L’Argentina accetta di rispettare l’accordo con il FMI

Il nuovo ministro dell’Economia della Argentina, Silvina Batakis, vara un pacchetto di misure a favore del mercato per sedare gli attacchi al peso e controllare l’aumento dell’inflazione.

Cristina Fernández de Kirchner
Cristina Fernández de Kirchner – NanoPress.it

L’Argentina si sforza di recuperare la credibilità perduta. Dopo una settimana di vertigini dovute alle dimissioni di Martín Guzmán da ministro dell’Economia, il governo di Alberto Fernández ha presentato una serie di misure a favore del mercato.

L’Argentina si sforza di recuperare la credibilità perduta

Il successore di Guzmán, Silvina Batakis, ha dichiarato in conferenza stampa che il suo management onorerà l’accordo firmato a gennaio con il Fondo monetario internazionale (FMI) e ha annunciato un taglio della spesa pubblica, tassi di interesse positivi per contenere l’inflazione che supera il 60%, il congelamento del salario statale e l’impegno a ridurre il disavanzo.

Né è nei suoi piani, ha detto, una svalutazione del peso che concilia il tasso di cambio ufficiale del dollaro con quello che governa nel mercato informale, più alto del 100%. Batakis ha parlato lunedì un’ora prima dell’apertura della Borsa e delle operazioni di cambio, nel tentativo di neutralizzare le convulsioni seguite all’uscita prematura di Guzmán la scorsa settimana.

Il ministro uscente è stato il garante dell’accordo con il Fondo, una funzione ingrata che lo ha messo nel mirino del settore della coalizione di governo che risponde alla vicepresidente, Cristina Kirchner. L’ex ministro ha resistito al fuoco amico del kirchnerismo, finché non ha sentito di aver perso il sostegno di Fernández e si è dimesso. La sua partenza fece precipitare la Casa Rosada in una grave crisi istituzionale.

Il presidente della Argentina non è riuscito a trovare il nome di un sostituto che avrebbe passato il filtro Kirchner, mentre circolavano voci che fosse addirittura pronto a dimettersi. L’elezione di Batakis, un quadro tecnico di tutto rispetto ma senza volume politico, ha fatto scattare tutti gli allarmi. La sua vicinanza a Kirchner ha sollevato timori di un allentamento delle linee guida fiscali concordate con il Fondo e di una maggiore questione monetaria.

Il ministro si è affrettato a chiarire di essere “una difensore dell’equilibrio fiscale”. E questo lunedì ha presentato un pacchetto di misure che si adattano al piano che è costato il lavoro al suo predecessore, Guzmán. Non è chiaro se Kirchner abbia dato il via libera all’adeguamento di Batakis. Durante una manifestazione di sabato, l’ex presidente almeno non ha umiliato pubblicamente il presidente né ha sparato al nuovo ministro.

Le sue frecce erano invece contro Guzmán, ora eretto come responsabile del fallimento del governo in materia economica.Le misure annunciate da Batakis sono in linea con l’accordo con il Fondo. Dopo gli annunci, lo stesso presidente Fernández ha chiesto ai mercati “di capire che l’Argentina è disposta a controllare la spesa pubblica e seguire la strada [della riduzione] del deficit fiscale”. “Non spenderemo più di quello che abbiamo”, ha riassunto in precedenza il ministro, in quello che sembra essere il nuovo mantra dell’Amministrazione.

 Il Paese è disposto a controllare la spesa pubblica e seguire la strada della riduzione del deficit fiscale

Tra le misure annunciate c’è il congelamento dei nuovi incarichi nel settore pubblico e un controllo delle spese del Tesoro “secondo la reale proiezione della cassa”. Riguardo all’accordo con il Fondo, Batakis ha affermato che era stato firmato “come Stato”, e che quindi doveva essere rispettato, che fosse gradito o meno all’intera coalizione di governo.

martín guzmán
Martín Guzmán – NanoPress.it

Tra gli obiettivi la riduzione del rosso dei conti pubblici a zero nel 2024, gli obiettivi di accumulazione delle riserve e la riduzione della questione monetaria come rimedio all’inflazione. Quest’ultimo punto è ciò che tiene di più Batakis.

Giovedì si conoscerà il CPI di giugno, ma il focus sarà sui dati del mese in corso, quando, si ipotizza, potrebbe raggiungere la doppia cifra. La scorsa settimana i supermercati hanno registrato aumenti fino al 40% in alcuni prodotti e il timore di una svalutazione incauta ha generato carenze.

“Quello che è successo non ha una spiegazione tecnica, è una speculazione”, ha detto lunedì il ministro. Il CPI sta salendo alle stelle, anche con le tariffe dei servizi pubblici praticamente congelate dalla fine del governo di Mauricio Macri nel 2018. La liberazione delle tariffe è un’altra delle sfide sul filo del rasoio di Batakis.

Gli argentini oggi pagano in media per il consumo mensile di gas il costo di tre litri di latte confezionato. Tenere sotto controllo le tariffe è costato allo Stato 11.000 milioni di dollari di sussidi alle società di generazione nel 2021, una cifra che quest’anno salirà fino a quasi raddoppiare il prodotto della guerra in Ucraina.

Guzmán aveva proposto prima delle sue dimissioni aumenti delle tariffe segmentate in base al livello di reddito degli utenti, ma il kirchnerismo ha bloccato il suo piano. Un aumento simile, hanno detto, ha colpito i più poveri, la base elettorale del peronismo. Ma Batakis ha ratificato che questa settimana entrerà in vigore la segmentazione ideata dal suo predecessore, una capriola politica che mette in luce la tregua raggiunta all’interno della Casa Rosada. Il tempo dirà se l’intesa durerà abbastanza a lungo.