due giorni, dove ha incontrato i vertici del Fmi e della Fed, i presidenti delle banche multilaterali e i leader dei gruppi di investimento e delle agenzie di rating del rischio.

Batakis ha promesso a tutti loro che il governo si sarebbe conformato all’adeguamento concordato con il FMI a gennaio e, cosa più preoccupante negli Stati Uniti, che il suo piano avesse l’accordo dell’intera coalizione di governo, compreso il settore che rappresenta Cristina Kirchner. La critica del Kirchnerism all’accordo con il FMI è stata proprio ciò che ha espulso Guzmán dal suo incarico all’inizio di luglio. Batakis era il nome di consenso trovato dal presidente Fernández e dal suo vicepresidente.

Il ministro ha promesso un aggiustamento fiscale ancora più severo di quello proposto dal suo predecessore. Kirchner, quella volta, non ha criticato il piano in pubblico, ma non ha nemmeno sostenuto Batakis come previsto. Semplicemente taceva, mentre il peso crollava, i titoli di debito entravano nella zona di default e il rischio paese -il differenziale di debito che l’Argentina paga rispetto agli USA-, raggiungeva cifre record. Fernandez ha quindi inviato il suo ministro a Washington. Batakis ha parlato con la direttrice del FMI Kristalina Georgieva e David Lipton del Tesoro degli Stati Uniti.