Arezzo, bimbo con virus dengue ricoverato in isolamento dopo un viaggio a Cuba

Un bambino è stato ricoverato all’ospedale San Donato di Arezzo a causa del virus Dengue. Il piccolo era di ritorno da Cuba.

mani madre figlio ospedale
Mani di madre e figlio in ospedale – Nanopress.it

Pochi giorni dopo il suo ritorno da Cuba, un bambino è stato ricoverato all’Ospedale di Arezzo per aver contratto il virus Dengue. L’Asl Toscana Sud Est ha disposto tutte le misure necessarie per prevenire la diffusione del virus, prevedendo anche la disinfestazione per le zanzare intorno alla zona ospedaliera. 

Il bambino contagiato dalla Dengue ad Arezzo

Il bambino ricoverato ad Arezzo, ha iniziato a manifestare i primi sintomi tipici del virus, tre giorni dopo il ritorno da Cuba. I genitori l’hanno immediatamente portato in ospedale, in cui i medici hanno constatato che si trattasse del virus Dengue.

Attualmente i medici hanno assicurato che le condizioni del paziente sono buone e stabili. Intanto l’Asl Toscana Sud Est ha affermato di aver messo in isolamento il bambino e di aver disposto tutte le misure necessarie volte al contenimento del virus, tra cui anche la disinfestazione per le zanzare in tutte le aree limitrofe all’ospedale.

L’Asl ha ordinato la disinfestazione “a scopo precauzionale”. Saranno coinvolte in quest’ultima tutte le abitazioni private, i locali commerciali, i giardini e i parchi che si trovano nell’arco di 200 metri dall’ospedale San Donato di Arezzo. 

La disinfestazione sarà attuata tramite insetticidi e punterà ad interventi rigorosi sia adulticidi che larvicidi. Gli addetti alla disinfestazione opereranno anche attraverso il “porta a porta” di tutte le abitazione incluse nella zona, con l’intento di ispezionare a fondo le suddette.

Per questo motivo l’Asl Toscana esorta tutti i soggetti privati a permettere l’accesso agli addetti, all’interno delle aree interessate.

Il virus Dengue: di cosa si tratta

La Dengue è un virus tipico delle zone tropicali e subtropicali, tra cui Africa, Sudest asiatico, Asia, Australia e America Latina. Dunque non è un virus tipico delle nostre zone.

Questo non si trasmette da uomo a uomo, al contrario, il metodo di trasmissione è tramite le punture della zanzare. 

Coronavirus
Virus – Nanopress.it

Il virus circola nel sangue della persona infetta per 5/7 giorni, ed è in questo periodo che le zanzare possono aspirarlo e trasmetterlo ad un altro soggetto.

I sintomi iniziano ad apparire dopo i 3/5 giorni dalla puntura e sono: febbre, con temperature anche molto elevate, dolori articolari e muscolari, mal di testa acuto, dolore intorno e dietro agli occhi e in alcuni casi anche irritazioni cutanee.

Nella maggior parte dei casi questi sintomi tipici non si manifestano nei bambini, che dovrebbero apparire invece asintomatici.

In casi molti rari poi, il virus può manifestarsi anche con febbre emorragica o emorragie in diverse parti del corpo che potrebbero causare dei collassi e divenire dunque fatali.